Paolo di Paolo, l’uomo che ha fotografato l’Italia e ha deciso di scomparire: “La ‘dolce vita’ non è mai esistita” | icona

In un destino segnato da questo tipo di doppio nome, si può dire che Paolo di Paolo (Larino, 97 anni) è rinato due volte. Il primo, pochi mesi, quando gli è stata diagnosticata una malattia mortale. Il medico di famiglia ha suggerito l’unico rimedio per bagnare regolarmente il bambino in una bacinella di Negroamaro, un’uva del sud Italia le cui proprietà dovrebbero svegliare il bambino. Nessuno sa come, ma si è ripreso e oggi ha quasi cento anni.

Il secondo è arrivato dopo aver sentito di averne passate tante e, divenuto un mito della fotografia, ha deciso di scomparire. Il secondo arrivo è avvenuto un giorno in cui sua figlia Silvia, ignorando la sua vita precedente, stava cercando dei vecchi sci nella soffitta di casa sua e ha trovato per caso uno scrigno di centinaia di migliaia di negativi che hanno reso suo padre un duro. lavoro. . Un genio della fotografia che ha deciso di ritirarsi dopo soli 16 anni di lavoro, quando ha dato il meglio di sé, senza lasciare traccia.

Paolo di Paolo non fa più il bagno nel vino, scherza seduto sulla sua sedia. Ma a 97 anni continua a bere circa una pinta di rosso al giorno e si veste in modo impeccabile. Fotografi leggendari, adorati da luminari come il designer Alessandro Michele o il fotografo Bruce Weber (che ha recentemente debuttato in Tui Play-Doc Festival il tuo documentario Tesoro della sua giovinezza: foto di Paolo Di Paolo) Attualmente vive nel popolare quartiere di San Lorenzo, a Roma, con la moglie. Sua figlia Silvia, colei che inavvertitamente ha dissotterrato tutte le sue opere, un enorme archivio di ritratti pubblicati e altri 254.000 negativi non pubblicati tra il 1954 e il 1968, lo ha accompagnato durante l’intervista.

Il fotografo Paolo di Paolo, a casa sua. Stefan Giftthaler

Un uomo che improvvisamente ha abbandonato la sua carriera e ha rinchiuso parte della sua identità in una pila di vecchie scatole. Quel giorno del 1968 decise di non parlare più del mondo delle grandi star, registi, scrittori e giornalisti che lo adoravano e che, da allora, ha inserito nella categoria del mondo perduto. Era solo il giorno in cui era chiuso Mondo, un settimanale unico in cui ha lavorato così a lungo con libertà e un rispetto schiacciante per il trading. La chiusura che ha coinciso con l’emergere del mondo paparazzi, il pettegolezzo e la fotografia è intesa come un intruso nella vita delle celebrità. Anche con una certa noia personale per tutto.

“Chi ripubblicherà la mia foto? La televisione ha bruciato la possibilità di fare rapporti lunghi e complicati”, ha detto. “Il colpo di grazia è stato quando un giorno un direttore di giornale è venuto a trovarmi e mi ha detto: ‘Qualsiasi cosa con spezie, portamela: la porta è aperta.’ Ho lasciato il suo ufficio abbattuto e ho sentito come le porte si fossero effettivamente chiuse dietro di me. Il mondo dello scandalo non fa parte del mio lavoro. E se insisto per continuare, inizierà anche il mio declino e oggi sicuramente non saremmo qui”.

Veduta panoramica dell'ufficio di Paolo a Paolo.
Veduta panoramica dell’ufficio di Paolo a Paolo.Stefan Giftthaler

L’opera di Di Paolo orbita sempre tra la sottigliezza del suo sguardo e la mostruosa gravità delle figure fondamentali dell’epoca come Oriana Fallaci, René Clair, Giorgio De Chirico, Ezra Pound, Marcello Mastroianni o Anna Magnani, che ritrae in modi inconsueti. storia d’amore nella sua casa del Circeo con il figlio disabile. Ha anche documentato i rituali quasi nascosti degli antichi aristocratici neri romani, come la festa di abdicazione della grande principessa Pallavicini, dove era l’unica fotografa autorizzata; o i momenti che scoppiettano nel silenzio politico di due epoche che hanno segnato una rottura definitiva con il passato, come i funerali del segretario generale del Pci, Palmiro Togliatti.

Il Paese tremava già con il primo boom sociale del boom economico che lo modernizzò negli anni Sessanta e crescenti tensioni sociali. La magia lo ha anche diviso in due. Una crepa va in scena da nord a sud e che il Paese sta cercando di ricucire con infrastrutture chiave come l’Autopista del Sol, che attraversa l’Italia e la cui inaugurazione è stata fotografata dal giovane Di Paolo. Quel giorno, invece di fotografare vescovi e sindaci che tagliavano nastri, Di Paolo salì in cima a una collina e colse di spalle una famiglia povera in una capanna, che osservava la prima macchina passare tra gli ulivi e i campi ricoperti di campagna. .pronto a partire.

Di Paolo, uomo volitivo che voleva solo essere un insegnante di Filosofia fino a quando non si è imbattuto in una Leica III C in una vetrina alla vigilia della laurea, è sempre stato un intellettuale. Un artista che a volte è più interessato all’etica che all’estetica del suo lavoro. Un’isola in una primavera storica paparazzi, proprio mentre l’ufficio sta per essere riempito di cecchini alle porte di ristoranti e hotel costosi. Lo ha sempre odiato. “Ci hanno messo in imbarazzo ad uscire per le strade con le telecamere al collo”, ricorda, sorseggiando la bibita che sua figlia gli ha portato. Lavora in modo diverso. Quando un’attrice è arrivata a Roma, gli ha inviato un mazzo di fiori e un biglietto da visita chiedendogli di fotografarla.

La mano di Paolo di Paolo che tiene la sua macchina fotografica.
La mano di Paolo di Paolo che tiene la sua macchina fotografica.Stefan Giftthaler

Quindi, tra le altre cose, ha interpretato Kim Novak che ha perso il trambusto che aspettava alla porta del suo hotel. “Da cosa? paparazzi è un fenomeno alimentato da Fellini. Non ce n’erano quando ho iniziato, ma ha creato un modello che poi hanno copiato. FareLa vita di Dolce? Non è mai esistito. Questa è anche la sua invenzione e il suo sceneggiatore. Ha creato un mondo intero nei suoi film, lontano c’era una Roma che non conosceva. Ma guarda, le persone vengono da ogni parte per vivere questo fenomeno in via Veneto e, alla fine, diventano paesaggi”.

Una stampa di Di Paolo, tre sceicchi seduti in una strada romana, ricordano la visione. Il gruppo originario di Di Paolo era composto da quattro o cinque amici che volevano esprimersi artisticamente in qualche modo, ricorda. “Veniamo da esperienze diverse. Abbiamo una grande determinazione, perché veniamo dalla fine della guerra. Non siamo felici perché non sappiamo cosa sia la felicità. Ma all’improvviso abbiamo trovato la capacità di sognare e realizzare i sogni”, ha spiegato. Vogliono la verità, anche nelle foto. E in parte a causa di quell’umiltà ed etica del lavoro, ha accesso a spazi che nessun altro fotografo ha mai sognato. Per questo ha anche potuto accompagnare per tutta l’estate personaggi complicati come Pier Paolo Pasolini (allora giovane scrittore e poeta) per realizzare un reportage intitolato Lunga strada di sabbia. Trascorsero metà del viaggio in silenzio, sulla MG decappottabile di Di Paolo. Ma l’amicizia e il rispetto che si sono creati hanno aiutato registi e intellettuali ad aprire le porte delle loro case e fare film come il Vangelo secondo Matteo. “È molto serio, crede in tutto ciò che fa. Quando ero al servizio fotografico, sono rimasto sorpreso dal profondo rispetto che tutta la squadra aveva per lui, sempre in silenzio. Alcune delle più belle foto oggi disponibili di cineasti uccisi sono autografate da Di Paolo.

Libri e foto nell'angolo dell'ufficio di Paolo di Paolo.
Libri e foto nell’angolo dell’ufficio di Paolo di Paolo.Stefan Giftthaler

Ma Di Paolo si è stancato di interpretarlo. O non rientra più nella sua vita familiare, come sottolinea anche sua figlia. Ha iniziato a lavorare come art director per carabinieri. Si adattava alla sua estetica monotona, all’edizione metodica del suo annuario alla fine di ogni anno ea una tranquilla vita familiare. “Nei fine settimana invita a mangiare meccanici e pittori. A casa non abbiamo mai visto le stelle», ricorda la figlia, al suo fianco. Non sapeva nemmeno esattamente cosa avesse fatto suo padre finché non hanno lasciato alcune foto di suo padre su un antico romano chiamato Maldoror (come quel personaggio del principe Lautréamont) che Di Paolo frequentava. Il suo proprietario, stupito di trovare una stella sfuggita che nessun altro conosce un giorno, la scopre e la magia avviene.

Bruce Weber è passato davanti al negozio e li ha presi tutti senza sapere chi fosse l’autore. Nel ritratto compaiono Mastroianni, Visconti, Pasolini… Un mondo interessante e famoso, ma catturato in un modo unico. Al suo arrivo negli Stati Uniti, l’ormai controverso fotografo ha ritrovato la firma di Di Paolo dopo ogni zoom. Affascinata, inizia a indagare, diventa ossessionata dall’uomo che ha fatto paura alla maniera di Greta Garbo e inizia una relazione con un italiano che porta all’uscita di un documentario sull’opera fondamentale per comprendere l’Italia degli anni Sessanta. Ma a volte arriva anche un miracolo. All’inizio delle riprese, il direttore creativo di Gucci Alessandro Michele è passato davanti allo stesso antiquario e ha avuto la stessa sensazione. Promosse poi una grande mostra in quell’universo: si tenne al MAXXI di Roma tre anni fa e la grande influenza del lavoro del bambino che subì grazie al vino fu certificata per sempre.

Puoi seguire ICON su Facebook, Indonesia, Instagramo iscriviti qui per bollettino.

Alberto Baroffio

"Lettore certificato. Zombie geek. Avido esperto di alcol. Tipico fanatico del cibo. Praticante di viaggio."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.