BERLUSKONI TORNA E RITIRA IL RICONOSCIMENTO ALL’ITALIA PER L’INDIPENDENZA DEL KOSOVO? L’Unione Europea trema, un uomo d’affari controverso vuole guidare l’Italia!

Il controverso uomo d’affari italiano, mago dei media ed ex primo ministro Silvio Berlusconi, 84 anni, ha sconvolto i leader dell’Unione Europea (UE) dopo che i suoi media statali hanno riferito che stava valutando la possibilità di candidarsi alle imminenti elezioni presidenziali. L’unione può significare un cambiamento testuale nell’alleanza.

Vale a dire, oltre ad essere conosciuto come conservatore e persino di destra, Berlusconi ha pubblicamente indicato che riconoscere l’indipendenza del Kosovo è per lui inaccettabile, quindi si spera che come candidato presidenziale possa avviare il ritiro di tale decisione. Inoltre, l’Unione teme i suoi rapporti con la Federazione Russa e il leader del Paese, Vladimir Putin, ma anche i commenti dell’ex monarca diretti contro Bruxelles.

Milisav Paic, direttore del Circolo di politica estera serbo e diplomatico in pensione, ha commentato tutto questo per lo Sputnik, il quale ritiene che Berlusconi, dopo essere stato coinvolto in una serie di scandali, sia riuscito a malapena a conquistare la fiducia di un gran numero di cittadini. Tuttavia, ha sottolineato che si trattava di politica materia liquida e tutto è possibile.

– Secondo alcune regole il presidente dell’Italia è una persona in anni seri, e da quel punto di vista non sarà un problema, ma il fatto è che il suo arrivo a presidente della repubblica avrà un impatto molto grande sull’Italia posizione internazionale. il presidente è più o meno una persona di protocollo – Paic ha sottolineato e ricordato che Berlusconi, durante la sua carica di Presidente del Consiglio, ha perseguito una politica molto diversa da quella attuale in Italia.

– Di sicuro Berlusconi normalizzerà e migliorerà notevolmente i rapporti con la Russia perché in passato aveva una particolare affinità con Mosca, e d’altra parte la sua posizione nei confronti della Serbia e della RS sarà diversa, cioè avrà più comprensione. sulla questione del Corpo nazionale serbo – Paic certo.

Secondo lui, è difficile dire quale posizione assumerà sulla questione del Kosovo, perché l’Italia è uno degli eserciti più obbedienti dell’Unione europea.

– Non dipenderà tanto da esso quanto dagli equilibri di potere nel parlamento italiano. Non credo sia realistico, perché l’Italia è ora uno dei membri più disciplinati della NATO e dell’UE. Quello che è più realistico è che Berlusconi, se diventerà presidente, proverà sicuramente a separare l’Italia dall’Ue, il che destabilizzerà il governo di Bruxelles. Lui era uno dei maggiori critici e oppositori delle politiche di Bruxelles ed era noto per essere molto critico nei confronti della Germania, in particolare della Gran Bretagna – disse l’ex diplomatico.

A proposito, è stato Berlusconi, il primo ministro italiano più longevo del dopoguerra, a dire a ottobre – “Penso che Silvio Berlusconi possa essere utile al Paese” – il mese scorso ha inviato un’antologia dei suoi discorsi e delle sue priorità politiche a quasi tutti i paesi . I 1.000 legislatori che eleggeranno il presidente sono nella lista dei valori liberali nel tentativo di ampliare il suo appeal. Ciò ha portato il pubblico italiano a iniziare a ipotizzare che il suo desiderio di tornare in politica fosse più che realistico.

Sputnik ha anche ricordato che Berlusconi continuava a dire che aveva promesso a sua madre che un giorno sarebbe diventato presidente.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.