Nadia Tereskiewicz – Marie Claire

A 25 anni, l’attrice franco-finlandese ci ama come una tata onesta e inquietante in una commedia nera Baby-sitter. Presto apparirà in altri tre film, questa nascita entusiasta gode della sua immensa felicità.

Esaudire.

Lago

È cresciuto a Cannes e ha trascorso le vacanze in Finlandia, paese natale di sua madre, un’insegnante di nordic Pilates. Durante le giornate estive, tra l’alba alle quattro e il tramonto alle ventidue, passeggia nei boschi e raccoglie fragole con la sua famiglia. Cosa gli piace? Nuota a quattro zampe e poi lasciati andare alla deriva nel lago.

Estate 2020, ha ritrovato questi ricordi sul set Baby-sitter, a Montreal: nei fine settimana, con la regista Monia Chokri, si tuffano nei laghi e chiacchierano sulle rive erbose.

richiedente

Da adolescente amava molto i grandi scrittori russi del XIX secolo: Dostoevskij, Turgenev, Tolstoj… Segnato da Anna Karenina, di cui ha mangiato due volte le novecento pagine, il cuore che batteva per l’ufficiale Alexei Vronsky…

Ma tocca all’eroina farlodopo il teatro, racconto di Cechov, in cui si identifica: dopo aver assistito a uno spettacolo, una giovane ragazza (anche Nadia) sogna di scappare con il suo corteggiatore. “Sembra che Cechov mi abbia letto nel pensiero.”

Danza

Con un temperamento “entusiasta e positivo”, Nadia è meno stressata rispetto a quando ha debuttato come attrice nel 2016 e coglie l’occasione: “L’anno scorso sono andata a girare in Madagascar, Algeria e New York”.

Un’altra grande gioia: vedere la sua ex compagna della Pôle National Supérieur de danse Rosella Hightower di Cannes esibirsi all’Opéra Garnier, da ultimo al corpo e animadi Crystal Pite.

bambino

Nell’estate del 2020, le riprese Baby-sitter svolgersi in massima sicurezza per affrontare la pandemia: tra ogni ripresa, il set viene disinfettato; Nadia e le sue colleghe indossavano maschere e occhiali.

“Non ci era permesso rimanere più di quindici minuti con i bambini che interpretavano il ruolo del bambino di famiglia. A volte mi sono ritrovato a giocare con sei bambini diversi”.

gaga

Una volta alla settimana balla gaga, una mossa sviluppata dal coreografo israeliano Ohad Naharin, che aiuta ad arricchire la consapevolezza del proprio corpo, aumentando la flessibilità risvegliando i sensi: “Ci muoviamo come se fossimo nel miele o nell’acqua…” Nadia prevede di presentare l’esercizio a Valeria Bruni Tedeschi, per il quale ha appena sparato Mandorlo (sulla scuola fondata da Patrice Chéreau e Pierre Romans al Théâtre des Amandiers di Nanterre).

“Recentemente ho frequentato un corso a gaga una settimana, in una foresta in Italia: abbiamo dormito in una tenda e ballato tutto il giorno… Mi è sembrata una trance”.

molti anni

Nei film successivi, tom (1) di Fabienne Berthaud e scuola di volo (2) di Robin Campillo, Nadia apparirà come madre.

Nuove esperienze alimentate dal suo ruolo di primogenita in casa: “Mi prendo cura della mia sorellina. Le insegno a leggere e scrivere… salta anche le lezioni! Mia sorella ha dieci anni di meno… Perché io solo Ascolto musica rock degli anni ’80 e ’90 e non sapendo nulla delle nuove tecnologie, mi sento come se avessi trent’anni più di lui”.

San Valentino

Una volta alla settimana, Nadia trova le sue migliori amiche ballerine, Marion, Alice, Eugenie e Olivia, attorno a un’attività: sauna, opera o gaga.

Ogni 14 febbraio seguono la tradizione finlandese che il giorno di San Valentino celebra l’amicizia. “Quel giorno ho inviato anche lettere e pacchi. La mia ultima spedizione? Una pietra di creatività (crisoprasio, ndr) dal Madagascar. Adoro andare all’ufficio postale”.

Baby-sitter, di e con Monia Chokri, oltre a Patrick Hivon…

1. Nelle sale l’11 maggio.
3. In produzione.

Questo articolo è apparso originariamente nel numero 836 di Marie Claire, datato maggio 2022.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.