Una tragedia sportiva per la Ferrari! Entrambi i piloti della squadra italiana hanno terminato dopo 20 giri al Gran Premio dell’Azerbaigian

La Formula 1 è il nono evento della stagione, il Gran Premio del Canada. E, come è consuetudine di Sebastian Vettel, usa la regina del motorsport per promuovere diverse cause sociali e ambientali. Ha combattuto il cambiamento climatico in Canada, ma ha colpito un ministro canadese.

Non possiamo fare a meno di notare l’enorme contrasto tra i caschi Vettel in Canada. Il quattro volte campione del mondo ha delle iscrizioni che recitano “Stop alle sabbie bituminose” e “crimini climatici canadesi”.

Il 34enne ex pilota della Red Bull o della Ferrari è infatti noto per cambiare spesso il design del suo casco. Ciò è principalmente dovuto al fatto che attira l’attenzione su varie questioni globali.

Ma in Canada, quasi accanto allo striscione in lotta per il miglioramento climatico, c’è un enorme striscione di Aramco, che sponsorizza il team Aston Martin, i cui colori Vettel mantiene dal 2021.

E perché questa combinazione è così contrastante? Questa è una società saudita, uno dei più grandi e conosciuti produttori di petrolio al mondo.

Aramco è anche una società che contribuisce in modo significativo alle emissioni di gas serra e attraverso la quale affluiscono miliardi di dollari in Arabia Saudita. Inutile dire che il Paese ha notevoli problemi con i diritti umani e alti livelli di abusi.

Ed è quanto ha sottolineato anche Sonya Savage, ministro dell’Energia della provincia canadese dell’Alberta. E non prese il tovagliolo, definendo ipocrita il tedesco.

“Ho visto molta ipocrisia nel corso degli anni, ma questo è l’apice. I conducenti di auto da corsa sponsorizzate da Aston Martin, con finanziamenti da Saudi Aramco, si lamentano delle sabbie bituminose. Saudi Aramco ha la più grande produzione giornaliera di petrolio di qualsiasi altra azienda nel mondo. è stata considerata il maggior contributore alle emissioni globali di carbonio di tutte le aziende dal 1965.”

La squadra stessa non vuole commentare troppo queste critiche, il capo della squadra Mike Krack ha sostanzialmente appena affermato che Vettel era un uomo libero e quando ha organizzato una campagna simile hanno concordato con la squadra come si sarebbe comportato.

Tuttavia, lo stesso Vettel ha risposto alle parole del ministro. “Sì, sono un ipocrita. Vivo ciò che vivo perché lo amo. È così che dipingo sulla mia tela” ha detto Vettel, le cui parole sono state citate dal server sport motoristici.

“Sono un po’ deluso dal fatto che i politici siano personali, perché non si tratta affatto di me, ma di una visione più ampia. Ciò che è veramente importante è il messaggio di cui abbiamo bisogno per effettuare la transizione e sbarazzarci dei combustibili fossili e iniziare a fare affidamento sul nostro intero stile di vita”. Ha aggiunto.

Risorsa: F1, sport motoristici

Carlita Monaldo

"Appassionato di caffè. Pensatore impenitente. Appassionato pioniere degli zombi. Difensore televisivo sottilmente affascinante. Orgoglioso esperto di web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.