Saremo migliori dell’anno scorso. Barák si è sparato con il nuovo allenatore ed è in vantaggio con il Verona

È balzato nella top ten dei capocannonieri di Serie A contro l’Empoli e con le sue prestazioni offensive ha portato il Verona in testa alla classifica. Antonín Barák ha vissuto un ottimo periodo in Italia, rafforzato dall’arrivo in squadra del nuovo allenatore Igor Tudor. “Questo è un bene per noi e influisce anche sui risultati”, ha detto il centrocampista 26enne.

L’obiettivo sembra facile. Antonín Barák corre sotto la porta, controlla la distanza dei difensori e, con un bel colpo di testa, lancia il centrocampista dalla fascia sinistra sul secondo palo. Il Verona, che nel primo tempo ha lavorato molto con gli avversari dell’Empoli, si è tranquillizzato con il gol principale poco dopo il cambio di squadra.

E quando l’avversario ha pareggiato il punteggio e ha raggiunto il punto, Barák ha deciso. Al momento stabilito, ha tirato la palla dalla destra nel gesso, ha spinto il difensore Adrien Tamez e ha segnato il gol della vittoria.

Il centrocampista della nazionale ceca è importante sotto tutti i punti di vista. Oltre all’azione in porta, ha messo in pericolo il gol con un altro pericoloso colpo di testa e ha disegnato continuamente gli attacchi della sua squadra. La sua prestazione alla partita di domenica Serie A ha attirato così tanto l’attenzione dei giornalisti italiani che Barák è stato incluso nel set di biciclette. E affermano che è un uomo di wrestling.

Hellas Verona – Empoli 2:1 (Serie A 2021/22) | Video: Youtube.com

“Tutto tranquillo, siamo meglio dell’anno scorso”, Barák valuta una prestazione di successo per Aktuálně.cz.

La sua prestazione ha sottolineato la forma di calpestio della squadra. Il Verona sono cinque partite senza sconfitte e dopo il successo contro le prime si può pensare di salire in classifica di coppa. Nell’ultimo turno è riuscito a trascinare in campo la capolista Napoli e a battere la Juventus. A settembre l’AS ha perso anche contro la Roma guidata dall’allenatore portoghese José Mourinho.

“Abbiamo una squadra molto forte quest’anno. Possiamo sicuramente ottenere risultati migliori rispetto allo scorso anno”, ha detto Barák.

Il Verona ha chiuso l’anno scorso al decimo posto, quando è riuscito a giocare una partita vincente con i favoriti e ha sconvolto un avversario molto più forte. La faccia da gioco del club è stampata dall’allenatore Ivan Juric, a supporto del sistema utilizzato dall’Atalanta Bergamo. “Siamo gli unici a giocare come loro”, Barák paragona la sua squadra all’Atalanta, che da tempo gareggia con grandi e ricchi club in testa alla lega con budget modesti.

Tuttavia, Jurić è andato all’FC Torino in estate e non è arrivato al nuovo anno del Verona. Ha perso le prime tre partite e la dirigenza ha chiamato rapidamente il nuovo allenatore Eusebio Di Francesca. Il terzo allenatore si è seduto in panchina in breve tempo, Igor Tudorl’assistente dello scorso anno Andrey Pirla alla Juventus.

“Il cambiamento ha sicuramente aiutato”, ha detto Barák. “L’attuale allenatore è molto buono per noi, il tipo di giocatore che abbiamo si adatta chiaramente al suo sistema. E questo influisce sui risultati”, ha detto, aggiungendo che Tudor aveva uno stile di gioco simile a Jurić. “Ci sono alcune piccole differenze, ma le basi sono le stesse”, ha detto.

Dopo una sostituzione in panchina, il Verona ha segnato 19 punti in dieci partite. Allo stesso tempo, ha perso solo una volta, dopo il pareggio di San Siro in casa contro il Milan, squadra in competizione con il Napoli per il primo posto in classifica.

E Barák è uno dei giocatori più importanti della squadra. Questa è una delle forze trainanti dietro la produttività offensiva e in porta. Con cinque reti segnate, è tra i primi dieci marcatori di Serie A dopo la sfida di domenica guidata da Ciro Immobile della Lazio con dieci reti. Barák potrebbe ampliare il suo bilancio sabato a Genova contro la travagliata Sampdoria.

L’ex giocatore di Příbram e Slavia Praga all’età di 26 anni è una delle figure di spicco del campionato italiano, una delle quattro migliori competizioni europee. Allo stesso tempo, vuole imparare e svilupparsi. Il 35enne centrocampista portoghese è un modello per lui nella squadra Miguel Veloso. “È un calciatore molto esperto. Ammiro il suo modo di giocare e imparo da lui. È molto interessante affrontare un giocatore del genere”, ha detto un membro della nazionale ceca.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."