8 in America Latina e 6 in Spagna

(CNN) — Il morbido tintinnio dei bicchieri, i sussurri della conversazione, la luce soffusa e l’aroma appetitoso.

Tutto questo è molto mancato poiché i ristoranti di tutto il mondo sono costretti a chiudere nel 2020 e nel 2021, i forni sono freddi e i proprietari e i lavoratori devono affrontare un futuro incerto.

2 Ristoranti Messicani, tra i 100 migliori al mondo 0:59

Premio Premi per i 50 migliori ristoranti del mondoun evento considerato l’Oscar del mondo della buona tavola, è stato anche costretto a sospendere l’anno scorso, ma è finalmente tornato, con i primi due ristoranti della lista a Copenaghen.

Il primo posto di quest’anno va probabilmente al nome più famoso della gastronomia: Noma. Il ristorante a tre stelle dello chef danese René Redzepi è stato aperto per la prima volta nel quartiere Christianshavn di Copenaghen nel 2003 ed è stato classificato al primo posto nella classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo nel 2010.

Le nuove regole introdotte ai premi del 2019 hanno reso i precedenti vincitori del primo titolo non idonei per la rosa dei candidati, ma il Noma ha accettato poiché ha chiuso nel 2016, quindi ha riaperto in una nuova sede a Copenaghen due anni dopo.

Questa modifica fondamentale delle regole esclude l’Eleven Madison Park di New York, The Fat Duck vicino a Londra, l’Osteria Francescana a Modena, in Italia, e il vincitore del 2019 Mirazur a Mentone, in Francia. Questi ristoranti sono ora iscritti a un programma separato “Best of the Best”, di cui Noma è l’ultimo membro.

Il Noma potrebbe essere il ristorante più famoso al mondo. Per gentile concessione di Noma

Lotta per sopravvivere

Salendo sul palco del Flanders Convention and Convention Center ad Anversa, in Belgio, Redzepi ha ricordato l’esperienza che ha cambiato la vita di vincere il premio per la prima volta 11 anni fa: “Dopo questa vittoria, tutti i sogni sembrano aperti. Inoltre ci ha dato l’opportunità essere parte, parte, della trasformazione della cultura gastronomica di tutta la regione”.

Ha anche riflettuto sui tempi difficili che devono affrontare il settore. “Se la pandemia ci ha insegnato qualcosa, quanto sono fragili i nostri sogni, quanto è estenuante e difficile il settore”, ha affermato.

“Voglio riconoscere tutti i ristoranti e le persone del settore che hanno lottato per sopravvivere. È un po’ strano stare su questo palco sapendo che così tante persone stanno ancora lottando”.

Per concludere con una nota di speranza, ha detto del team Noma: “Abbiamo trascorso l’ultimo anno e mezzo a sognare qualcosa. Lo costruiremo ora”.

Vivi bene a Lima

I commensali che non riescono a trovare un tavolo al Noma possono sempre provare il loro vicino di Copenaghen Geranium, un secondo vicino, dove lo chef Rasmus Kofoed propone un menu stagionale avventuroso che mostra il suo amore per i frutti di mare. Gli ingredienti offerti includono calamari, strutto affumicato fuso ed essenza di lievito.

Il ristorante Geranium di Copenaghen di Rasmus Kofoed è il secondo nella lista del 2021. Claes Bech Poulsen / Geranium

Anche nel resto dell’Europa occidentale, la performance della Spagna quest’anno è stata buona. Al terzo posto si è classificato Asador Etxebarri Larrabetzu, dove tutti i piatti, compreso il dessert, vengono cucinati alla griglia, mentre lo chef Víctor Arguinzoniz è stato selezionato dai suoi colleghi come vincitore dello Chefs’ Choice Award. Enjoy, a Barcellona, ​​salito al 5° posto, il Mugaritz di San Sebastián è sceso al 14°, mentre il DiverXO di Madrid è 20°.

Lima ha due ristoranti nella top 10: Central, degli chef Virgilio Martínez e Pía León, che salgono di due posizioni al quarto posto, e Maido al numero 7, che offre una fusione giapponese-peruviana, mettendo in risalto il gelato Lucuma. salsa di soia e tipo di schiuma.

Mentre ristoranti famosi a Lima e altrove, da Città del Messico a Singapore, sono entrati nella top 10, nessun ristorante al di fuori dell’Europa o del Nord America ha vinto i 50 migliori premi del mondo.

Dall’inizio del concorso nel 2002, 18 vincitori sono arrivati ​​da Spagna, USA, Inghilterra, Danimarca, Italia e Francia.

Rispetta il talento delle donne

Pía León di Central non solo ha celebrato il premio per il miglior ristorante del Sud America, ma è stata anche nominata la migliore chef donna del mondo. È un onore che ha suscitato alcune polemiche, con i critici che lo vedono come un’amplificazione delle disuguaglianze che gli organizzatori di eventi affermano hanno aiutato ad affrontare.

Il francese Dominique Crenn, co-proprietario e chef dell’Atelier Crenn San Francisco (numero 48 della lista), ha vinto il premio Icon.

William Drew, Director of Content for the World’s 50 Best Restaurants, ha dichiarato: “Crenn non è solo uno chef e ristoratore eccezionale, è un esempio di qualcuno che ha detto la verità al potere in tutti gli aspetti della sua vita, attraverso la sua leadership, umanità e campagna incessante per la giustizia sociale sia all’interno che all’esterno del settore dell’ospitalità”.

Anche la slovena Hiša Franko, guidata da Ana Roš, vincitrice del premio World’s Best Female Chef nel 2017, ha avuto una buona serata, salendo di 17 posizioni nella classifica al n. 21.

regalo speciale

L’Hospitality Arts Award è andato allo Steirereck di Vienna, al numero 12, dove i punti salienti potrebbero includere girasole e topinambur su animelle di agnello, o il caratteristico pesce carbonizzato cotto al tavolo in cera d’api con “polline” di carota gialla e panna acida.

Boragó, a Santiago, Cile, numero 38 della lista, ha vinto il Premio Ristorante Sostenibile. Ha una propria azienda agricola biodinamica e punta sulla cucina iperlocale a “chilometro zero”.

Ikoyi, a S. James’s a Londra, si è portato a casa il premio “One to Watch”. Gestito dagli amici d’infanzia Jeremy Chan e Ire Hassan-Odukale, questo ristorante serve autentici sapori dell’Africa occidentale in un ambiente moderno ed elegante.

Will Goldfarb di Bali Room 4 Dessert, nato negli Stati Uniti e protagonista della serie Netflix “Chef’s Table”, ha vinto il premio come miglior pasticcere.

I 50 migliori ristoranti del mondo

uno. Nessuna madre (Copenhagen, Danimarca)

Due. geranio (Copenhagen, Danimarca)

3. Griglia Etxebarri (Axpe, Spagna)

Quattro. Centro (Lima, Perù) *Miglior ristorante in Sud America*

5. Divertiti (Barcellona, ​​Spagna)

6. Frantzen (Stoccolma, Svezia)

7. servo (Lima, Perù) (Su tre posizioni)

8. odet (Singapore) *Miglior ristorante in Asia*

9. pujol (Città del Messico, Messico) *I migliori ristoranti del Nord America*

10. Presidente (Hong Kong) *Premio più alto scalatore*

undici. dare (Tokyo, Giappone)

12. Steireck (Vienna, Austria) * Premio Hospitality Arts *

13. Don Giulio (Buenos Aires, Argentina)

14. Mugaritz (San Sebastián, Spagna)

quindici. Lido 84 (Gardone Riviera, Italia) *Grand Prize New Entries*

16. Elcano (Getaria, Spagna)

17. A Casa do Porco (San Paolo, Brasile)

18. Piazza Duomo (Alba, Italia)

19. Narisawa (Tokyo, Giappone)

venti. DiverXO (Madrid, Spagna)

ventuno. Hisa Franko (Cobarid, Slovenia)

22. cosimo (New York)

23. Arpeg (Parigi, Francia)

24. Ora di settembre (Parigi, Francia)

25. coniglio bianco (Mosca, Russia)

26. Le Calandre (Rubano, Italia)

27. quintonile (Città del Messico, Messico)

28. Buona (San Francisco, California)

29. vero (Castel di Sangro, Italia)

30. giardino gemello (Mosca, Russia)

31. Ristorante Tim Raue (Berlino, Germania)

32. Club di chiodi di garofano (Londra, Inghilterra)

33. di Lyle (Londra, Inghilterra)

3. 4. Bordo ardente (Singapore) *Nuova entrata*

35. ultravioletto (Shanghai, Cina)

36. Hoff van Clev (Kruishoutem, Belgio)

37. Filato singolo (Healdsburg, California)

38. borgo (Santiago, Cile) *Premio Ristorante Sostenibile*

39. Florilegio (Tokyo, Giappone) *Nuova voce*

40. sahring (Bangkok, Tailandia)

41. Alléno Paris au Pavillon Ledoyen (Parigi, Francia)

42. Belcanto (Lisbona Portogallo)

43. Atomix (New York) *Nuova entrata*

44. Le Bernardino (New York)

Quattro. Cinque. Nobelhart e Schmutzig (Berlino, Germania) *Nuova entrata*

46. Leo (Bogotá Colombia)

47. Maemo (Oslo, Norvegia)

48. Atelier Crenn (San Francisco, California)

49. Azurmendi (Larrabetzu, Spagna)

cinquanta. lupo (Paternoster, Sud Africa) *I migliori ristoranti in Africa*

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.