Margarita Robles apparizione al Congresso per spionaggio, dal vivo

Margarita Robles: “Non faccio speculazioni, non parlo per speculazioni. Credo nella Corte d’Appello Nazionale, non so chi abbia paura della Corte d’Appello Nazionale. Perché non speculerei né attribuirei responsabilità , spetta ai tribunali”.

Lo spionaggio contro il presidente del governo, Pedro Sánchez, e il ministro della Difesa, Margarita Robles, è diventato un “attacco esterno”, secondo il ministro della Presidenza, Félix Bolaños.

Crediamo assolutamente che sia stato un attacco esterno. Nelle democrazie piene come la nostra, hanno il potere di intervenire solo negli organi ufficiali e sempre con autorizzazione giudiziaria. Non abbiamo dubbi che sia stato un intervento esterno”, ritiene Bolaños.

Non sono stati forniti nomi dei paesi che potrebbero essere coinvolti nel caso Pegasus, anche se The Guardian ha sottolineato che il Marocco sarebbe dietro lo spionaggio dei telefoni cellulari di 200 politici spagnoli.

Il presidente del governo, Pedro Sánchez, ha visto come si sia intensificato il terremoto politico che lo perseguita sempre più dopo la rivelazione del sistema di spionaggio Pegasus, che ha colpito l’intera Moncloa.

Data questa situazione, è prevedibile il licenziamento del direttore del National Intelligence Center (CNI), Paz Esteban, viste le gravi violazioni della sicurezza riconosciute dal governo.

Per ora, Sánchez rimane calmo e non ha ancora annunciato decisioni importanti, anche se dopo l’apparizione del ministro della Difesa, Margarita Robles, potrebbero essere apportate modifiche.

Il National Intelligence Center (CNI) è incaricato di preparare i telefoni cellulari ufficiali utilizzati dai membri del governo spagnolo, compresi quelli del presidente Pedro Sánchez e del ministro della Difesa Margarita Robles.

Entrambi sono stati colpiti dal sistema di spionaggio Pegasus, che ha ingannato telefoni “sicuri” con sistemi crittografati e firewall in grado di prevenire attacchi da questo tipo di app.

Il dispositivo ha l’app COMSec, che ottiene il via libera dal National Center for Cryptography, crittografa le conversazioni end-to-end

La ministra della Difesa, Margarita Robles, arriverà al Congresso dei Deputati per parlare di “approvazione della bussola strategica dell’Unione europea e dei suoi effetti sulle proiezioni delle Forze armate sulle missioni internazionali”.

Tuttavia, Robles concentrerà davvero il suo intervento sul caso di spionaggio Pegasus e su tutti i dati che sono stati raccolti dal software dannoso israeliano che ha colpito il governo spagnolo e i leader dell’indipendenza catalana.

Il governo britannico è stato uno dei più colpiti dal caso di spionaggio Pegasus, da cui è caduto vittima dello stesso spionaggio informatico dei leader indipendentisti catalani.

D’altra parte, la scorsa estate anche la Francia è stata collegata a questo sistema di spionaggio, poiché i cellulari del presidente Emmanuel Macron, dell’ex primo ministro douard Philippe e di quattordici membri del governo erano nell’elenco degli obiettivi da hackerare.

Anche in Italia, con il virus Trojan installato sui dispositivi di Hakim Palamara, USA e Germania, questa fastidiosa applicazione ha influito sulla politica locale

NSO Group è lo sviluppatore di Pegasus, anche se non lo menziona sul suo sito Web piuttosto opaco. Software spia utilizzato per hackerare i telefoni del presidente del Parlamento Roger Torrent i Ramió e di altri sessanta leader indipendentisti in Catalogna.

La sigla NSO sta per i fondatori Niv Carmi, Shalev Hulio e Omri Lavie, i nomi dei tre fondatori dell’azienda, nata nel 2010 e con sede a Herzliya, vicino a Tel Aviv. Il suo spionaggio Pegasus è stato utilizzato nello spionaggio statale contro il Pakistan, nell’assassinio di dissidenti.

Ha anche spiato giornalisti uccisi dagli agenti del governo saudita Jamal Kashoggi o in operazioni contro attivisti e giornalisti in Messico.

Lo spyware Pegasus è stato creato dalla società israeliana NSO Group ed è stato scoperto nel 2016, mentre cercava di installarsi sull’iPhone dell’attivista per i diritti umani Ahmed Mansoor, degli Emirati Arabi Uniti.

Dopo questa prima notifica, si è scoperto che si trattava del sistema più avanzato mai visto per spiare un telefono, ma l’app è stata aggiornata al punto da poter superare i colli di bottiglia della sicurezza.

Questo mercoledì è prevista anche la presenza del Direttore del National Intelligence Center (CNI), Paz Esteban, anche lui coinvolto nel caso Pegasus.

Lui e Margarita Robles dovrebbero essere gli unici a parlare del controverso caso di spionaggio che riguarderà l’intero governo spagnolo.

La spiegazione del ministro della Difesa Margarita Robles al Congresso dei Deputati è prevista per le 10.30 di questa mattina.

Il ministro della Difesa parlerà dell’ultima indagine sul caso “Pegasus” e della misura in cui il governo spagnolo è arrivato

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.