Tecnologia di sorveglianza autoritaria o diritti fondamentali? La decisione dovrebbe essere facile

Comunicato stampa congiunto

In Europa e nel mondo, rappresenta l’uso di sistemi di identificazione biometrica (BIS), come il riconoscimento facciale negli spazi pubblici una delle maggiori minacce ai diritti fondamentali e alla democrazia abbiamo visto. L’uso a distanza di questo sistema distrugge l’anonimato in pubblico e mette a repentaglio l’essenza del nostro diritto alla privacy, protezione dei dati personali, diritto alla libertà di espressione, diritto alla libertà di riunione e associazione (che porta alla criminalizzazione delle proteste e provoca effetti disastrosi) e diritto all’uguaglianza e alla non discriminazione.

Senza un chiaro e semplice divieto all’uso di questa nuova tecnologia negli spazi pubblici, tutti i luoghi in cui esercitiamo i nostri diritti e ci riuniamo come cittadini saranno trasformati in siti di sorveglianza di massa dove saremo sempre, vieni trattato come un sospetto.

Questo danno non è ipotetico.

I musulmani uiguri sono stati sistematicamente perseguitati dal governo cinese attraverso il riconoscimento facciale. I manifestanti pro-democrazia e gli oppositori politici sono stati repressi o presi di mira in Russia, in Serbia e a Hong Kong dall’uso – e in alcuni casi, semplicemente dalla paura di usare – i SIB negli spazi pubblici.

È già lì prove significative che i residenti francesi ed europei sono stati sistematicamente sottoposti a pratiche di sorveglianza biometrica di massa. Questo è il caso in cui tifosi di calcioscolari, passeggeri, acquirenti o visitatori abituali Bar e luoghi di culto LGBTQ+mirato e il danno è reale e diffuso.

Anche alcune delle più grandi aziende che forniscono sistemi di sorveglianza biometrica, come Microsoft, IBM e Amazon, hanno adottato una moratoria di propria iniziativa, a causa dei gravi rischi e danni che questo sistema può comportare. Sulla stessa linea, Facebook ha cancellato il suo database contenente immagini di volti.

La necessità di una regolamentazione è sentita in tutta Europa e diversi Stati membri hanno preso l’iniziativa: l’Italia sì il primo paese a imporre una moratoria riconoscimento facciale in luoghi pubblici. La coalizione di governo tedesca ha chiesto una moratoria a livello europeo sorveglianza di massa mediante dati biometrici e Il Portogallo abbassa il conto che porterebbe alla legalizzazione di alcune di queste pratiche. E il parlamento belga sta valutando una moratoria sul monitoraggio biometrico.

Il progetto di regolamento europeo sull’IA è uno strumento chiaro che il Parlamento europeo può utilizzare per creare un quadro legislativo coerente per la protezione dei dati e la libertà individuale. L’UE è un pioniere nella regolamentazione dell’IA, le norme applicate in Europa influenzeranno la pratica e il diritto in tutto il mondo.

L’UE consentirà la tecnologia di sorveglianza di massa che sarebbe dannosa per le nostre libertà?

Per proteggere i diritti fondamentali, la legge sull’IA dovrebbe vietare qualsiasi uso remoto (ovvero un’ampia sorveglianza) dell’identificazione biometrica (RBI) in spazi accessibili al pubblico da parte di:
• Ampliare la portata del divieto a tutti gli attori privati ​​e pubblici;
• Garantire che sia vietato qualsiasi uso dell’identificazione biometrica (in tempo reale oa posteriori) in spazi accessibili al pubblico;
• Rimuovere le eccezioni al divieto, che valutazioni indipendenti sui diritti umani considerano incompatibili con gli standard europei esistenti sui diritti fondamentali.
• Stop alle forme discriminatorie o manipolative di categorizzazione biometrica
• Gestire il rischio di riconoscere correttamente le emozioni

L’UE mira a creare un “ecosistema di fiducia ed eccellenza” per l’IA e posizionarsi come leader mondiale nell’IA affidabile ed etica. Regolando l’uso dei dati biometrici, abbiamo l’opportunità di trasformare l’IA in un servizio per la società, non in una potente tecnologia.

Questo è il motivo per cui dobbiamo garantire che gli emendamenti della commissione IMCO e LIBE ai regolamenti sull’IA contengano un divieto di sorveglianza di massa utilizzando dati biometrici.

Leggere lettera aperta maggio 2022 inviato ai parlamentari da 53 organizzazioni che rappresentano la società civile.

10 maggio 2022

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.