Giorgia Meloni: “L’unico modo per ricostruire l’Italia è fare elezioni” | Internazionale

Giorgia Meloni partecipa a un programma televisivo italiano il 21 gennaio.Portafoglio Mondadori (Portafoglio Mondadori tramite Getty Im)

Giorgia Meloni (Roma, 1977) è oggi una protagonista alla moda nella turbolenta scena politica italiana. L’Italian Brothers Chief è il secondo più apprezzato nel Paese (dietro solo a Giuseppe Conte) e il suo partito è il più sviluppato negli ultimi mesi (oggi avrà circa il 16% dei voti). Giovane, molto di estrema destra (parte del suo partito nasce dalle braci di Alleanza Nazionale e Msi postfascismo) e forti convinzioni, sta mangiando brindisi elettorale per Matteo Salvini, che ha mancato esattamente gli stessi punti. che aveva vinto ai sondaggi. Quando l’ex ministro dell’Interno si è rivolto alla sovranità, lui c’era già, spiega in questa intervista telefonica. Oggi è passata dall’essere la sorellina della coalizione che il suo partito ha formato con Liga e Forza Italia, ad essere una forte candidata alla guida dell’artefatto politico.

Chiedere. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha convocato questo fine settimana Generali per discutere della ricostruzione del Paese. Perché non è andato bene?

Risposta. I dibattiti repubblicani si tengono in Parlamento. Se Conte vuole parlare con noi può presentarsi in Aula o incontrarci a Palazzo Chigi. Non passeremo in passerella in ville di lusso in un momento in cui un terzo degli italiani affronta la povertà. Questa è una pantomima.

P. C’è una parte del PD, i colleghi di Conte, che la pensano come te. La crisi di governo sta esplodendo. Parteciperai alla concentrazione dell’Esecutivo?

R. No, la mia prescrizione per la politica economica non ha nulla a che vedere con le prescrizioni di sinistra. Ma chi ha ancora chiarezza, anche nel PD, capisce quanto questo sia simile a quello che fece Luigi XVI prima della Rivoluzione francese. installato task force [grupo operativo, en la terminología de Bruselas] guidato da Vittorio Cola [exconsejero de Vodafone global] e quando i documenti sono arrivati, li tiene in un cassetto e lo chiama un lavoro fallito. Ha indicato le riforme che avrebbero fatto molta strada e quindi sarebbero rimaste in carica. Ma l’unico modo per ricostruire l’Italia è tenere le elezioni.

P. I fratelli italiani sono stati respinti nei sondaggi. Ma i 10 punti guadagnati in pochi mesi erano stati rubati ai loro compagni di Lega.

Unisciti a EL PAÍS per tenerti aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

R. Siamo stati un partito molto apprezzato per molti anni, ma quando votano il sostegno non arriva. La spiegazione era che il nostro partito era troppo piccolo e gli italiani avevano paura di sprecare voti. Dopo che la soglia minima in Europa è stata superata, siamo diventati un partito votante. Oggi abbiamo dati molto simili all’Alianza Nacional (AN) nel suo periodo di massimo splendore. Abbiamo ricostruito quella sfera politica e molti di quegli elettori sono tornati a casa. Ce ne sono alcuni della Lega, sì. Ma anche tanto del Movimento 5 Stelle.

P. Sei Gianfranco Fini? [exlíder de AN] al momento?

R. I confronti con Fini, così come sono, non fanno ben sperare. Ma sono contento che grazie al coraggio che abbiamo avuto di rischiare tutto fondando un partito a 30 giorni dalle elezioni, oggi sia tornata la tradizionale destra italiana.

P. Il suo partito è formato anche da frammenti del Movimento Sociale Italiano (MSI) e della destra postfascista. Ti senti a tuo agio con quell’eredità?

R. Non abbiamo alcun legame con il fascismo. Sì, per diritto della Repubblica, che ha svolto il suo lavoro con onestà, orgoglio e passione. Ma non abbiamo alcun legame con il fascismo, finito 70 anni fa e io sono nato nel 1977. La battaglia per la democrazia è condotta oggi dai Fratelli d’Italia.

P. Mi riferisco al postfascismo. Penso a Giorgio Almirante, che avete festeggiato qualche giorno fa sui social.

R. L’ammiraglio è il leader del MSI, un movimento parlamentare. È riconosciuto da tutti come uno dei migliori politici della storia italiana. Al suo funerale parteciparono i vertici del Partito Comunista Italiano e quando Enrico Berlinguer morì, andò da solo a salutarlo. Ha lasciato il segno e per me è un riferimento. Ma non è quello di essere l’erede del fascismo.

P. L’ammiraglio fa parte della Repubblica di Salò, scriveva sul giornale difesa della razza, Era un capo fascista…

R. Come molti italiani di allora. L’Italia è stata tutta fascista fino al 1945. C’erano molti altri fascisti, ma quando è finita sono andati dall’altra parte e la loro storia è stata dimenticata.

P. Salvini qualche tempo fa disse che il nord del Paese non era l’Italia, insultava i napoletani, gridava “il ladro di Roma”: oggi sventola la bandiera tricolore. Ci si può fidare di un tale partner che cambia idea?

R. C’è da chiedersi chi lo ha votato.

P. Ma tu sei il loro partner nella coalizione.

R. Salvini organizza una festa che dice il contrario di quello che si dice ora ed è riuscito a trasformarla in qualcosa di completamente diverso. Ha fatto un lavoro straordinario. Sono contento perché le idee che la Lega incarna oggi sono molto più simili a quelle che ho sempre difeso. Ricordo le grandi lotte quando eravamo insieme al Governo perché erano contrarie alla celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

P. Ma ci credi?

R. Non credo che tu possa fare una cosa del genere senza esserne convinto. Oggi ho più alleati in comune di quanti ne avesse l’Alleanza Nazionale con la Lega di allora. Sono molto rigido con i valori, ma ognuno ha il proprio modo di fare le cose.

P. I Fratelli d’Italia non sono più piccoli partner della coalizione di destra. Il nuovo equilibrio di potere può generare tensione?

R. Non ho chiesto di rivedere l’accordo in base alla nostra crescita. Ma qualche mese fa ho chiesto il mantenimento dell’accordo. Un’altra elezione è passata e ora va rispettato il patto che ci ha portato alfieri. E nell’alleanza ci sono alcuni che li rispettano e altri no. E suppongo che nessuno voglia che la destra di mezzo sia divisa.

P. Per la Puglia e le Marche il tuo turno?

R. Sì Abbiamo proposto due candidati molto competitivi per vincere. Non c’è motivo per cambiarlo. E i Fratelli d’Italia sono sottorappresentati nella coalizione, abbiamo un solo presidente regionale. Non sto chiedendo di essere premiati con il 15% del sondaggio, ma quello che ci si addice viene riconosciuto sulla base di quanto concordato.

P. I Fratelli d’Italia aspirano a guidare una coalizione prima o poi?

R. Non miro a qualcosa di personale, ma a farlo con i nostri alleati. Nella nostra alleanza c’è sempre la stessa regola: il presidente del Consiglio sarà il leader del partito che ottiene più voti. Oggi ci sarà la Lega, ma l’Italia dovrà decidere se le cose devono cambiare.

P. Garantite l’immortalità italiana in euro?

R. Non abbiamo mai proposto di partire, anche se non l’abbiamo rispettato. Le monete sono strumenti, non bersagli o divinità. L’euro è la valuta che ha suscitato lamentele, poiché stampa sulla forza dell’economia tedesca. E fa diventare più forti quelli che sono forti, e quelli che sono deboli diventano più deboli.

P. In Europa hanno deciso di schierarsi con l’ECR e di lasciare gli ultras tedeschi, olandesi…

R. Condividiamo idee sull’Europa che sono diverse da questa e che non la abbandona né la distrugge. Questo sarà il modello della confederazione. Perché ora lo è Frankenstein da organizzazioni internazionali. Voglio un’Europa che non mi dica quanto dovrebbe essere lunga, ma che si occupi di politica internazionale. Lo abbiamo visto anche con le pandemie: c’è Schengen, ma non esiste un protocollo unico per far fronte a questa situazione.

P. Vuoi Viktor Orban [primer ministro de Hungría] nel tuo gruppo?

R. Certo. Se lascia PP Europe, sarà il suo piazzamento naturale. La principale delegazione di conservatori in questo momento era la Polonia, alleato storico dell’Ungheria di Orbán.

P. Salvini lo seduce anche.

R. Ma la Lega ha valutato anche la possibilità di venire all’ECR. E sarebbe una buona notizia.

P. Anche Vox è in quel gruppo. Qual è il tuo rapporto con loro?

R. Fantastica relazione. Anche con Santiago Abascal, che è venuto come ospite del nostro congresso annuale. Abbiamo molto in comune nel programma e tra di noi. Sono molto contento della sua crescita e la nostra alleanza è solida. Non vediamo l’ora di continuare con maggiore fermezza.

P. Sono molto simili in molti modi. Ma tu, che sei l’unica donna alla guida del partito con la possibilità di governare, condividi la visione della violenza di genere? Vox vuole abolire le leggi contro di essa in Spagna.

R. Sono stato ministro del governo che ha fatto la prima legge sulle molestie. Partecipiamo a tutte le iniziative contro la violenza sulle donne. Non conosco la legge spagnola in materia… ma ci incontriamo molto su questioni come l’immigrazione, il sostegno alle famiglie, la tutela della vita o la politica economica.

P. Quando si tratta di autonomia o movimento indipendentista, sembri loro più affidabile della Lega.

R. Molto. La difesa dell’unità dello Stato nazionale ci unisce a Vox. È un’entità minima per difendere gli interessi delle persone e della società. L’avversario di oggi è così grande che senza il nostro Stato nazionale non possiamo difenderci. Non è un caso che i grandi globalisti abbiano difeso il movimento indipendentista. Questo è il principio del “divide et impera”.

P. Chi intendi?

R. La rivolta catalana è stata finanziata da diverse associazioni legate a George Soros…

P. Non mi rendevo conto.

R. Sì, e come sai, è un grande finanziatore di una ONG. Alcune delle vostre associazioni sostengono la rivolta catalana.

P. Tu che sei nato alla Garbatella e sei romano in tutto e per tutto, vuoi fare il sindaco della città?

R. Ho già fatto domanda e sono arrivato terzo. E per ora non ho intenzione di ripresentarmi. Ma non sai mai dove ti porterà la vita. E la Roma merita più di adesso. Ma non correrò per le prossime elezioni se è quello che chiedi.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.