Story Club FM: canale radiofonico in Malawi con molta arte | futuro pianeta

L’idea è nata nel 2013. Poi, un gruppo di malawiani, amanti dell’arte in tutti i suoi aspetti, ha iniziato a incontrarsi in un hotel, bar o centro sociale per parlare di letteratura, musica, teatro o pittura. “Di solito parteciperanno in media 60 persone, anche se abbiamo un evento con circa 300 partecipanti. Nel 2017 abbiamo scoperto questo luogo come un luogo permanente e ci siamo stabiliti qui”, ha affermato l’autore 42enne Shadreck Chikoti, il cui ideologo principale e fondatore Story Club Art, un progetto di cui parla e che guida anche oggi. “Ora abbiamo appena ricevuto il permesso per iniziare a trasmettere Story Club FM, un canale radiofonico che aprirà al pubblico la conoscenza dell’arte, niente di più e niente di meno. Il primo del suo genere in Malawi”, ha detto.

Le trasmissioni Story Club FM iniziano alle cinque del mattino e durano fino a mezzanotte. Per realizzarlo, ci sono 25 dipendenti a tempo pieno e un centinaio di artisti che collaborano e producono contenuti. “Attualmente, il nostro canale raggiunge solo la regione centrale, dove vivono circa tre milioni di persone, anche se il nostro obiettivo per il futuro è espanderlo in tutto il Paese”, spiega Chikoti. E accenna anche alla vocazione internazionalista con cui è nato questo nuovo progetto. “Non vogliamo limitarci ai creatori locali, ma un giorno suonare musica dal Messico, ad esempio, e parlare di artisti messicani. Dovresti anche ascoltare i classici; opera, jazz, blues… E avvicinare questi stili alla nostra vita perché l’arte non conosce confini”.

L’arte è più che intrattenimento. La cultura è vita, l’inizio di tutto. Ti dà prospettiva e identità

Shadreck Chikoti, autore e co-fondatore di Story Club Arts

Ma perché questo è necessario per diffondere la cultura? Perché è nato lo Story Club, prima come luogo di condivisione e confronto e poi come radio per tre milioni di persone? Shadreck Chikoti la mette così: “Onestamente credo che nessun Paese possa svilupparsi se non presta sufficiente attenzione alle arti, anche se continuo a non apprezzarle come dovrebbero. In Malawi gli artisti sono visti come intrattenimento quando sono più di questo. La cultura è vita, l’inizio di tutto. Questo ti dà una prospettiva. Ma è anche identità. La maggior parte delle nazioni moderne si identifica con i propri artisti. Per questo, se parliamo di Shakespeare, ad esempio, dobbiamo parlare anche dell’Inghilterra. E non puoi separare Michelangelo dalla storia di Roma, dell’Italia o dell’Europa. È semplice: senza arte non c’è futuro».

Barriere e modelli

Tuttavia, l’apatia del Malawi come Paese nei confronti dei suoi artisti non è l’unico ostacolo che iniziative come Story Club Arts devono superare, ponendo la cultura al centro del target. La scarsità è anche un formidabile nemico da sconfiggere. Secondo il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP), il 50,7% degli oltre 19 milioni di abitanti di questo paese, situato nel cuore dell’Africa, vive al di sotto della soglia di povertà. L’organizzazione colloca la nazione alla posizione 171 dell’indice di sviluppo umano, un elenco che include 189 stati. Problemi che si evidenziano tasso di alfabetizzazione molto basso; Quasi il 40% della popolazione non sa leggere o scrivere, collocando il Malawi al 130° posto nel mondo.

Story Club FM sarà trasmesso a tre milioni di persone e toccherà tutti i rami della cultura, sia nazionale che internazionale

“Ovviamente è difficile raggiungere un pubblico con queste statistiche sulla povertà e l’analfabetismo, ma l’arte può andare oltre e aiutare le persone a capire, leggere, esplorare, interessarsi ad altre questioni e ad altre parti del mondo. ”, riflette Chikoti. E aggiunge: “Non devi essere una persona altamente istruita per apprezzare la musica, per esempio; la maggior parte delle branche dell’arte può essere compresa da tutti”. E, se il denaro o la classe sociale non saranno un ostacolo affinché la storia di Story Club FM raggiunga il maggior numero possibile di malawiani, nemmeno altri fattori, come l’età, lo faranno. L’autore si rivolge a casa sua per dibattere su questo punto. “Mia figlia, la maggiore di tre figli, di 13 anni, ha appena pubblicato il suo primo libro di poesie. È lo scrittore più giovane del Paese…”.

È difficile raggiungere un pubblico con queste statistiche sulla povertà e l’analfabetismo, ma l’arte aiuta le persone a capire, leggere, esplorare, interessarsi ad altre questioni e ad altre parti del mondo.

Shadreck Chikoti, autore e co-fondatore di Story Club Arts

Nel contesto della storia del suo paese, Chikoti ha trovato nemici, specialmente per il ramo che padroneggiava, la letteratura. Ha detto: “Il Malawi ha avuto un periodo in cui gli scrittori sono stati perseguitati e imprigionati, il che ha scoraggiato i giovani dall’entrare in quel mondo. Inoltre, i paesi più popolosi hanno più rappresentanza e maggiori tradizioni. Gli scrittori nigeriani, ad esempio, da cui proviene Wole Soyinka – il primo africano vincitore del Premio Nobel, onore ricevuto nel 1986 – hanno vissuto viaggi precedenti che qui non abbiamo apprezzato». Anche se, ha spiegato, ciò non significa che il Malawi non possa produrre grandi storie.

Forse il più famoso è il film Il ragazzo che doma il vento, diretto e interpretato dall’africano britannico Chiwetel Ejiofor e basato sulla biografia di William Kamkwamba, che da adolescente costruì un mulino a vento usando legno, parti di biciclette e immondizia raccolti nelle discariche. Lo ha fatto con quanto appreso in alcuni vecchi manuali che ha trovato presso la biblioteca locale e, con ciò, ha portato per la prima volta l’acqua nella sua città. Il film ha vinto diversi premi internazionali.

Letteratura futurista e passi successivi

Shadreck Chikoti sa anche qualcosa sulla ricezione di premi. Autore di diversi racconti, il suo primo e unico lungometraggio, Azoto reale, gli è valso il prestigioso Peer Gynt Literature Award nel 2013 ed è stato oggetto di dibattito in varie università degli Stati Uniti. “Questa è una sceneggiatura futuristica realizzata in Africa. La verità è che spesso mi ritrovo a pensare al futuro, cosa che di solito non facciamo in questa parte del mondo. C’è la malattia, la fame, la povertà… E fa sempre pensare al presente. Difficilmente troverai un paese in questo continente che ha un piano di 50 anni, quindi la mia letteratura è sempre stata così”, spiega Chikoti del suo lavoro. E ha anche detto che ha in programma di pubblicare altre fiabe negli anni a venire, che ora è immerso nella fantascienza e che quello che scrive non ha sempre nulla a che fare con l’Africa.

Adesso bisogna cercare di addentrarsi nelle campagne, nelle città. Mi piacerebbe che la comunità si preoccupasse dell’arte, così da poter avviare il proprio club. Lo vedo come un punto di partenza

Shadreck Chikoti, autore e co-fondatore di Story Club Arts

E, mentre scrivi tutto questo, il tuo Story Club FM continuerà a essere trasmesso per quei tre milioni di persone, forse per molte altre in futuro. Oppure, perché no, il progetto può crescere. “Il prossimo passo logico è aprire un canale televisivo”, ha detto Chikoti, che però non ha dimenticato il vero motivo per cui, quasi 10 anni fa, è iniziato l’incontro dove lei e molti altri discutevano di libri di moda, una pittrice classica. o l’ultimo spettacolo teatrale. “Ora dobbiamo cercare di penetrare nelle campagne, nelle città. Mi piacerebbe vedere che la comunità si preoccupasse delle arti, così da poter avviare il proprio club. Lo vedo come un punto di partenza. In questi luoghi c’è una grande capacità e conoscenza, ma le persone non ne sono consapevoli. Aiutare a cambiare, questo è il mio prossimo obiettivo”, ha concluso.

Puoi seguire PLANET FUTURO su Indonesia, Facebook e Instagrame iscriviti qui alla nostra ‘newsletter’.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.