Raffo ha detto che il sindaco di PN ha agito in buona fede e ha chiesto a Cosse di fare “grande politica”

Giovedì pomeriggio si è svolta una votazione presso il Consiglio dipartimentale di Montevideo (JDM) per decidere se approvare o meno un accordo con la Banca interamericana di sviluppo (IDB), che include un contributo di 70 milioni di dollari da organismi continentali.

L’approvazione richiede una maggioranza speciale, in quanto il rimborso del prestito coprirà la futura amministrazione del comune. Una coalizione di governi nazionali ha votato contro l’iniziativa e ha fallito.

Laura Raffo, presidente del Dipartimento del Partito Nazionale di Montevideo (PN), ha spiegato perché i consiglieri nazionalisti non hanno appoggiato il progetto IM e ha risposto al sindaco di Montevideo, Carolina Cosse, che ha sottolineato che il comune ha negoziato “in buona fede”.

Cosse ha commentato: “Abbiamo negoziato in buona fede, abbiamo fatto una proposta seria, con apertura, senza frodi, con trasparenza e senza scappatoie”. “L’esempio di oggi traccia una linea che segna due modi di fare politica, da un lato quello che facciamo, è il modo serio di fare politica, mettendo al centro gli interessi di Montevideo, mettendo al centro i principi; d’altra parte è irresponsabile fare politica meschina”, ha detto il sindaco.

«È buona fede sottovalutare sempre l’opposizione? È buona fede incolpare qualcun altro per non aver ripulito Montevideo? È buona fede presentare un progetto di sanificazione per soli 2.000 vicini quando 80.000 lo stanno aspettando? È buona fede lasciare i 78.000 residenti di Montevideo che vivono in acque puzzolenti per acquistare camion e container e pubblicizzare che pagheremo per i prossimi 25 anni? ha chiesto Raffo sul suo account Twitter.

“È in buona fede svegliarsi quando il PN propone di utilizzare i 24 milioni di dollari effettivamente disponibili per portare i servizi igienico-sanitari a Casabó, Rincón del Cerro, Barrio Sarandí, Bella Italia e Boiso Lanza? Non ci sono scuse”, ha aggiunto.

Raffo sostiene che “agire in buona fede dà più tempo per raggiungere un accordo”. “Li abbiamo dati noi. Agire in buona fede significa presentarsi in tutte le istanze del tavolo delle trattative. Ci presentiamo. Agire in buona fede significa presentare una proposta professionale e tecnicamente validata. Li consegniamo noi”, ha aggiunto.

Al riguardo, ritiene che “agire in buona fede metta sempre le famiglie più bisognose, anche se l’investimento non è dei migliori”. “Speriamo che Cosse faccia più politica e accetti la nostra mozione per portare i servizi igienico-sanitari in cinque quartieri con i soldi che dice di avere già”.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.