Sul Web, il latino è una lingua viva

Podcast, siti di notizie, account Twitter… Gli studiosi di latino di tutto il mondo stanno usando Internet per fare di Cicerone un idioma del 21° secolo.

Sai come si dice “gilet giallo” in latino? Bene, solo “giacca galbini”. E Emmanuel Macron rieletto? “Macrō igitur prīmus est, post Jacobum Chirac, quī bis ā populō lectus est. » In tutto il mondo, gli studiosi di latino online decifrano le notizie nei classici di Cicerone, che si tratti dell’elezione di Macron (alias Giove), della guerra in Ucraina o delle politiche migratorie americane. Certo che c’è Notizie vaticane che trasmette notiziari settimanali in latino (lingua ufficiale). Anche papa Francesco l’ha fatto Account Twitter in latino, che conta 976.000 abbonati. Ma il fenomeno va ben oltre la Chiesa: accademici, storici e fanatici costituiscono il grosso di questo esercito latinista.

Tutto è iniziato con la Finlandia, un rabbioso paese latinista. Negli anni ’90, lo stravagante Jukka Ammondt, professore di letteratura alla Jyväskyl University, adattò Elvis Presley in latino (“Glaudi Calcei” per tubo Scarpe di camoscio blu tra gli altri) e persino in tournée negli Stati Uniti. Alla radio pubblica di YLE Radio 1, tre fan (Tuomo Pekkanen, Virpi Seppälä-Pekkanen e Reijo Pitkäranta) hanno ospitato per trent’anni e fino al 2019 un episodio settimanale in cui evocano lo stato del mondo in latino classico.

Da allora, molte iniziative hanno seguito le loro orme. web radio tedesca Brema Zwei offre una newsletter mensile in latino (con un bel accento tedesco). Nella sua ultima edizione si cita la nomina di Lisa Pope – esponente dei Verdi – al Ministero della Famiglia e il suo naufragio Mosca nel Mar Nero. Tre donne con sede in Messico, Repubblica Ceca e Spagna hanno anche creato “forum” di discussione e pubblicato trasmissione settimanalmente su vari argomenti di attualità. Il giornalista italiano Francesco Lepore, ex sacerdote e specialista in questioni vaticane e LGBT+, conduttore di media indipendenti Linkiesta blog “O tempo, o costumi”dove evoca l’attualità in latino classico.

In perenne evoluzione

Tutte queste iniziative sono rigorosamente strutturate sul sito web dell’associazione francese per la promozione delle lettere classiche Ferma il tuo treno. Un altro modo per guardare le lingue e impararle. A differenza della maggior parte delle aule francesi, dove il latino veniva insegnato come una lingua morta e fissa, tra gli anglosassoni veniva trasmesso come una lingua viva, in evoluzione permanente. ” I nostri studenti fanno lo stesso di quelli che studiano il francese o il cinesespiega Miller Krause, che insegna classici alla Western Washington University, negli Stati Uniti, e mantiene un account Indonesia e uno trasmissione notizie settimanali dal 2017. Il primo anno studiano declinano ed esprimono i loro sentimenti, i loro pensieri in latino. Sono più facili da memorizzare la grammatica in questo modo. Dal secondo anno leggono testi classici e li discutono in latino. »

Secondo l’insegnante, l’iniziativa non è nuova. ” L’élite usava il latino classico durante il Rinascimento e anche all’inizio del XXe secolo per parlare delle loro invenzioni, parlare di nuove idee. Con GoogleBooks è facile trovare volantini su come tradurre in latino concetti moderni, come l’esplorazione dello spazio o le nuove tecnologie. »

Ma l’interesse a far passare il presente attraverso la macinatura latina è soprattutto quello di far capire che nulla è veramente cambiato. ” Nel passato e nel presente, le persone affrontano gli stessi tormenti: la guerra, la corruzione, la vita politica, le lotte tra le classi sociali. Niente di nuovo, quindi. »

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.