Il governo italiano spinge gli organizzatori a Roma ad escludere dal maestro il tennista russo

I tennisti russi e bielorussi potrebbero non essere autorizzati a giocare nel principale torneo maschile e femminile sulla terra battuta a Roma, che si svolgerà dall’8 maggio, prima di Wimbledon. Secondo il Corriere della Sera, gli organizzatori del torneo sono sotto pressione da parte del governo italiano per bandire i tennisti alleati dal Grande Slam di Londra.

Secondo il quotidiano milanese, il premier italiano Mario Draghi, che ha più volte condannato l’invasione delle truppe russe in Ucraina, intende utilizzare tutta la sua influenza per far rispettare il divieto di ingresso di professionisti russi e bielorussi nel Leaning Forum.

Anche Giovanni Malago, Presidente del Comitato Olimpico Italiano, ha sostenuto l’esclusione dei tennisti, che ha affermato essere in linea con le raccomandazioni del Comitato Olimpico Internazionale. A febbraio, pochi giorni dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, il CIO ha chiesto alle organizzazioni sportive di non invitare atleti russi e bielorussi ai loro eventi e di non consentire loro di partecipare.

Il tennis è uno dei pochi sport che non esclude gli atleti in nessuno dei due paesi. L’ITF International ha impedito loro di competere in competizioni a squadre, tra cui la Coppa Davis e la Billie Jean King Cup, ma possono giocare in modo neutrale nei tornei del circuito professionistico WTA e ATP, nonché nei grandi slam guidati dall’ITF.

Tuttavia, questo non si applica a Wimbledon, i cui funzionari hanno dichiarato mercoledì che non avrebbero permesso ai tennisti russi e bielorussi di iniziare l’anno. La loro decisione è stata criticata dalla WTA, dall’ATP e da alcuni famosi giocatori del presente e del passato, come Novak Djokovic e Martina Navratilova.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.