Jorge Rodríguez: l’opposizione cerca di annientare l’identità venezuelana

Il presidente dell’Assemblea nazionale (AN), Jorge Rodríguez, questo martedì ha fatto riferimento alla strategia dell’opposizione venezuelana di promuovere la migrazione con l’obiettivo di “annientare l’identità venezuelana”.

Ha sottolineato che l’opposizione sta attuando una “operazione psicologica per rovesciare il governo costituzionale del Venezuela.

Lo ha affermato martedì all’udienza ordinaria riferendosi ai crimini che i venezuelani hanno percosso all’estero, riferendosi all’occasione sul caso di un ragazzo di 11 anni che è stato brutalmente picchiato in Perù da altri bambini a scuola. . .

Ha sottolineato che il precedente governo di destra in Perù ha criminalizzato la migrazione venezuelana: “che l’odio che stanno cercando di coltivare si sta diffondendo in tutto il mondo”, ha denunciato.

Ha sottolineato direttamente Julio Borgues, Juan Guidó, Leopoldo López e Carlos Vecchio come gli artefici della violenza contro i migranti venezuelani.

“Mostriamo coloro che sono responsabili di questi eccessi contro il popolo venezuelano, facciamolo notare a Juan Guaido, Julio Borges, Mauricio Macri, Iván Duque, sono i veri aggressori del Venezuela all’estero”, ha detto.

Rodríguez ha ricordato che il Venezuela è diventato un paese di accoglienza per i migranti provenienti da varie parti del mondo, anche nel mezzo di una guerra economica.

Rodríguez ha assicurato che il Venezuela è il 4° Paese di accoglienza dei migranti nella regione.

“Nel 2017, tra la guerra economica e le fake news, 50.000 peruviani si sono stabiliti in Venezuela. Secondo i dati EFE in un articolo pubblicato nel 2021; 5,5 milioni di colombiani vivono in Venezuela e quanti italiani, spagnoli, portoghesi venuti negli anni ’50 e ’60, sono venuti in Venezuela per sfuggire alla devastazione causata dalla carestia durante la seconda guerra mondiale”, ha sottolineato.

Ha insistito sul fatto che il problema della migrazione era il prodotto di una campagna di odio contro il Venezuela. “Quello che stanno facendo queste ONG è ingannare il popolo venezuelano, sono organizzazioni di schiavi bianchi che prendono soldi veri dai venezuelani in Perù o in qualsiasi altro paese, sostenendo che non puoi vivere in Venezuela”, ha detto Rodríguez.

Allo stesso modo, ha fatto riferimento ai venezuelani che sono stati pedinati in paesi come la Colombia e la Spagna. Ha definito l’UNHCR uno strumento per giustificare l’attacco degli Stati Uniti a paesi che non si sono lasciati conquistare.

In questo modo, il presidente del parlamento venezuelano ha sottolineato la necessità, non solo di concludere un accordo per respingere “l’aggressione disumana e l’abuso di un bambino venezuelano in una scuola pubblica situata in Perù”, ma ha anche proposto di istituire una commissione dell’Assemblea nazionale di rivolgersi al parlamento del Perù e chiede che si indaghi su questi e altri casi di aggressione contro il Venezuela e risarcisca queste vittime. Ha anche proposto l’istituzione di un ufficio in cui il popolo venezuelano potesse denunciare e ricevere assistenza in questi tipi di casi di aggressione xenofoba.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.