Per alcuni giovani bastava metà dello sforzo, si chiese Sonek. Non ha ancora visto un successore

Il miglior sciatore ceco degli ultimi anni, Ondřej Synek, ha concluso la sua carriera agonistica, ma continua a seguire il suo amato sport. Divenne direttore sportivo della Czech Rowing Association. “Non voglio ancora sedermi in un ufficio, quindi ufficiosamente sono un po’ un allenatore”, ha sorriso durante un’intervista per Aktuálně.cz.

Come ti senti riguardo alla nuova posizione?

All’inizio è stato abbastanza difficile per me perché dovevo dire cose spiacevoli a molte persone. Tuttavia, col tempo, mi sono abituato alla nuova attività. Ma è ancora qualcosa di completamente diverso per me che combattere un avversario con una piccola barca.

Stai dicendo che ancora non vuoi sederti in ufficio, così puoi anche prendere un po’ d’acqua tra i vogatori?

Trascorro la maggior parte del mio tempo in quell’ufficio perché ho bisogno di organizzare, ad esempio, l’acquisto di materiali vari, affrontare le questioni del personale, parlare con gli allenatori e molto altro. Tuttavia, quando tutte le scartoffie sono state fatte, mi piace andare in acqua e almeno prendere una barca.

Ti manca la vita su una barca?

Al ritiro di quest’anno in Italia, ho perso un po’ la barca, ma ancora non abbastanza per guidarla di nuovo per la prima volta dallo scorso giugno. Tuttavia, vado regolarmente in palestra per mantenere una buona condizione fisica.

Sicuramente mantieni uno stretto rapporto con i concorrenti. Cosa ti ha detto questo contatto?

Se qualcuno è interessato alla mia esperienza in pista, sarei felice di farglielo sapere. Tuttavia, ci sono alcuni che ignorano la mia conoscenza della vita. Certo, non forzo nessuno ad ascoltarmi, lo lascio all’allenatore. Tuttavia, ho cercato di portare una migliore organizzazione e logistica a tutte le attività sindacali, che hanno iniziato a svilupparsi dopo un certo rallentamento di due anni.

Qual è l’approccio del vogatore di oggi all’allenamento e alla competizione?

Il canottaggio è uno sport molto impegnativo e se vuoi ottenere grandi risultati in esso, la strada per raggiungerli è molto impegnativa. Ho impostato il 150 per cento degli incarichi formativi in ​​preparazione, mentre per i pochi giovani attuali è bastata la metà dello sforzo. Fortunatamente, abbiamo anche ragazzi e ragazze che sono completi al cento per cento, che vogliono remare e avere successo.

Quando menzioni i giovani vogatori, quanto è difficile il passaggio dalla categoria all’età di 23 anni tra gli adulti?

Non l’ho sperimentato, perché ai miei tempi questa categoria non esisteva. So però che il salto tra questo maschio e la femmina è maggiore di quello del ventitreesimo junior. Chi lo gestisce è per lui una motivazione, che è sulla strada giusta e ha una vera speranza di un graduale miglioramento. Questo vale, ad esempio, per una coppia di quattro, composta da giovani promettenti.

Qual è la speranza che il canottaggio ceco abbia in futuro un altro grande rappresentante sulla barca?

Quasi no. È davvero difficile riuscirci, cosa che non sto dicendo perché l’ho fatto. Nella nostra attuale selezione, almeno nessuno è riuscito a raggiungere la finale sulla scena internazionale. In particolare il tre volte olimpionico Podrazil, con il quale inizialmente volevo chiudere la mia carriera agonistica, ha dovuto formare un forte binomio con il 23enne olimpionico Cincibuch grazie alla sua esperienza e approccio al 100%.

Quali altri membri dell’equipaggio dovrebbero appartenere all’élite ceca?

Negli uomini, è la suddetta coppia di quattro Winter, Sunday, Shishma, Fleissner e nelle donne, la doppia barca leggera di Neuhortová, inková. Il canottaggio ha però un inconveniente: si decide tutto nelle gare, a cui puoi iscriverti con il giusto tempismo, ma questo non ti aiuterà.

Credi che possano vincere la gara di Coppa del Mondo di quest’anno, l’Europeo di Monaco ad agosto o il Campionato del mondo di Račice a settembre?

In entrambi i campionati, questa squadra potrebbe raggiungere le finali A e B, intorno all’ottavo posto, e potrebbe essere più vicina alla partecipazione alle Olimpiadi di Parigi.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."