Elezioni in Francia 2022, in diretta | Le Pen ammette la sconfitta ma avverte: “I nostri risultati sono un segno di sfida dei leader europei” | Internazionale

Berlino attende con impazienza i risultati elettorali

Di Elena G. Sivigliano. L’esito delle elezioni presidenziali francesi di domenica va oltre le questioni interne: la Germania e il resto d’Europa hanno molto in gioco a seconda del candidato che vince. Il sostegno di Berlino a Emmanuel Macron è chiaro: questa settimana il cancelliere, Olaf Scholz, ha firmato, insieme al primo ministro portoghese, Antonio Costa, e al presidente spagnolo, Pedro Sánchez, una lettera in cui chiedono voti per i politici liberali. , senza nominarlo, di fronte all'”estrema destra” Marine Le Pen. I tre leader socialdemocratici hanno sottolineato che la Brexit sta danneggiando i lavoratori, i giovani e i più vulnerabili e hanno chiesto che quell’errore non si ripeta.

“La vittoria di Le Pen sarà un terremoto per l’intera Unione Europea”, ha affermato Joachim Schild, professore dell’Università di Treviri specializzato nelle relazioni tra Germania e Francia. Berlino attende con impazienza i risultati delle elezioni. C’è consenso sul fatto che il candidato di estrema destra sarà un fattore inaspettato nella politica europea. È anche una “minaccia per decenni di relazioni franco-tedesche che sono state al centro della costruzione europea e che ora, in tempi di crisi, sono più importanti che mai”, ha aggiunto Schild in una conversazione telefonica con EL PAÍS.

Le Pen non è solo decisamente euroscettico; si dedicò anche a fomentare l’odio anti-tedesco in Francia. Nel 2019, quando i due paesi hanno rinnovato la loro storica alleanza ad Aquisgrana, ha accusato Macron di “vendere la Francia per pezzi” e di voler condividere il suo seggio nel Consiglio di sicurezza dell’Onu e persino le sue armi nucleari. È venuto a chiamarlo traditore per aver presumibilmente posto la regione di confine dell’Alsazia sotto la sorveglianza tedesca. Niente di tutto ciò è incluso nell’accordo, ma la retorica antitedesca di Le Pen tende a ignorare i fatti per esagerare il “dominio” o la “sottomissione” di Berlino su Parigi.

Macron, invece, si presenta come un partner affidabile, impegnato per l’Europa e per continuare a promuovere buone relazioni con la Germania. Il candidato ha ricordato in un dibattito televisivo che la Francia non ha prodotto il proprio vaccino durante la pandemia – l’ha fatto un’azienda tedesca – e che la Francia aveva beneficiato della solidarietà dell’UE nel co-acquisto. Ha anche menzionato i fondi per la ripresa e le sfide, come la protezione del clima o la digitalizzazione, che possono essere affrontate solo nel quadro di un’Unione europea forte e unificata.

Il candidato ha ridotto l’intensità dei suoi attacchi a Bruxelles e Berlino in questa campagna, ma ha chiarito che, se eletto, porrà fine al progetto di cooperazione militare congiunta con la Germania, che include la costruzione di carri armati e aerei da guerra. . Pochi giorni fa, ha affermato di essere impegnato ad approfondire i legami tra NATO e Russia non appena la guerra in Ucraina sarà finita e ha annunciato che la Francia, se eletta, lascerà il comando militare unificato dell’Alleanza Atlantica. “La Germania perderà il suo principale partner nella politica estera europea”, ha detto Schild. Per quanto abbia affermato che i suoi rapporti con Berlino rimarranno “stretti”, gli esperti ritengono che una vittoria per Le Pen sposterà l’alleanza verso la Gran Bretagna.

La proposta di politica estera del leader del Raggruppamento nazionale ha suscitato grande preoccupazione a Berlino, anche se i media, impegnati a coprire la guerra in Ucraina e le sue conseguenze sulla politica interna tedesca, hanno assegnato alle elezioni francesi un ruolo secondario. Alcuni analisti sono rimasti sorpresi dal “disinteresse” della Germania per il voto fondamentale del suo vicino. “Diamo per scontata l’amicizia franco-tedesca?” chiedi un articolo in Frankfurter Allgemeine questa settimana.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."