Ronaldo si trasferisce dalla Juventus al Manchester United

La stella del calcio Cristiano Ronaldo si trasferisce dalla Juventus al Manchester United. Il club inglese ha confermato la notizia venerdì sera sui social e sul sito ufficiale, ma poi non ha resistito all’assalto dei tifosi e ha smesso di lavorare. Durante la giornata, sembrava che CR7 si sarebbe diretto verso i rivali del City, ma alla fine è tornato al club, dove ha iniziato la sua grande carriera tra il 2003 e il 2009.

Lo United, guidato dall’ex compagno di squadra Ronald Ole Gunnar Solskjaer, invierà a Torino 15 milioni di euro (circa 383 milioni di corone) per i portoghesi e un eventuale bonus che potrebbe salire a otto milioni di euro (204 milioni di corone).

Insieme ai Red Devils, il calciatore 36enne dovrà firmare un contratto biennale.

“È uno dei migliori giocatori nella storia del nostro club. E sa cosa proviamo per lui”, ha detto Solskjaer in una conferenza stampa prima che il trasferimento fosse ufficialmente confermato. Se davvero lascia la Juventus, sa che ci siamo”.

L’arrivo di Ronald è stato annunciato dallo United venerdì poco prima delle sei con il messaggio “Benvenuto a casa, Cristiano”. Pochi minuti dopo, un sito Web che non poteva gestire l’assalto dei fan che chiedevano dettagli ha smesso di funzionare.

Tuttavia, prima di allora, il club è riuscito ad annunciare di aver concordato i termini di trasferimento con la Juventus. Per chiuderlo, i dettagli con i giocatori e le visite mediche devono ancora essere finalizzate.

“Tutti nel club non vedono l’ora di riaccogliere Cristiana”, ha scritto il club, ricordando lo scintillante equilibrio che Ronald aveva raggiunto nell’era precedente con la maglia dei Red Devils: 292 partite e 118 gol.

“Oggi lascio un grande club, il più grande d’Italia e sicuramente uno dei più grandi d’Europa”, ha scritto lo stesso Ronaldo su Instagram. In Italia è riuscito a giocare 131 partite ufficiali con la Juventus e ha segnato 101 gol. “Dopo averci guardato tutti indietro, ci rendiamo conto di aver ottenuto grandi cose. Non tutto quello che volevamo, ma abbiamo comunque scritto una bella storia”, ha aggiunto Ronaldo, che ha vinto anche due scudetti con la Juventus in tre anni. e due Supercoppe locali. Quest’anno, però, non ha ripetuto il campionato e durante il suo ingaggio non ha nemmeno vissuto una vittoria in Champions League, che aveva vinto in precedenza con il Manchester e quattro volte con il Real.

La città alla fine ha perso interesse

La partenza di Ronald da Torino è stata a lungo ipotizzata, ma nelle ultime ore gli eventi stanno prendendo piede. Alla Juventus, il temuto tiratore ha sgomberato gli armadietti e ha detto all’allenatore Massimilian Allegrim che non avrebbe più giocato per la squadra.

“Cristiano mi ha detto ieri che non ha più intenzione di giocare alla Juventus. Non si è allenato ieri e non sarà nominato per la partita di domani”, ha detto il tecnico Allegri in conferenza stampa in vista della sfida di campionato di sabato con l’Empoli. “Non sono molto deluso. È una sua decisione. È qui da tre anni e ha fatto qualcosa. La vita va avanti”, ha detto l’allenatore, tornato alla Juventus due anni fa.

Il Manchester City è stato inizialmente considerato il favorito per il nuovo datore di lavoro del ministro europeo. “CR7 non è ancora un giocatore del Manchester City, ma manca solo un passo”, ha scritto la Gazzetta dello Sport. Ma alla fine non è successo, anche se i campioni d’Inghilterra hanno cercato rinforzi per colpire dopo la partenza della leggenda del club Sergio Agüer al Barcellona e un tentativo fallito di atterrare il capitano dell’Inghilterra Harry Kane, che rimane al Tottenham. D’altra parte, nuove informazioni dai media britannici hanno confermato poco dopo che l’agente di Ronald, Jorge Mendes, era in trattative con lo United.

Ronaldo è arrivato per la prima volta al Manchester United nell’estate del 2003 dallo Sporting Lisbona. Durante il suo impegno di sei anni con lui, ha vinto la Champions League (2008), tre Premier League (2007, 2008, 2009), una volta la Coppa d’Inghilterra (2004), due Coppe di Lega (2006, 2007) e una volta la Coppa del Mondo per club (2008).

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.