“Quando ho saputo della tragedia che ha colpito Ronaldo, il mio cuore si è fermato per un momento. Ero molto consapevole del dolore”.

Il mio cuore è sprofondato davanti alla tragedia di Ronaldo e di sua moglie Georgina Rodriguez, mentre leggevo le parole di un calciatore che ha descritto questo momento come “il dolore più grande che un genitore possa provare”. E ha ragione. Ricordo esattamente lo shock e le lacrime di gioia che mi rigarono il viso quando l’ecografia confermò due battiti cardiaci, nel marzo 2015, “Kal Sahan iniziò la sua confessione.

Lei e suo marito stavano cercando da tempo di allargare la famiglia, entusiasti che la loro figlia Ria, che all’epoca aveva tre anni, un giorno sarebbe diventata una sorella maggiore.

Leggi di più

“Sono rimasta incinta dopo il primo tentativo di fecondazione in vitro e ci è stato detto che c’era una possibilità di avere due gemelli, e quell’opportunità si è avverata sei settimane dopo. A parte il fatto che volevo avere due gemelli fin dalla giovane età, perché mia madre li aveva in famiglia.” Non credevamo davvero che sarebbe successo. Abbiamo deciso di andare in vacanza per festeggiare e abbiamo girato i Paesi Bassi perché mio marito stava lavorando a un progetto lì che è durato cinque settimane”, ha detto Kal.

L’eccitazione crebbe ancora di più e Ria continuò a parlare al ventre di sua madre. La vita familiare, dicevano, era buona allora, e sembrava che il futuro sarebbe stato perfetto.

“Nella 18a settimana, mi sono svegliato nel cuore della notte e mi sono sentito sanguinante. La bella donna che ci ha ospitato stava guardando Rio quando siamo corsi in ospedale. Dopo il controllo, ci è stato detto che andava tutto bene e che un bambino di sicuro. “Siamo felici che quello che ci è successo non sia stato un sogno e in questo momento siamo molto felici di avere un maschio e un maschio. Abbiamo deciso di condividere questa notizia solo con i nostri parenti stretti che gioiscono con noi. “, ricorda Sahan.

Tuttavia, questi episodi emorragici hanno iniziato a diventare più frequenti, il successivo alla settimana 21. Durante l’ecografia al ritorno dai Paesi Bassi, è stato confermato che i gemelli sarebbero stati un maschio. Questa è una buona notizia.

“La cattiva notizia è che il gemello numero due potrebbe avere una disabilità, un buco nel mio cuore. Mi sentivo impotente e spaventato per il mio bambino, ma sapevo che l’ospedale aveva un piano. Hanno organizzato un lungo incontro con me e mio marito e lo hanno spiegato. passo dopo passo, poiché si prendono cura di molti bambini con questa condizione, hanno risposte pronte a tutte le nostre domande. Mi aiuta davvero a sentirmi pronto e so che siamo in buone mani”, ha detto Kal.

I medici li hanno osservati per un po’ con sguardi preoccupati, in attesa di una risposta alla proposta di eseguire un test che mostrasse se i gemelli avessero un’altra anomalia, che potrebbe essere fatale per entrambi i bambini.

“Mi sono trovata in una posizione molto difficile, divisa tra la vita e la morte, ma ho deciso di andare avanti perché lo devo ai miei bambini, per dare loro le migliori possibilità di sopravvivenza. Sapevo con quanta facilità potevo abbandonarmi a cattivi pensieri. Quindi faccio del mio meglio per pensare positivo e se c’è un’anomalia cromosomica me ne occuperò più tardi. Con un’incisione, a causa dell’emorragia e sono state trasferite in un altro ospedale. Mi sono unito a loro pochi giorni dopo. Le mie figlie, le bei bambini pesano solo 700 grammi ciascuno”, ha detto la madre.

Due settimane dopo, a uno dei gemelli è stata diagnosticata la sepsi, gli è stato messo un respiratore e in quel momento Kal si è reso conto che non avrebbe potuto trascorrere più tempo in sua compagnia.

Dopo il nostro incontro con il consulente e l’infermiera che ci ha detto che la salute di Rup non era buona, ho chiesto: “Sta per morire, vero?” Ho aspettato di sentire queste parole, ma nessuno le ha pronunciate. abbiamo notato che le sue dita stavano iniziando a diventare di un colore viola scuro. Era così piccolo e indifeso con così tanti fili e tubi intorno al suo corpo, ma i medici ci hanno detto che erano “molto sorpresi che fosse durato così a lungo”. Ottobre 2015. Ho tenuto il buco nel braccio per la prima e l’ultima volta. L’ho regalato a mio marito e ho aspettato che lo mettesse giù. Quando ci siamo salutati, abbiamo detto all’infermiera di spegnere il respiratore. , ricorda Kal.

Qualche istante prima di morire, Cal disse a suo figlio quanto fosse orgoglioso di aver combattuto per così tanto tempo, che lo avrebbe sempre ricordato, e aprì gli occhi e sorrise a suo padre e sua madre. Quel sorriso li rese così felici che non si accorsero nemmeno del momento in cui il bambino morì tra le loro braccia.

“Lo stesso giorno in cui ho tenuto suo fratello Guridj per la prima volta, è stato un momento bellissimo per entrambi in uno dei giorni più bui della nostra vita. Quel pomeriggio abbiamo anche tenuto in mano la bara di Rup. Ho pensato che fosse il modo di donare di Dio. .sappiamo che è troppo speciale per questo mondo Passare attraverso un trauma del genere può avere un enorme impatto sulla tua salute mentale Prendo antidepressivi da quando ho avuto la depressione postpartum con il mio primo figlio quindi ho un posto sicuro ma il mio cuore è anche danneggiato Gran parte di me è stata portata via, l’altra metà di mio figlio è scomparsa”, ha detto Kal.

Gurridge ha trascorso tre mesi in terapia intensiva prima di arrivare a casa. Adesso ha sei anni e quest’anno ha scoperto di avere un fratello.

“Aveva molte domande, tipo ‘Mamma, chi è la star?’ Dov’è il paradiso? Mi manca Rup, perché è morto? “E sento con tutti che è la persona più vicina con cui abbia mai condiviso questa storia. Parlare con Guridj di suo fratello Rup mi ha davvero aiutato a stare un po’ meglio. Voglio condividere tutto. con lui, per quanto posso. Tutti gli anni intermedi sono amari e dolci, soprattutto quando si festeggiano i compleanni e si raggiungono traguardi importanti. “È difficile dimenticare un bambino che avrebbe dovuto essere seduto accanto a suo fratello, a soffiare le candeline sulla torta di compleanno e ad aprire i regali”, ha detto Kal.

Questo trauma, dice, ha plasmato la sua vita. Nel profondo, sapeva che questa esperienza l’avrebbe portata da qualche parte, così ha fondato un marchio di abbigliamento che aumenta la consapevolezza su tale trauma, incoraggiando e responsabilizzando le donne di tutto il mondo.

“La storia di Ronaldo è una delle tante, una delle tante. È un dolore di cui sono molto consapevole. A volte pervade ogni cellula del mio essere, ma sono ancora forte grazie a Guridj. Crescendo sono sicuro Imparerò la sua faccia a trovare i segni “Potremmo non essere consapevoli di chiederci cosa possa essere successo, ma quello che ci è mancato ci dà forza. Spero che Ronaldo trovi la stessa forza che ho io e impari a celebrare ciò che ha”, ha detto Cal a Metro.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.