Un sindaco polacco ha umiliato Salvini regalandogli una maglietta di Putin come quella che indossa l’italiano sui social

Sindaco di Przemysluno dei principali punti di ingresso per i rifugiati in Polonia dall’Ucraina, Martedì ha protestato contro la presenza di Matteo Salvini al centro profughi esibendo una maglietta con l’immagine di Vladimir Putin, simile a quella che indossa l’italiano sui suoi social network.

“Non ho rispetto per il signor Salvini, la sua presenza qui è un insulto, per questo sono scortese anche con lui”, ha detto il sindaco, Wojciech Bakun, dopo aver tentato di consegnare il politico ultraconservatore una maglietta con la scritta “esercito russo” in russo insieme a un ritratto del presidente del paese, Vladimir Putin.

L’outfit era identico a quello indossato da Salvini in una foto postata sul suo social nel 2015, durante una visita a Mosca, ed è diventato virale.

Dopo una breve conferenza stampa durata meno di due minuti, il sindaco ha ringraziato “profondamente” “cittadini e aziende italiane” per l’aiuto, quindi ha parlato con Salvini, mostrandogli la maglia. “Allo stesso tempo, ho una richiesta personale per il signor Salvini. Ho un regalo per lui, voglio che vada al confine o in uno dei centri profughi con questa maglia”.ha detto il sindaco di Przemysl.

Poi Matteo Salvini si è allontanato dal microfono e diversi giornalisti italiani gli hanno lanciato insulti (EFE)

Secondo i media attuali, in quel momento Matteo Salvini si allontana dal microfono e alcuni giornalisti italiani lo insultano.

Salvini è un membro della missione umanitaria del Parlamento italiano ed è arrivato lunedì a Varsavia sotto la missione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, a cui si è aggiunta la delegazione parlamentare ucraina.

Secondo le dichiarazioni raccolte dai media polacchi, Salvini, noto per le sue opinioni sull’immigrazione e il suo atteggiamento nei confronti dell’accoglienza di rifugiati dall’Africa e dall’Asia in Europa, ha affermato che “l’Ucraina ci è culturalmente e moralmente vicina”.

Dal canto suo, la televisione di Stato polacca martedì ha citato alcune parole di Paolo Grimoldi, deputato del Parlamento italiano appartenente alla formazione guidata da Salvini, in cui ha espresso la sua gratitudine «alla Polonia per aver accolto i veri profughi in fuga dalla guerra è giusto , a differenza, ad esempio, di quella in Bangladesh”.

Dall’inizio della guerra in Ucraina il 24 febbraio, Più di 1,2 milioni di rifugiati sono arrivati ​​in Polonia, di cui oltre 300.000, secondo i media locali, sono arrivati ​​tramite Przemysl.

La maglia che il sindaco gli vuole regalare (EFE)
La maglia che il sindaco gli vuole regalare (EFE)

L’estrema destra europea, intrappolata dalla “guerra di Putin”

La guerra in Ucraina ha messo in difficoltà il grande movimento di estrema destra in Europa, sballottato tra il mantenimento della fedeltà ideologica a Vladimir Putin e la solidarietà con Kievdimostrando la responsabilità dei paesi occidentali in conflitto.

A livello generale, dalla Germania alla Francia, passando per l’Italia, la Spagna o l’Austria, i responsabili di queste formazioni radicali denunciarono l’invasione russa, che i leader alleati definirono la “guerra di Putin”.

Marine Le Pen France, del Gruppo Nazionale (RN), ha condannato la violazione “insostenibile” del diritto internazionale.

“Quando si attacca, è chiaro che bisogna stare dalla parte dell’attaccato”dichiarato Salvini, dichiarato ammiratore di Putin e leader della Liga, che sostiene la coalizione di governo di Mario Draghi.

A questo proposito, questa formazione “populista” si è alleata con altri partiti e soprattutto, “con enorme solidarietà” dell’opinione pubblica nei confronti dell’Ucraina, stima Hajo Funke, professore di Scienze Politiche alla Libera Università di Berlino.

Ma l’unanimità finisce quando inizia l’analisi della responsabilità della guerra.

Foto dell'incontro a Roma di Matteo Salvini e del presidente russo Valdimir Putin (Foto: Twitter @matteosalvinimi)
Foto dell’incontro a Roma di Matteo Salvini e del presidente russo Valdimir Putin (Foto: Twitter @matteosalvinimi)

In Germania, il capo del gruppo parlamentare AfD, Alice Weidel, al Bundestag ha denunciato il “fallimento storico” dei paesi occidentali, che ha alimentato la prospettiva dell’adesione dell’Ucraina alla NATO, insistendo invece su una soluzione di “garanzia di neutralità” per questo paese . Secondo lui, questo nega “lo stato di grande potenza per la Russia”.

“Il colpevole è Putin, i responsabili sono la Nato, che non smette di crescere” insiste sulla polemica di estrema destra francese Eric Zemmour, che nel 2018 agognava un “Putin francese”.

Questi partiti sono stati aggiunti “Posizione della Russia secondo cui il conflitto non va attribuito esclusivamente a Vladimir Putin, ma soprattutto all’Occidente”mostrare AFP il politologo Wolfgang Schröder della Cassel University.

Coloro che hanno stretti legami con il leader del Cremlino, in particolare i suoi valori illiberali e il culto dell'”uomo forte”, hanno difficoltà a prendere le distanze da lui.

Nel contesto europeo, ha previsto il politologo Lorenzo Castellani, ricercatore in Scienze Politiche all’Università Luiss di Roma deviazione nella linea di sovranità della Liga, il partito “più impegnato con Putin”.

La costante nella sua critica attuale è mettere in dubbio l’efficacia di sanzioni economiche senza precedenti contro la Russiache avrà conseguenze nei paesi alleati.

(Con informazioni da EFE e AFP)

Continuare a leggere:

L’estrema destra europea, intrappolata dalla “guerra di Putin”

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.