Non vogliono Djokovic in Italia. O fatti vaccinare o stai a casa, dice il vincitore dell’Open di Francia

Come è noto, Djokovic è stato espulso dall’Australia all’inizio dell’anno per problemi di vaccinazione e visto, quindi non ha potuto difendere il suo titolo e, ovviamente, i punti guadagnati nel primo grande slam.

Le vaccinazioni non hanno avuto effetto all’inizio del torneo di Dubai, ma il serbo è stato clamorosamente eliminato da Jiří Vesel nei quarti di finale, quindi era chiaro in anticipo che sarebbe stato sostituito dal russo Daniil Medvedev.

All’inizio di questa settimana, il viceministro dello sport italiano Valentina Vezzali ha affermato che le vaccinazioni potrebbero non essere obbligatorie per iniziare il torneo a Roma. “Forse Djokovic non potrà entrare in albergo o al ristorante. Ma se vuole giocare alla Roma, può farlo”, ha detto Vezzali, ex schermidore e sei volte campione olimpico.

Ma le sue parole hanno suscitato un’enorme ondata di odio tra parti del pubblico e funzionari.

Riassunto della partita Novak Djokovic – Jiří VeselýVideo: sntv

Si è opposto anche Giovanni Malagò, capo del Comitato Olimpico Italiano. “(La partecipazione di Djokovic) manderà pessime notizie. Le madri e i padri dei bambini mi scrivono ogni giorno lamentandosi che non possono fare sport a causa delle regole della pandemia. Spiegami perché lui (Djokovic) può fare sport nello stesso condizioni?” ha detto alla RAI.

D’accordo anche l’ex campione italiano Open di Francia Adriano Panatta. “O Djokovic sarà vaccinato o dovrà restare a casa”, gli ha detto l’ex quarto giocatore del mondo.

Al serbo è stato detto qualche giorno fa che non si sarebbe vaccinato ed era finalmente pronto a saltare un altro torneo del Grande Slam se le vaccinazioni fossero state obbligatorie.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.