Guerra ucraino-russa, dal vivo

Il presidente bulgaro Rumen Radev ha avvertito questa domenica che esiste un rischio “reale” di guerra in tutta Europa e persino nel mondo a causa della guerra in Ucraina.

“Il rischio che la guerra diventi paneuropea o addirittura globale è reale”, ha affermato Radev nel suo discorso alla festa del lavoro. Il presidente bulgaro ha ricordato che l’esplosione “risuonava nel cuore dell’Europa”.

Il governo della Repubblica Ceca ha acquistato 2,4 terawatt di gas naturale per aumentare le proprie riserve nazionali in caso di problemi di approvvigionamento. L’operazione, annunciata domenica dall’agenzia nazionale di prenotazione, è costata 8.500 milioni di corone (345 milioni di euro).

Questa è la prima volta che il Paese acquista riserve di gas. L’importo equivale al 2% del consumo nazionale nel 2021. “La Repubblica Ceca sta aumentando la sua sicurezza energetica con questo acquisto”, ha affermato Pavel Svagr, direttore dell’Amministrazione statale delle riserve di materiali.

Questa notte si sono verificate due potenti esplosioni nella regione russa di Belgorod, al confine con l’Ucraina, come riportato questa mattina dal governatore locale, Viacheslav Gladkov. “Mi sono svegliato mezz’ora fa da due forti esplosioni”, ha scritto su Telegram.

Tuttavia, secondo i servizi di emergenza, non ci sono state vittime o danni da rimpiangere.

Gladkov ha promesso di fornire maggiori dettagli su quanto accaduto durante la giornata e ha condannato diversi attacchi alle frontiere nelle ultime settimane e il ministero della Difesa russo ha avvertito delle conseguenze se l’Ucraina continua ad attaccare il territorio russo.

Un aereo russo Antonov An-30, utilizzato principalmente per la sorveglianza aerea, ha violato lo spazio aereo svedese venerdì, secondo le forze armate del paese scandinavo.

Secondo Stoccolma, il dispositivo si trovava a est dell’isola di Bornholm, in territorio danese, e ha volato in direzione della regione di Blekinge, penetrando nello spazio aereo svedese. È stato lì per poco tempo, poi ha lasciato l’area. Secondo le forze armate, gli aerei dell’Air Force “hanno seguito l’intero processo e fotografato l’incidente”

Il governatore della provincia russa di Kursk, Roman Starovoit, ha indicato nel suo resoconto su Telegram che il ponte ferroviario tra le città di Suza e Soznovy Bor “è stato parzialmente crollato” da “sabotatori”, secondo l’agenzia russa TASS.

L’alto rappresentante dell’Unione europea per la politica estera, Josep Borrell, questa settimana ha espresso per telefono il “continuo sostegno” dell’UE all’Ucraina al ministro degli Esteri ucraino, Dmitro Kuleva.

In questo modo, ha affermato che l’UE stava “lavorando al prossimo pacchetto di sanzioni” contro la Russia.

Inoltre, ha sottolineato che l’evacuazione a Mariúpol è stata “urgente”.

Circa duecento ucraini si sono riuniti questa domenica a Barcellona per chiedere sostegno internazionale per creare un nuovo corridoio umanitario che permetta ai civili di lasciare la città di Mariúpol.

In questo modo, lo hanno fatto sotto il titolo “Salvemariupol” e con affermazioni come “Elmo blu delle Nazioni Unite a Mariúpol, ora!!”.

Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha ribadito che la sua invasione mirava a “garantire la sicurezza della popolazione nell’est” e che non stava cercando un cambio di regime in Ucraina.

In un’intervista a Rete4 ha affermato che “non vogliamo (Zelenski) arrendersi, ma ordinare la fine delle ostilità”.

“Vogliamo garantire la sicurezza del popolo dell’est (Donbas), che è minacciato dalla militarizzazione e dalla nazisificazione di questo paese, e questa minaccia non raggiunge la Federazione Russa dall’Ucraina”, ha aggiunto.

D’altra parte, anche il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashénkov, ha confermato che l’attacco missilistico ad alta precisione all’aeroporto di Odessa, nel sud dell’Ucraina, è stato effettuato per distruggere l’hangar con armi e munizioni ucraine. soldati ricevuti da Stati Uniti e paesi europei.

“Il missile ad alta precisione Onyx è stato distrutto vicino a Odessa in un aeroporto militare, hangar con armi e munizioni ricevute dagli Stati Uniti e dai paesi europei e ha anche distrutto le piste”, ha detto.

La sezione finale dell’Alto comando dell’esercito ucraino ha assicurato che le truppe russe in Ucraina tentassero di conquistare la regione amministrativa di Kherson, nell’Ucraina meridionale, per creare condizioni che avrebbero consentito loro di attaccare le città di Mykolaiv e Kryvyi. Rih.

La sezione specifica inoltre che l’esercito russo sta adottando misure per rafforzare il suo potenziale di attacco e che per aumentare la sua velocità offensiva, trasferisce su rotaia armi ed equipaggiamenti militari situati in altre parti del paese.

Nel frattempo, Mosca afferma che i bombardamenti ucraini hanno ucciso e ferito i propri civili nella regione meridionale di Kherson, dopo aver colpito le regioni meridionali e orientali con attacchi missilistici, mentre alcuni civili sono riusciti a fuggire dall’acciaieria di Mariupol.

Il ministero della Difesa russo ha accusato le truppe ucraine di aver bombardato una scuola, un asilo nido e un cimitero nei villaggi di Kyselivka e Shroka Balka nella regione di Kherson, secondo quanto riferito domenica dall’agenzia di stampa russa RIA.

La Guardia nazionale ucraina ha denunciato che era ripreso il “massiccio attacco” all’acciaieria Azovstal, come condannato dal comandante della 12a Brigata, Denys Schleha, il quale aveva affermato che ogni giorno il nemico era “sempre più pressante” per il controllo di il sito. .

In questo modo, ha stimato che c’erano circa 500 feriti in attesa di poter lasciare l’acciaieria e che c’erano ancora diverse centinaia di civili nel bunker dell’Azovstal, tra cui fino a 20 bambini.

Tuttavia, ha chiarito che non si sarebbe arreso. “Le persone hanno respinto (il nemico) per 67 giorni e penso che abbiano fatto tutto il possibile e l’impossibile, e continuano a farlo. E assolveremo tutti i compiti che si presentano e difenderemo la nostra patria”, ha aggiunto.

Il presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski, ha confermato questa domenica tramite il suo account Twitter che circa 100 persone facevano parte del primo convoglio di profughi dell’acciaieria Azovstal di Mariupol, nel sud-est del Paese, in un’operazione organizzata dalle Nazioni Unite e la Croce Rossa per garantire la “via sicura”

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha dichiarato che la Casa Bianca è disposta a prestare al Paese invaso “fino alla fine” e senza altra scelta che conquistare la Russia.

Ciò è stato rivelato dopo un incontro con Volodímir Zelenski, in cui ha affermato che la guerra in Ucraina era arrivata a un punto di non ritorno.

Il ministro degli Esteri ucraino Dimitro Kuleba ha chiesto un ulteriore inasprimento della Russia. In questo modo ha rivendicato il Supremo

Il rappresentante dell’UE per la politica estera, Josep Borrell, che il prossimo pacchetto include un embargo petrolifero.

“Ho parlato con Josep Borell del prossimo round di sanzioni contro la Russia e dovrebbero includere un embargo petrolifero”, ha spiegato Kuleba in un messaggio pubblicato su Twitter.

Il presidente russo Vladimir Putin ha emesso questo fine settimana un decreto sulla sicurezza delle informazioni volto a proteggere i sistemi informatici russi da possibili attacchi stranieri.

Pertanto, questa decisione conferisce ampi poteri in questo settore al Servizio di sicurezza federale (FSS), la polizia federale russa.

Per la precisione, il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha confermato che sono in corso operazioni di passaggio in sicurezza coordinate con le Nazioni Unite e le parti in conflitto. Il convoglio per evacuare i civili è entrato in funzione il 29 aprile, ha coperto una distanza di circa 230 chilometri ed è arrivato a Mariupol sabato mattina”, ha affermato il CICR.

Tuttavia, fino ad ora non sono state rilasciate informazioni su questa evacuazione perché “nessuna informazione è stata condivisa fino a quando la situazione lo consente” perché potrebbe “minacciare molto” la sicurezza dei civili e del convoglio stesso.

Il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, ha difeso che la sua squadra stava facendo “tutto il possibile” affinché i civili ei soldati feriti rimasti a Mariupol potessero lasciare la città.

Mariupol è attualmente sotto il controllo quasi totale dell’esercito russo e continua a rinchiudere centinaia di migliaia di ucraini tra le macerie causate dai continui attacchi delle truppe russe.

Buongiorno e benvenuti a un nuovo giorno dove vi racconteremo tutte le novità riguardanti il ​​conflitto tra Russia e Ucraina.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.