Puzzle di allenamento: ci sono un milione di percorsi. Quale sceglieranno i cechi?

Non appena i cechi non si sono fatti strada per i Mondiali in Qatar, sono sorte una serie di domande. Indubbiamente la cosa più scottante è l’allenamento. C’è stato un dibattito relativamente acceso tra tifosi e giornalisti sul fatto che Jaroslav Ilhav, il cui contratto scade in estate, debba rimanere come capo allenatore.

Già a giugno la nazionale ceca giocherà quattro partite ufficiali. Questo è un confronto con un leader europeo puro. Nel girone base della Nations League, i cechi affronteranno Svizzera, Spagna (2×) e Portogallo, squadre che, a differenza della Repubblica Ceca, hanno lottato con successo per il Campionato del Qatar.

Conosciamo il programma. Ma chi si occuperà alla fine della stesura delle candidature?

Cancella preferito

Per quanto riguarda il potenziale per allenare le scommesse rosada Ufficio fortuna significativamente a favore di Ivan Hašek con una quota di 1,20. Ha avuto una ricca carriera da giocatore e da allenatore. Negli ultimi anni ha lavorato come capo allenatore nella penisola arabica, ma nel suo curriculum di allenatore possiamo trovare anche lo Sparta a Praga, lo Strasburgo in Francia, o brevi episodi della nazionale.

Puoi ascoltare il suo potenziale coinvolgimento e in particolare il ruolo di allenatore della nazionale, nell’ultima puntata di Water Carriers, il podcast calcistico di News List.

Il secondo scenario più probabile sembra essere Jaroslav ilhav in ufficio. Fortuna può attualmente scommettere su una tale variante con una quota di 5,50. Un altro candidato, anche se meno ovvio, è Vítězslav Lavička (corso delle 13.00). Ha avuto coinvolgimenti di successo in Slovan Liberec e Sparta, ma anche nel “ventuno” ceco. Nell’arena di allenamento Lavičky possiamo anche trovare stazioni d’oltremare a Sydney FC, Australia o Wrocław, Polonia.

Tuttavia, Lavička è diventato il nuovo allenatore della squadra nazionale di calcio del Kuwait a marzo. Ha firmato un contratto di quattro mesi con la federazione calcistica locale con la possibilità di prolungare la partnership per un altro anno. Osservando da lontano il plotone di potenziali candidati, possiamo trovare anche Petr Rada di Jablonec sul percorso delle 15.00 o Jindřich Trpišovský degli slavi sul percorso delle 17.00. Ma ci stiamo avvicinando a una specie di genere fantasy.

“Negli ultimi 20 anni, l’attuale presidente dell’associazione ha scelto per noi l’allenatore della nazionale. Ad esempio, mancano ancora posizioni nel direttore sportivo e tecnico dell’associazione. Tale persona può essere responsabile della formazione di un chiaro concetto, secondo il quale giocherà nella squadra nazionale. , compresa la selezione dei giovani giocatori. Manca la continuità. L’attuale presidente della Federcalcio della Repubblica Ceca, Petr Fousek, ha promesso la scorsa estate che ricoprire una tale posizione era un priorità”, ha osservato Luděk Mádl, esperto di calcio di News List, sul podcast Water Carriers.

E per quanto riguarda i pullman nell’Europa dell’Est? È possibile imparare da qualcosa o prendere ispirazione dal prossimo? C’è davvero un percorso collaudato che l’allenatore “giusto” della nazionale deve intraprendere per avere successo?

sonda orientale

La nazionale slovacca è allenata dal tefan Tarkovi dall’ottobre 2020. In precedenza ha guidato Košice, Prešov e ilina. Questa è stata seguita da una preziosa esperienza con la squadra nazionale slovacca, dove ha lavorato come assistente di Ján Kozák. Successivamente, Tarkovi ha trascorso due stagioni come direttore tecnico della nazionale. Non appena Kozák fu richiamato dal sindacato, gli slovacchi ricordarono Tarkovi.

“Questo è un modello in cui i pensionati vengono sostituiti da sangue giovane che da anni si guarda alle spalle. È così che lo fanno i tedeschi da molto tempo. Intendo la coppia di allenatori Jürgen Klinsmann – Joachim Löw. Tante novità è venuto attraverso Klinsmann in quel momento. Era come un bulldozer, seguito fedelmente dal suo assistente Löw”, ha detto Mádl.

Czesław Michniewicz allena i polacchi dal gennaio 2022. È uno di quegli allenatori con una ricca carriera da allenatore, iniziata nella stagione 2002/2003. Si allena principalmente a livello di extraclassificazione polacca, che è la competizione più alta lì. Dopodiché, ha tagliato quattro anni come capo allenatore della “ventuno” nazionale. La sua ultima resistenza davanti alla squadra nazionale è stata la Legione di Varsavia, con la quale non è riuscito a farcela in autunno per la quale è stato esonerato a ottobre.

Martedì, la Polonia sotto la sua guida è arrivata attraverso la Svezia al Campionato del Qatar. Dovrebbe essere aggiunto rapidamente.

Se possiamo chiamare qualcuno uno specialista della squadra nazionale, allora stiamo parlando di Oleksander Petrak. Dalla stagione 2011/2012, l’allenatore ucraino ha lavorato quasi ininterrottamente per tutti i tipi di squadre nazionali nazionali. Ha iniziato nella categoria giovanile, da dove è passato gradualmente alla nazionale maggiore. Speriamo che presto avrà l’opportunità di combattere la sua carica per partecipare alla Coppa del Mondo.

Alieni, modelli, modelli…

L’Ungheria è stata allenata dal tattico italiano Marco Rossi, che ha avuto una ricca carriera da giocatore. Lo stesso si può dire del curriculum del suo allenatore. Ha lavorato nelle competizioni minori italiane, seguite da stazioni a Honvéd in Ungheria ea Dunajská Streda in Slovacchia. Dalla stagione 2018/2019 è il capo allenatore della nazionale ungherese, con la quale ha lottato più che eroicamente all’Euro 2020 posticipato per passare dal girone della morte contro il trio di Portogallo, Francia e Germania.

“Ora nella Repubblica Ceca gli stranieri stanno prendendo il controllo della squadra di calcio. Dopotutto, l’allenatore finlandese di hockey Kari Jalonen ha recentemente rilevato l’hockey. Ma immagina uno scenario che deve arrivare un po’ di Marco Rossi. Non riusciamo a prendere l’allenatore di fama mondiale Fabio Capello qui. Se abbiamo circa mezzo milione di corone al mese sul suo stipendio, e probabilmente non ce l’abbiamo nemmeno, allora non avremo un allenatore dall’estero di cui sentiremo parlare da qualche parte”, ha spiegato Mádl. situazione.

Sia la Serbia che la Croazia stanno combattendo verso la Coppa del Mondo del Qatar. Inoltre, entrambe le unità funzionano direttamente, cioè dal primo posto. I serbi sono stati allenati da Dragan Stojkovic, che è stato presidente del club della nazionale jugoslava, poi in Serbia e Montenegro e al CZ a Belgrado. Questo è stato seguito da 6 anni di formazione a Nagoya, in Giappone, e 5 anni a Canton, in Cina. L’ex capitano della nazionale jugoslava è tipologicamente molto simile al profilo di Ivan Hašek.

E il croato citato è stato allenato da Zlatko Dalic. Sotto la sua guida, la squadra attorno a Luka Modrić è passata alle finali della Coppa del Mondo 2018. Come Hašek, Dali si è allenato diverse stagioni nella penisola arabica.

In passato, era diventata una tendenza ovvia per le grandi personalità assumere il controllo della squadra nazionale di calcio. Oggi è molto più complicato, soprattutto dal punto di vista economico. Tuttavia, c’è ancora uno schema che si ripete: oggi lavoriamo spesso con team di implementazione molto ampi.

“Era solo una nostra preoccupazione in quel momento. Ovviamente, è impossibile stabilire che ci sia un modo davvero giusto per scegliere un allenatore della nazionale, una tendenza chiara. Il coaching è una cosa complessa. Certo, è anche una questione di come si formano gli individui dell’associazione”, aggiunge Jaromír Bosák, moderatore del podcast Water Carriers.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.