Verónica de la Canal: “La moda è essenziale per l’effetto politico”

progettista Veronica de la Canal ha parlato con Jorge Fontevecchia per Modalità Fontevecchiain Profilo del raggio (FM 101.9), e racconta come ha vissuto la sua esperienza a Incontra il Gala e l’impatto che fanno i vestiti Marilyn Monroe usato per Kim Kardashian. A parte quello, rispetto C’è un legame tra moda e politica.

Come vede il caso di Kim Kardashian che indossa un abito di Marilyn Monroe?

Quello che ha fatto è stato darci la possibilità di apprezzare l’abito in modo diverso. È sempre iconico perché Marilyn lo usò per cantare il famoso “Happy Birthday” al presidente John F. Kennedy, ma abbiamo una visione più in bianco e nero. È fantastico perché non sai se è perla, bianco o di qualche altro colore. Fare un omaggio e, quando si pensa agli Stati Uniti d’America, una delle figure simboliche che viene in mente è proprio lui. È successo anche a me pensando al design. Quello che mi piace è quello le ha reso un tributo ma lei non voleva essere Marilyn. Ha portato l’abito di tanto tempo fa ed è diventata la sensazione della notte.

Kim Kardashian ha fatto la storia indossando un abito di Marilyn Monroe al MET Gala

Ricordo l’idea che la moda è un linguaggio e la politica oggi assomiglia alla moda. Ci sono aspetti che sono culturali. Questo può essere visto, ad esempio, con l’immagine dell’acconciatura di Javier Milei. Qual è la tua opinione su come i politici traggono vantaggio dalla moda?

C’è un detto iconico: le prime impressioni sono tutto ciò che conta. Questo può sembrare frivolo, ma non lo è. Quando ti presenti per la prima volta, che sia per un lavoro, un casting o per presentarti a casa di qualcuno, la prima impressione prima di parlare è ciò che l’altra persona lascia. È importante prendersi cura di se stessi e cercare di essere buoni. la moda è cultura e, se lo mettiamo in relazione con la politica, guidare l’economia in molti paesi del mondocome è successo in Italia e in Francia.

Se pensiamo a esempi concreti, come quando (Mauricio) Macri si è tolto i baffi, e la cravatta o l’acconciatura di Milei, qual è l’importanza della moda per i politici?

La moda è il centro dell’effetto politico. Ad un certo punto è una strategia e la vedo bene, purché abbia equilibrio e non entri in situazioni da clown. Ma finché viene utilizzato per problemi di posizionamento e ci aiuta a generare cose positive, va bene.

C’era bisogno del nuovo e la moda ha contribuito a questo. Qual è la tua visione del rapporto tra moda e nuovo?

Ogni tanto bisogna ripensare a noi stessi e, soprattutto, a cosa c’entra la moda, in tempi in cui tutto è confuso. Questo si vede con i social network, dove tutto deve essere subito. Ma ha a che fare con il momento, è la moda e potremo goderci un’altra volta ancora.

Verónica de la Canal: “La moda non è frivolezza”

Cos’è il MET Gala?

È lui l’evento più iconico e simbolico dove i designer possono divertirsi ed esprimersi attraverso il linguaggio della moda e ciò che ogni ospite indossa. In questo, in particolare, il tema costa un po’ di più per tutti, a differenza di quando lo facevano moda e religione, che è più facile. In questo ritorno si compiono due anni, ripetendo il tema e rendendolo ampio, ma questa è una festa per l’arte. Al MET Gala puoi esprimerti e mostrarlo la moda è cultura e la storia si può raccontare.

JL PAR

Potrebbe piacerti anche

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."