Julio César Uribe svela l’errore più grande della sua carriera dopo aver battuto Diego Maradona e Zico al Calcio de Italia

Julio César Uribe svela l’errore più grande della sua carriera dopo aver battuto Diego Maradona e Zico in Italia

Giulio Cesare Uribe, ex giocatore nazionale del Perù e l’idolo dello Sporting Cristal, ha raccontato la sua esperienza al Cagliari in Serie A italiana e ha rivelato di aver commesso in quel momento l’errore più grande della sua carriera sportiva.

Giulio Cesare Uribe raccontò, nel programma ‘La fe de Cuto’ del quotidiano Trome, che in quel momento era stato eletto miglior giocatore straniero della Serie A italiana, battendo Diego Maradona da Napoli e Zico dell’Udinese, ma il suo pessimo atteggiamento in quel momento non gli ha permesso di continuare a giocare e crescere nel Calcio.

JULIO CÉSAR URIBE DATO IN ITALIA

“Nel primo anno (ha vinto il suo primo premio), a sei mesi. C’è un campionato di andata e un campionato di ritorno. In un periodo di 15 partite, cioè 30 alla volta, dopo 15 partite mi hanno riconosciuto come il miglior giocatore straniero, insieme a Diego Maradona e Zico. Mi riconoscono con apprezzamento, quando c’erano tre stranieri: il Napoli ha preso Maradona, l’Udinese ha preso Zico e il Cagliari ha preso mema devo andare avanti, finché Ho commesso l’errore più grande della mia carriera. Non ha accettato la decisione del tecnico e mi ha chiuso le porte del calcio italiano. Professionista al 100% dentro e fuori dal campo ma vista la sua giovane età e la sua interpretazione del momento penso che chi guadagna di più dovrebbe giocare”.

COMBATTI CON I TECNICI UDINESE

“Ero un comico, ma non sono mai cresciuto. Il mio carattere forte dà la sensazione che possa essere ampliato. Ho un livello di convinzione molto forte, questo è ciò che dà la sensazione di essere allargato. Sono stato attraverso il processo bancario, ma sono diventato un maniaco della produttività. Quindi è naturale vedere la produttività “senza gol”, “senza tiri” e “senza assist”. Ci sono allenatori che devono prendere decisioni e quando devono decidere gli allenatori gli dico ‘non mi siederò in panchina’, ma Professionalmente ammetto che è stato l’errore più grande della mia carriera sportiva“.

Julio César Uribe è considerato il miglior giocatore straniero della Serie A italiana davanti a Diego Maradona (Napoli) e Zico (Udinese).

INTERVENTO DEL PRESIDENTE DI CAGLIARI

Gli ho detto ‘Non vado in banca’ e lui ha risposto ‘Perché non vai in banca? Stai scherzando?’ -ha risposto- ‘Non vado in banca, non ti piaccio’ e non vado. Poi l’allenatore ha detto al presidente del Cagliari di aver preso questa decisione e il presidente mi ha chiamato (per lamentarsi). È nuvoloso. Poi mia moglie ha parlato con buon senso quando gliel’ho detto. Il giorno dopo ho chiesto scusa al presidente, e lui mi ha detto che avrebbe rimosso il tecnico, gli ho detto di non farlo. Non voglio portare nella mia coscienza che ha assunto un tecnico per le mie responsabilità. Riprenderò il mio lavoro. Combatterei per riavere la mia posizione e l’ho recuperata. Sbagliato, ma sempre giusto”

MORTE IN ITALIA

Qualcuno ci abita (Italia) lo apprezza sempre, perché sono cambiato come persona, lì sono cresciuto. È arrivato in Italia e ha giocato solo con la palla, ma in Italia ho imparato a giocare senza palla. Esci dal calcio dove sei sbilanciato, ma non segna, andrò in Italia senza segnare. Sono tornato dall’Italia segnando gol e giocando senza palla. All’85′ triangolamo e io apro da fuori, non mi danno mai una palla verticale così posso prendere il centro, perché ho impostato i profili sinistro e destro. Lo dico sempre ai ragazzi, ma se sono nati insieme, perché non prendono a calci con entrambi? Questo è un problema di qualità. Abbiamo tutti qualità diverse, ma puoi migliorarle in fase di allenamento, in quella professionale è molto più difficile. Lì sono maturato come persona e ho realizzato i miei sogni in base alle persone che amo”.

Julio César Uribe è considerato il miglior giocatore straniero della Serie A italiana davanti a Diego Maradona (Napoli) e Zico (Udinese).

LEZIONI PER JUAN MANUEL VARGAS

Ho raccontato questo aneddoto anche a Juan Manuel Vargas, perché avrebbe commesso gli stessi errori che ho fatto io in nazionale.. Gli ho detto ‘stai attento, mi sbagliavo su questo’. Ti ho parlato del motivo, è stato quando ero l’allenatore della nazionale nel 2007. Non fare l’errore che ho fatto. Ti ho parlato e ti ho detto che giocherai 45 minuti in questa partita e l’altra sei titolare per questo motivo. ‘No, ‘Maestro’ non sarei venuto da così lontano per andare in panchina.’ Ti do 5 o 10 minuti per pensare. Gli ho raccontato questo aneddoto: ‘è stato l’errore più grande della mia vita e non voglio che tu ti faccia male come è successo a me’. Poi è venuto e mi ha detto che avevo ragione. Poi ha giocato 45 minuti e poi tutta la partita. Non ho mai deluso i giocatori”

GIULIO CESARE PARLA ITALIA

“(Ho imparato dalle) battute dei miei compagni di classe, ho trattenuto le parole, sono andato al dizionario e ho visto che mi prendevano in giro. Questo è il mio meccanismo di apprendimento. E così ho imparato. Parlo con loro, scherzano con me, quindi cerco le parole nel dizionario per rispondere all’una o all’altra. Fino a quando la necessità della comunicazione quotidiana non mi ha fatto imparare l’italiano”.

CONTINUA A LEGGERE

Perù vs Paraguay: Guillermo Barros Schelotto avverte che saranno in lizza per vincere e nessuno si salverà
Perù vs Uruguay: ‘blanquirroja’ e supporto dati in trasferta contro ‘celeste’ nelle qualificazioni
Gianluca Lapadula, guarito dall’infortunio, è stato convocato per la partita di Benevento contro. Frosinone per la Serie B
“Coyote” Rivera non è più presidente dell’IPD: il governo emette una risoluzione che pone fine alle sue assunzioni
Perù vs. Paraguay: modalità di vendita e acquisto dei biglietti per le partite di qualificazione

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.