Berrettini’s Choice: Frutti di mare in Sardegna | Giro dell’ATP

Matteo Berrettini ha contribuito a guidare l’Italia alla finale della Coppa ATP nel 2021, ottenendo vittorie su Dominic Thiem, Gael Monfils e Roberto Bautista Agut. Il numero 7 del mondo cercherà di andare oltre quest’anno dopo aver registrato la sua prima vittoria stagionale contro il francese Ugo Humbert martedì.

In vista dell’ultima partita del Gruppo B contro il numero 2 del mondo Daniil Medvedev, Berrettini ha parlato ad ATPTour.com dei suoi sviluppi tennistici a Roma, dello spirito della squadra italiana, del grande rovescio di Jannik Sinner e altro ancora.

Se dovessi prendere un colpo da un compagno di squadra e aggiungerlo al tuo gioco, quale sarebbe?
Ho pensato di prendere il rovescio di Jannik, perché penso che sia uno dei migliori rovesci del tour e il mio rovescio non è stato il mio tiro migliore. Ecco perché lo terrò.

Cosa c’è di così speciale nel rovescio di Jannik?
Quando lo suona, è abbastanza radicato. Sembra che non spinga troppo quando gioca, è molto naturale. Questo è ciò che mi piace di più. È anche difficile da leggere, sia che tu stia giocando crosscourt o lungo la linea, ed è sempre bello avere un solido rovescio perché il tuo avversario non può attaccarti da quel lato.

Come descriveresti la personalità dei tuoi compagni di squadra?
Fabio è in circuito da molto tempo, quindi ha l’opportunità di mostrarci tutta la sua personalità. Direi che è diverso da me. La cosa migliore di lui è che è quello che è, non cerca di nascondere chi è, fa bene a lui e allo sport di essere fedele a se stesso.

Simone è un grande ragazzo, in allenamento fa sempre la cosa giusta, dentro e fuori dal campo. Lo conosco da molto tempo e mi ha aiutato nella mia fase di crescita. Abbiamo giocato insieme partite di club e lui mi ha dato dei consigli, quindi ho un buon rapporto con lui.

Lorenzo è molto divertente. È venuto e ci ha fatto ridere molto. È molto autentico, sorride sempre, ci dà buona energia e buone vibrazioni, quindi è davvero facile andare d’accordo con lui.

E Jannik è ancora molto giovane, ma allo stesso tempo è molto più vecchio. Sa divertirsi, ma allo stesso tempo sa lavorare. Penso che quello che fa sia impressionante, ma penso che derivi dal suo atteggiamento e dal modo in cui affronta le cose. È molto maturo, e questo è uno dei motivi per cui ha ottenuto così grandi risultati.

Raccontaci del tuo primo tennis club in Italia.
Si chiamava Corte dei Conti, a Roma. I miei nonni sono ancora soci e praticamente è lì che sono cresciuto, anche al di fuori del tennis. Andavo là fuori e giocavo a calcio, basket o nuoto. Era un posto dove i miei genitori ci portavano sempre perché erano membri e giocavano a tennis, quindi è stato molto facile per me iniziare a giocare a tennis e ho ancora molti amici e persone che conosco lì.

Quali sono le tue tre cose preferite dell’Italia?
Devo dire che amo il cibo. Amo mangiare e adoro il fatto che il cibo sia diverso in ogni città che visiti. Ogni regione ha le sue peculiarità ed è in qualche modo unica. Mi piace che le persone siano così appassionate, specialmente nello sport.

Siamo emotivi, penso in senso positivo. Mettiamo il nostro cuore in quello che facciamo. La terza cosa è che abbiamo alcune delle migliori spiagge e montagne, quindi per il turismo questa è una delle migliori destinazioni.

Qual è il tuo posto preferito dove andare?
Anche se non vivo a Roma, la mia famiglia e i miei amici vivono lì. Quindi Roma sarà ovviamente sempre il punto di riferimento. In questo momento, con questo tempo caldo, potrei anche andare da qualche parte sulla spiaggia, mangiare del pesce e stare in spiaggia tutto il giorno. Forse in Sardegna.

Ci sono giocatori italiani che ammiri?

Vengo dalla Roma e forse il miglior giocatore italiano è Adriano Panatta. Lo conosco, mi ha dato consigli quando ero giovane e ho pensato che sarebbe stato bello vincere quello che ha vinto e ottenere quello che ha ottenuto, sia come allenatore che come giocatore.

Cosa ti piace di far parte di una squadra?
Dico sempre che abbiamo la nostra squadra, ma è diverso perché senti di avere più responsabilità. Non giochi solo da solo, il che ti dà più energia. Molto bello.

Puoi vincere o perdere, ma non incide sulla serie, perché c’è ancora molto da giocare e devi gestire le tue energie e le tue emozioni durante la serie. Ad esempio, vado a vedere Jannik giocare, e se mi stanco di guardarlo e fare il tifo per lui, mi stancherò del mio gioco. Devi adattarlo e penso che sarà interessante vedere come lo fai.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.