I giocatori di basket dell’USK hanno fissato la prima partita contro l’italiano Schiu – T sport – Czech Television

“Non importa se oggi finisce con due o venti punti. Se perdiamo questa partita, la rivincita sarà molto difficile”, ha detto l’allenatore Natália Hejková ai giornalisti dopo la partita.

“Oggi abbiamo rotto con una difesa tipica. Tanto di cappello ai giocatori, con un grande impegno hanno concluso in stretta rotazione. María Condeová, che fino a quel momento non ha disputato la partita migliore, si è rilassata e ha tirato la squadra vittoria”, ha aggiunto l’allenatore slovacco.

Inizialmente l’USK avrebbe dovuto affrontare l’ungherese Sopron nei quarti di finale. Tuttavia, dopo l’eliminazione della squadra russa a causa dell’invasione dell’Ucraina, la squadra di Praga è passata al secondo posto nell’ultimo girone e ha preso Schio dopo un aggiustamento del ragno. La squadra di casa ha iniziato senza il quarterback infortunato Barbora Bálintová e la piva Dragana Stankovicová.

Fin dall’inizio, i campioni cechi si sono affidati al tradizionale supporto di Brionna Jones, che inizialmente ha aiutato a superare di otto punti un vantaggio di 11:9. Tuttavia, Schio ha continuato l’inseguimento, saltando bene e non lasciando passare USK per più di tre punti all’inizio.

Nel tempo, la squadra italiana ha rafforzato la propria difesa e i giocatori di casa hanno iniziato a primeggiare nelle strette rotazioni. Anche se la squadra di Praga è riuscita a fermare due punti di ingresso rivali nel secondo quarto, e il 12 punti Jones è stato raggiunto anche dalla distanza dal prolifico Oblaková, Schio è andato in cabina con un vantaggio di 41:39.

L’allenatore della squadra Natálie Hejková ha continuato a preoccuparsi dopo l’intervallo in attacco e non ha segnato in quattro minuti. Gli ospiti si qualificano per un vantaggio di otto punti. Sandrine Gruda ha accumulato una doppia doppietta quella volta con 12 punti e 10 rimbalzi.

“Abbiamo parlato di come migliorarlo. Non siamo riusciti in difesa fino agli ultimi cinque minuti, ma in attacco i giocatori hanno preso le istruzioni un po’ meglio”, ha detto Hejkova. Esemplifica anche il duro gioco dei suoi avversari.

“Alyse Thomas ha i denti che ruggiscono, quindi è chiaro che qualcuno le ha dato una gomitata. L’ha fatto, ma temo che non esploderà neanche. Jones ha avuto anche quattro falli”, ha aggiunto Hejková.

Schiu ha anche scatenato il primo minuto dell’ultimo quarto e, grazie a dieci punti, i Mestdaghs hanno portato in vantaggio di 64:52 a sei minuti dalla fine. Tuttavia, i giocatori di casa non si sono arresi. Conde, presto per riportare la sua squadra in dieci punti, ha terminato il tiro, e alla fine ha concluso il suo turno con altri quattro punti.

L’USK ha battuto Schio per la quinta volta in sette partite e potrebbe vincere la quinta Final Four della storia.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.