Polemica politica arriva ai Sanremo Music Awards di Cuba | Cuba in DW | DW

La decisione di artisti come Andy e Lucas, Alex Ubago e Kalimba di abbandonare la locandina del festival musicale – perché organizzato dal governo cubano – ha suscitato grandi polemiche nell’isola per lo stretto rapporto tra cultura e politica, secondo alle relazioni di mercoledì (02/09/2022) questo.

Questo e altri quattro artisti provenienti da Spagna, Messico e Italia hanno inizialmente detto sì agli organizzatori Premi di musica cubana di Sanremoma dopo che una campagna sui social media guidata da attivisti politici si è ritirata.

Il governo cubano ha reagito subito parlando di “boicottaggio” e denunciando “pressioni”, mentre i media ufficiali hanno denunciato la campagna e la politicizzazione della cultura. Compositore Israel Rojas, dal gruppo popolare buona intenzioneha esortato gli artisti internazionali a non “lasciarsi fare pressioni” ea partecipare all’evento in programma dal 5 al 10 aprile, il cui poster è stato aggiunto dopo la prima cancellazione.

Questa risposta è stata seguita anche da un articolo sul sito ufficiale Dibattito cubano che ha denunciato le “tattiche di bullismo contro gli artisti” e il trasferimento della “guerra economica, politica e culturale contro Cuba sul palcoscenico, sugli artisti e sul pubblico in Europa”.

Da quando è stata annunciata la locandina – una settimana fa – attivisti e oppositori hanno esortato gli artisti, tramite i social network, a non partecipare al festival per motivi politici. Allude all’arresto di manifestanti durante le proteste antigovernative dell’11 luglio, ponendo particolare enfasi sui minori in carcere.

Annullamento dell’evento

Pochi giorni dopo, Alex Ubago lo ha annunciato Indonesia: “Nonostante i miei fan sull’Isola e l’illusione di essere lì per la prima volta mi ha fatto, dopo aver avuto tutte le informazioni sull’organizzazione dell’evento e vista la situazione in cui si trova il Paese, ho pensato di non andare. “

È stato seguito da Lucas González, del duo Andy e Lucas, che ha spiegato online che non sarebbe andato all’evento nemmeno perché il gruppo “non sostiene regimi dittatoriali o persone che imprigionano i bambini e lasciano che le persone soffrano la fame”.

Inoltre, hanno cancellato all’ultimo momento famosi artisti cubani come Raúl Paz e Telmary, che non hanno voluto partecipare al festival organizzato, tra gli altri, da Lis Cuesta, moglie del presidente cubano Miguel Díaz-Canel. L’appello al no-show è stato promosso da Alex Otaola, un “influencer” cubano con sede a Miami che è molto critico nei confronti del governo dell’Avana, che muove un alveare virtuale tra sostenitori e detrattori.

Il comitato organizzatore dell’evento, facendo riferimento al Festival italiano della città di Sanremo, ha assicurato a fine gennaio che si tratterà di un “evento unico, in cui musicisti nazionali e internazionali si scambieranno sul palco dell’Avana durante la giornata”. Questo mercoledì, una settimana dopo l’annuncio della cancellazione del cantante internazionale, la reazione è stata: “El San Remo Va”, accompagnata da una campagna sui social network che ha utilizzato l’etichetta per sostenere il contest.

Il musicista cubano Jorge Luis Robaina, uno dei coordinatori dell’evento, ha dichiarato in una conferenza stampa che gli artisti si sono ritirati a causa delle “molestie” e “della pressione a cui sono stati sottoposti”. “La gente ha demonizzato un evento a scopo di lucro, un vero evento culturale”, ha detto Robaina, accompagnato da funzionari del Ministero statale della Cultura e della casa discografica (EGREM). Anche i musicisti cubani vogliono spoliticizzare il festival: “Questo è un evento di scambio culturale tra Cuba e l’Italia, non c’è altra interpretazione”.

amore (efe, afp)

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.