La guerra in Ucraina rappresenta una grave battuta d’arresto per la ripresa economica dell’Europa


La guerra in Ucraina rappresenta una grave battuta d’arresto per la ripresa economica dell’Europa










Di Alfred Kammer




22 aprile 2022















OUcraina e Russia hanno affrontato le contrazioni economiche più marcate, sebbene anche altri paesi potrebbero entrare in recessione quest’anno.

La catastrofe umanitaria in Ucraina si è riverberata in tutta Europa. Circa 5 milioni di rifugiati sono fuggiti combattendo nel più grande esodo che il continente abbia visto dalla seconda guerra mondiale e ci sono molti altri milioni di sfollati interni. La maggior parte ha lasciato il paese oltre i confini con Polonia, Romania, Ungheria e Moldova. L’Unione Europea ha subito accettato gli sfollati a causa dell’invasione russa, ha concesso loro il permesso di vivere e lavorare e di ricevere assistenza sociale per almeno un anno.

La guerra rappresenta una grave battuta d’arresto per la forte, anche se ancora incompleta, ripresa dell’Europa dalla pandemia, che ha mantenuto i consumi privati ​​e gli investimenti ben al di sotto delle stime pre-coronavirus, anche se il sostegno fiscale e monetario ha ottenuto un notevole rimbalzo del PIL. visto prima della pandemia. L’aumento dei prezzi del cibo e dell’energia influisce notevolmente sui consumi delle famiglie e incertezza economica Ciò fermerà l’investimento.

Inoltre, la guerra ci ricorda che l’Europa deve fare di più per migliorare la sicurezza energetica, soprattutto aumentando le fonti rinnovabili e aumentando l’efficienza.

Crescita rivista al ribasso

Il nostro ultimo Regional Economic Outlook declassa le previsioni di crescita per l’Europa. Per le economie sviluppate, abbiamo ridotto la nostra previsione di crescita di 1 punto percentuale, al 3% nel 2022, rispetto alla proiezione di gennaio, e per i paesi in via di sviluppo, escluse Ucraina e Russia, abbiamo ridotto la nostra previsione di crescita di 1,5 punti percentuali, al 2,7%. . Si prevede che alcune delle maggiori economie – tra cui Francia, Germania, Italia e Regno Unito – si espanderanno a malapena o addirittura si contrarranno per due trimestri consecutivi dell’anno. L’attività stimata in Russia è in calo dell’8,5% e in Ucraina del 35%.

Prospettive economiche regionali: Europa - aprile 2022. Blog, grafico 1

Cosa dovrebbero fare le autorità monetarie e fiscali? La guerra è uno shock dell’offerta che abbassa la produzione economica e aumenta i prezzi. Infatti, la nostra previsione per l’inflazione è che l’inflazione salirà al 5,5% nei paesi sviluppati e al 9,3% nei paesi in via di sviluppo, escluse Russia, Turchia e Ucraina. Queste previsioni erano rispettivamente di 2,2 e 3,5 punti percentuali in più rispetto alle proiezioni di gennaio.

La politica monetaria deve bilanciare l’inflazione con la necessità di limitare le perdite di produzione e facilitare la riallocazione di lavoratori e capitali in risposta a nuovi shock. Gran parte della pressione sui prezzi proviene da forze che sfuggono al controllo della banca centrale, come shock sui mercati alimentari ed energetici e interruzioni delle catene di approvvigionamento. Tuttavia, le autorità monetarie in molti paesi devono mantenere un percorso normalizzato delle condizioni di prestito per contenere le aspettative di inflazione e ancorare le determinanti interne dell’inflazione, come i salari e l’affitto delle case.

Ove possibile, i governi dovrebbero agire di concerto con le parti sociali per prevenire aumenti salariali e dei prezzi, tra l’altro fornendo un sostegno adeguato alle famiglie e alle imprese che hanno difficoltà a pagare più del dovuto per le materie prime. Per far fronte agli shock dell’offerta, gli stabilizzatori fiscali automatici, come l’aumento dell’assicurazione contro la disoccupazione e la riduzione del pagamento delle tasse, dovrebbero poter operare liberamente. Queste misure aumenteranno il disavanzo di bilancio man mano che le prospettive di crescita si indeboliscono – e hanno ragione a farlo – e aumenteranno la pressione sulle finanze pubbliche in alcuni paesi. Detto questo, la politica fiscale potrebbe dover sostenere maggiormente l’economia se si materializzano seri rischi.

Le pressioni di bilancio saranno ancora più forti in alcuni paesi che aprono le proprie frontiere ai rifugiati, ad esempio in Polonia, che ha una popolazione di quasi 3 milioni, o in Moldova, dove il numero di rifugiati è molto alto rispetto alla popolazione. Questa situazione sottolinea la necessità di condividere equamente i costi degli aiuti umanitari tra i membri dell’UE. Nei paesi ospitanti non UE, l’assistenza dei partner multilaterali e regionali dovrebbe aiutare a gestire i costi, soprattutto laddove le finanze pubbliche sono già sotto pressione.

costi di ricostruzione

La sfida dell’Europa è ricostruire l’Ucraina e la sua economia in modo da incoraggiare il ritorno dei rifugiati. La ricostruzione delle infrastrutture distrutte richiederà ingenti finanziamenti con una significativa componente di sovvenzioni. La ricostruzione e il reinsediamento contribuiranno al ritorno dei rifugiati e al ripristino della crescita economica. L’attuazione di riforme che rafforzino le istituzioni e le politiche pubbliche massimizzerà i dividendi della crescita derivanti dalla ricostruzione.

Ciò richiederà tempo e, di conseguenza, è probabile che alcuni di coloro che sono fuggiti rimarranno per un po’ nel paese ospitante. Sarà importante l’integrazione dei rifugiati, soprattutto donne e bambini, nel mondo del lavoro e della scuola. Potrebbero essere appropriate politiche occupazionali mirate, come sussidi salariali temporanei per incoraggiare le assunzioni. Può anche assumere la forma di riconoscimento delle qualifiche, formazione linguistica e attenzione ai bisogni di custodia dei bambini.

Prospettive economiche regionali: Europa - aprile 2022. Blog, grafico 2

*****

Alfred Kimmer È Direttore del Dipartimento europeo del Fondo monetario internazionale dall’agosto 2020. In questo ruolo, sovrintende al lavoro del FMI con l’Europa.

In precedenza, il Sig. Kammer è stato Capo del Personale nell’Ufficio dell’Amministratore Delegato, dove ha consigliato l’Amministratore Delegato su questioni operative e supervisionato le attività del team dirigenziale; Vicedirettore del Dipartimento Strategia, Politica e Valutazione, dove sovrintende al lavoro di supervisione strategica e politica dell’FMI; Vice Direttore del Dipartimento Medio Oriente e Asia Centrale, dove sovrintende allo sviluppo economico regionale e alle problematiche del settore finanziario; Direttore dell’Ufficio di gestione dell’assistenza tecnica, dove fornisce consulenza alla direzione sulle operazioni di assistenza tecnica e supervisiona la raccolta fondi e le partnership globali per il rafforzamento delle capacità, e consigliere del vicedirettore generale. Sig. Kammer è anche il rappresentante residente del FMI in Russia. Da quando è entrato a far parte del FMI, Kammer ha lavorato con paesi dell’Africa, dell’Asia, dell’Europa e del Medio Oriente, occupandosi di un’ampia gamma di politiche economiche e questioni strategiche.



Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.