Petkovic e Martic raggiungono il sorteggio finale a Madrid

Il turno preliminare femminile si è concluso questo mercoledì in una giornata emozionante al Caja Mágica. Alcuni dei migliori nomi della fase di qualificazione sono arrivati ​​al tabellone principale e promettono di essere un profilo molto duro in questo Mutua Madrid Open

Il seme numero 1 Ekaterina Alexandrova ha stabilito la sua legge con la forza sul campo in terra battuta. Il numero 45 del mondo ha battuto la francese Clara Burel 6-1, 6-1 in una delle partite più forti della giornata.

A farsi strada nel tabellone principale è stato anche l’ex Top 15 mondiale Kaia Kanepi, i cui colpi in battuta si sono guadagnati il ​​rispetto alle altezze del Real Madrid. L’estone ha concluso un match impegnativo contro l’italiana Martina Trevisan, che ha sconfitto 6-2, 7-5 sui campi in terra battuta dello Stadio Manolo Santana.

L’esperienza è nelle mani di Petra Martic, una delle giocatrici più rispettate in superficie. Il croato ha concluso la sua partita contro l’italiana Lucia Bronzetti 6-4, 6-1 assicurandosi un posto in finale.

Il volto familiare di Caja Mágica sta scrivendo di nuovo la pagina brillante. La rumena Irina Camelia Begu, due volte quarti di finale del torneo, ha vinto 6-1, 6-0 contro Kamilla Rakhimova, regalandosi la possibilità di brillare ancora una volta nella capitale spagnola.

La personalità di Andrea Petkovic ha entusiasmato i presenti con una vittoria guadagnata duramente. Il tedesco ha vinto 7-6(4), 6-4 sulla slovena Kaja Juvan, uno dei nuovi talenti emersi nel tour. L’autorità dell’ex semifinalista del Roland Garros sarà una forza da non sottovalutare a Madrid.

Nel giorno della grande battaglia, l’ungherese Anna Bondar (6-4, 6-2 su Grace Minnen), la ceca Marie Bouzkova (7-5, 6-4 su Danka Kovinic), la slovacca Anna- Karolina Schmiedlova ( 6-2, 1-6, 7-6 per Magda Linette), l’ucraina Dayana Yastremska (6-2, 7-6 per Harmony Tan), la francese Oceane Dodin (3-6, 7-6, 6-2 per Beatriz Haddad Maia), Varvara Gracheva (6-3, 6-2 per Heather Watson) e Anastasia Potapova (6-2, 6-0 per Kristina Mladenovic).

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.