Morte invincibile. La squadra di campioni del dopoguerra è stata uccisa da un errore fatale

Il Fiat G.212CP non è affatto un vecchio aereo, prodotto nel 1947. Tuttavia, mercoledì 4 maggio 1949, decollò senza che nessuno lo sapesse, per l’ultima volta. Sulla Avio Linee Italiane è decollato dall’aeroporto di Lisbona alle 09:52 con scalo a Barcellona alle 13:15 per il rifornimento.

Il popolare calciatore “I granata”, che in italiano significa nocciolina, ha abbinato il colore della sua maglia, reduce da un’amichevole a Lisbona.

Perso nella tempesta

Dopo una sosta di mezz’ora nella capitale catalana, l’aereo è proseguito per Torino, con diciotto giocatori dell’FC Torino, tre dirigenti del club, due allenatori e una massaggiatrice, tre giornalisti e quattro membri dell’equipaggio. Tutte le 31 persone sono morte tra i rottami dell’aereo nell’incidente vicino all’aeroporto di destinazione.

Il tempo a Torino era pessimo al momento dell’atterraggio, ha riferito l’ultima volta l’equipaggio a Savona, dove è stato costretto ad abbandonare un livello di volo di 2.000 metri e volare con comandi manuali e visivi a una quota di circa 1.000 metri. La scarsa visibilità di soli 40 metri, le nuvole basse, la scarsa comunicazione radio ed errori di navigazione hanno causato la successiva tragedia quando l’aereo è precipitato sulla collina di Superga (675 m slm) dietro il complesso della chiesa.

Al momento della collisione, l’aereo stava volando a 180 km/he i piloti non erano più in grado di reagire alle forti raffiche di vento.

Invincibile, sconfitto…

Alla fine e dopo la seconda guerra mondiale, l’AC Torino Italia (fondata nel 1906) era una squadra senza rivali contro tutte le rivali. Ne aggiunse altri cinque al suo unico titolo prebellico nel 1927/1928 nel periodo di maggior successo (1942/1943, 1945/1946, 1946/1947, 1947/1948 e 1948/1949), non ebbe concorrenza interna e vantava tutti i rappresentanti d’Italia. Undici – il set completo – sono stati trovati morti nella basilica: Valerio Bacigalupo, Aldo Ballarin, Eusebio Castigliano, Guglielmo Gabetto, Giuseppe Grezar, Ezio Loik, Virgilio Maroso, Valentino Mazzola, Romeo Menti, Franco Ossola e Mario Rigamonti.

Il più capace è il Capitano Valentino Mazzola, padre della leggenda italiana Calcio Alessandro, Campione d’Europa 1968, Vice Campione del Mondo 1970, famoso direttore d’orchestra dell’Inter dagli anni ’60. Suo padre stava ancora meglio. Veloce, pratica, a due gambe, fantasiosa quando si lavora con una palla, anche se più piccola (170 cm), con un maglione di gomma. Tutta la nazione lo adora, lo ama, lo canta.

Il grande Grande Torino, soprannome della celebre squadra della città automobilistica, è in primis opera sua, anche se in gioventù ha sostenuto le rivali locali della Juventus. Trova l’azione, impegna i compagni di squadra e segna ancora. In sette anni ne ha tirati 118 con la maglia bordeaux, sotto il suo bastone il Torino non perde una partita casalinga in quattro anni.

Schubert è l’unico giocatore dell’illustre squadra che nel suo ultimo viaggio non è stato accompagnato da parenti o amici, così come nessun parente ha mai chiesto il rimpatrio della sua salma. Fu quindi sepolto in un cimitero monumentale di Torino, insieme a sette amici morti.

Stanislav Hrab, pubblicista di calcio

Questa squadra è così speciale che quando il fenomenale attaccante Ladislav Kubala, originario di Budapest di origine slovacca (sei presenze per la nazionale cecoslovacca), lasciò l’Ungheria comunista illegale nel 1949, pensò che avrebbe firmato un contratto a Torino per giocare con lui. In ogni caso, la trasferta a Lisbona è stata organizzata perché Mazzol e l’amico José Ferreira hanno detto addio alla sua carriera al Benfica. Aveva trent’anni nella tragedia.

In Brasile in barca

Per la sconfitta di guerra, i giocatori dell’AC Torino diedero all’Italia la speranza di mantenere il titolo dei due campionati precedenti nel 1934 in Italia e nel 1938 in Francia ai Mondiali del 1950. Tutto fu improvvisamente diverso…

A seguito dell’incidente aereo, la squadra italiana si recò al campionato nautico, sebbene il viaggio fosse durato quasi tre settimane all’epoca. E la difesa si è trasformata in disgrazia. Una sconfitta nell’ultimo girone contro la Svezia per 2:3 ha fatto sì che la squadra azzurra fosse andata a casa prematuramente. Questa volta in aereo, è stato accompagnato dall’arrogante britannico, cosa che non è bastata per la Spagna e gli Stati Uniti alla prima del campionato del mondo.

Membro della squadra nazionale della Cecoslovacchia

Non è solo il calcio italiano ad aver riportato sconfitte. Il membro della nazionale francese Italia Mile Bongiorni, il connazionale Roger Grava e anche il nazionale cecoslovacco Július Schubert hanno concluso una promettente carriera calcistica tra le macerie di un aereo. Il nome è in qualche modo sommerso nella storia del calcio cecoslovacco.

Una delle vittime dell’incidente aereo fu il legionario cecoslovacco Július Schubert.

È nato cento anni fa, il 12 dicembre 1922 a Budapest, ma viene dalla Slovacchia. I miei genitori provenivano da Zemplín, nella Slovacchia orientale e durante la prima guerra mondiale si trasferirono in Ungheria per migliorare le condizioni di vita e di lavoro. Jula ha iniziato a giocare a calcio nel club Ganz VTSE di Budapest ed è diventata la prima squadra ad apparire nella massima competizione dopo la seconda guerra mondiale.

A seguito di un accordo politico – l’Ungheria, in quanto alleata della Germania di Hitler, era considerata un paese sconfitto – Giulio divenne un rimpatriato e tornò nel paese d’origine dei suoi genitori. Poiché parlava anche slovacco, capì rapidamente i suoi nuovi compagni di squadra al club K Bratislava, che nel 1948 cambiò nome in Slovan NV, e giocò due anni di successo nella massima competizione cecoslovacca (1946-1948), segnando 24 gol in campionato. una maglia bianca.

Ha gareggiato due volte con la maglia della nazionale cecoslovacca, la prima volta a Budapest contro l’Ungheria nei cosiddetti Giochi dell’Europa centro-balcanica (23 maggio 1948 – 1: 2), quando ha segnato l’unico gol degli ospiti. È stato convocato dall’allenatore Jan Knobloch-Madelon. La seconda e ultima partita in nazionale è stata la partita al palo di Tehelné con l’Austria (31 ottobre 1948 – 3:1), in cui hanno vinto gli attaccanti dello Slavia Ota Hemele (2 ×) e Ladislav Hlaváček, Ferdinand Daučík, futuro famoso centrocampista e poi allenatore Barcellona FC.

Sepolto con gli amici

Nell’autunno del 1948, Schubert non si unì più al club di Bratislava e firmò con il presidente del club italiano AC Torino, Ferruccio Novo. Tuttavia, ha giocato solo cinque partite di campionato con la squadra “I granta” con un gol. Non poteva fare di più, il suo impatto sulla basilica vicino a Torino pose fine alla sua vita all’età di 26 anni.

Il 6 maggio si sono svolti i funerali delle vittime della tragedia aerea. Alla cerimonia di lutto hanno partecipato quasi un milione di ospiti, celebrità del calcio di tutto il mondo, ma anche gente comune della metropoli piemontese.

Tre settimane dopo, il famoso River Plate argentino è venuto a giocare una partita commemorativa e di supporto per i sopravvissuti con una squadra chiamata Torino Simbolo. È composto da giocatori sia dell’AC che dell’Inter di Milano, oltre a giocatori della rivale cittadina della Juventus: sono stati scelti nomi come Boniperti, Sentimenti IV., Nyers, Nordahl, Furiasi della Fiorentina, il portiere Moro del Bari o Ferraris del Novara da tra tanti amici di calcio.

Schubert è l’unico giocatore dell’illustre squadra che nel suo ultimo viaggio non è stato accompagnato da parenti o amici, così come nessun parente ha mai chiesto il rimpatrio della sua salma. Fu quindi sepolto in un cimitero monumentale di Torino, insieme a sette amici morti.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."