Ct vicecampioni del mondo Sacchi: l’Italia è dietro, non sono i giocatori, è il sistema

Aggiornare: 25/03/2022 13:11
Rilasciato:

Roma – Il vice-allenatore mondiale 1994 Arrigo Sacchi chiede la promozione al campionato del Qatar dopo una pausa nei playoff a seguito di cambiamenti più ampi nel calcio italiano. Secondo l’allenatore 75enne, che ha reso famoso il suo nome soprattutto grazie al successo al Milan e in nazionale, i giocatori o gli allenatori non erano da biasimare per la sconfitta per 0:1 contro la Macedonia del Nord e per il fallimento generale, ma l’intero sistema calcio e la società italiana.

“Siamo in ritardo, non solo nel calcio. Altri Paesi continuano a svilupparsi, ma restiamo culturalmente arretrati, non vedo idee nuove. L’Italia è indietro di sessant’anni”, ha detto al quotidiano Sacchi. Foglio sportivo.

L’Italia è campione d’Europa in carica, ma salterà il Mondiale per la seconda volta consecutiva. È stato un fallimento storico per i quattro volte campioni del mondo, ma l’attuale selezione di coach Robert Mancini non è da biasimare, secondo Sacchi.

“Giocatori e allenatori sono gli ultimi che dobbiamo criticare. Il problema è nel sistema. Il nostro settore giovanile è pieno di stranieri, gli acquistiamo frutta e verdura. Il club è indebitato e non può vincere niente in Coppa Europa”, ha detto Sachi. L’ultimo trofeo europeo per l’Italia è stato vinto dall’Inter, che ha vinto la Champions League 2010. Negli ultimi anni hanno dominato squadre di Spagna e Inghilterra.

“Dobbiamo prendere l’esempio della Spagna, ad esempio, la sua rinascita si basa su solide basi e riforme fondamentali. Non possiamo attenerci alle vecchie pratiche indefinitamente, non possiamo sempre risolverlo scambiando allenatori e persone responsabili. Il tutto L’approccio deve cambiare, Sacchi ha aggiunto che spera che Mister Mancini rimanga nella “squadra azzurra”.

Sacchi calcio italiano

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.