Accordo del Quirinale: l’accordo bilaterale franco-italiano realizzerà le sue ambizioni e sfide?

La firma dell’Accordo del Quirinale, prevista per il 25 novembre a Roma, rappresenterà un segnale forte per i rapporti politici ed economici tra Francia e Italia, ma anche un nuovo punto di partenza nel processo di integrazione europea.


Questo è un momento di buon auspicio tra Francia e Italia. Dall’arrivo Mario Draghi come capo del governo italiano, i rapporti tra Francia e Italia sono migliorati con la convergenza di idee e posizioni condivise assunte su temi importanti come la ripresa economica post-pandemia, la gestione dei flussi migratori o la Libia.

C’è una serie di eventi e fattori che accadono contemporaneamente che potrebbero avvantaggiare entrambi i paesi. in Italia, Mario Draghi ampiamente sostenuto dall’opinione pubblica ed è riuscito a rimettere in carreggiata il Paese con un programma di riforme e un massiccio sostegno all’economia. In Francia, dove il Paese inizierà la presidenza dell’Unione Europea, il sostegno del Presidente Macron sarà un elemento importante, soprattutto in materia di regole di spesa pubblica (3% deficit-PIL, 60% debito-PIL), ma anche sul -programma di difesa desiderato di Emmanuel Macron e dove l’Italia ha lo stesso desiderio. In Germania, rilascio Angela Merkel prevede la possibilità di un nuovo asse di gestione politica ed economica in Europa, con un riequilibrio tra le tre economie più importanti dell’Unione.

Quali benefici potrebbe portare il Trattato del Quirinale a Francia e Italia?

La ripresa economica è un’importante leva di crescita per i due Paesi per sbloccare lo stallo in cui si trovano. E questo richiede innegabilmente una riforma, ma anche attraverso lo sviluppo di nuove sinergie economiche nel campo dell’innovazione.

L’economia franco-italiana è già basata su una forte interdipendenza, sia industriale che finanziaria, con più di 4.000 aziende si stabilirono su entrambi i versanti delle Alpi, rappresentando più di 300.000 dipendenti in vari settori quali bancario, automobilistico, chimico, aerospaziale, energetico, edile e lavori pubblici, navale, siderurgico, moda, alimentare, trasporti e attrezzature merci.

L’accordo bilaterale può contribuire ulteriormente determinando gli assi prioritari da sviluppare come cloud computing, quantistica, intelligenza artificiale. Sia nell’intelligenza quantistica che in quella artificiale, Francia e Italia possono fare affidamento sui loro centri di eccellenza e sviluppare grandi sinergie e progetti strategici insieme al forte sostegno delle autorità pubbliche. La loro vicinanza culturale può svolgere un importante vantaggio perché ricordiamo che questa tecnologia è dominante anche nel settore della difesa.

Un altro tema centrale è la formazione per le future professioni. Per questo, i due paesi potrebbero sviluppare programmi di formazione congiunti e affrontare in parte la mancanza di profili elevati in aree strategiche ed evitare di lasciare le loro migliori risorse ad altri paesi attualmente più attraenti.

Quello Accordo del Quirinale apre orizzonti entusiasmanti e sarà ancora più importante se ci sarà una reale volontà da parte di entrambi i paesi di ridefinire una visione e una strategia comuni nell’affrontare le varie sfide che devono affrontare. Questi due paesi hanno molte risorse, punti di forza e conoscono anche le stesse preoccupazioni. Quindi giocare la competizione tra questi due paesi non solo è futile, ma rischia di indebolire ulteriormente la loro posizione. Questo è il momento di superare le differenze e intraprendere un nuovo approccio in grado di svolgere insieme un ruolo di primo piano in Europa e nel mondo.

<< Baca juga: Amerika Serikat: Biden menyerukan penyelidikan atas harga gas yang tinggi >>>

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.