Tre Honda per Márquez in box per crescere ancora

Si è concluso il GP di Spagna della MotoGP, con la vittoria di Bagnaia, che è stato affiancato sul podio da Quartararo e Aleix, con Márquez quarto, seguito da importante giornata di esami dove i più bisognosi di miglioramento hanno fatto molti test. Questo è successo, tra gli altri, da Marc, che ha al suo box tre Honda come in allenamento pre-stagionale per confrontare l’attuale RC213V con elementi dello scorso anno e l’evoluzione della nuova. Il pilota Repsol Honda questa volta era solo 15°, 0.804 dietro Zarco che era il più veloce della giornata, ma soprattutto ha completato ben 60 giri.

L’obiettivo principale dell’otto volte iridato è rendere questa nuova Honda più simile alla sua, e questo significa migliorare l’anteriore, per far girare meglio la bici in curva. Tra i test effettuati, il suo team ha utilizzato l’ala modello 2021, che non è molto complicata, e bisognerà vedere quando arriverà il GP di Francia, tra due settimane, quale opzione sceglierà.

In giornate come queste, i risultati della classifica sono più aneddotici che in qualsiasi altro momento, come mostrato oltre al 15° di Márquez e al 12° di Bagnaia. L’italiano aveva un bel po’ di compiti da fare questa volta e prima della pausa pranzo, e con appena 24 giri completati, la sessione era finita. Quartararo, dal canto suo, ha trascorso più tempo sull’asfalto ngel Nieto de Jerez e dopo essere arrivato terzo, con 78 giri completati e superato solo da Zarco e Binder, ha dichiarato: “Test terminato con 78 giri e un buon feeling. Prossima tappa, Francia “. Tornerà a casa da leader con sette punti di vantaggio su Aleix, che questa volta è settimo.

Jerez 22 prove.

La top ten era composta da Zarco (1:37,136), Binder, Quartararo, Miller, Pol, Mir, Aleix, Rins, Martín e Bastianini, che ha già al box per la prima volta la configurazione Ducati 2022, con cupolino. Più indietro, lex Márquez è arrivato 11° e Maverick 16°.

Tra le cadute di giornata, la peggiore è stata Nakagami, sul dritto. Il pilota giapponese è stato trasferito alla clinica del circuito e il suo capo, Lucio Cecchinello, ha poi raccontato: “Non c’è frattura alla radiografia, ma è andato a Barcellona per un controllo perché ha dolore ai legamenti la sua gamba sinistra. ginocchio. Ha lasciato il circuito con le proprie gambe”.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.