Muore medaglia d’argento agli Europei di calcio, ha 80 anni

La triste notizia è arrivata domenica dall’Austria. All’età di 80 anni è morto il leggendario giocatore e allenatore bosniaco Ivica Osim, che poteva vantare una medaglia d’argento agli Europei del 1968 e due titoli nel campionato austriaco. Ti ha messo fuori come allenatore con lo Sturm Graz. I media austriaci hanno riportato la sua morte.

Il famoso calciatore e allenatore bosniaco è morto a Graz, dove nel 1998 e nel 1999 ha celebrato il campionato austriaco come allenatore dello Sturm Graz. Era anche un giocatore di successo prima di iniziare la sua carriera di allenatore.

Ha iniziato a lavorare nel calcio professionistico nel 1959 al club eljezničar Sarajevo, poi ha giocato anche a Strasburgo, Sedan e Valenciennes. Nel 1968 è stato membro della nazionale d’argento jugoslava ai Campionati Europei in Italia. È persino entrato tra i primi undici del campionato.

Dopo aver appeso le scarpe da calcio ai chiodi, ha iniziato ad allenarsi. Nella stagione 1984/1985, eljezničar ha portato alle semifinali dell’allora Coppa UEFA. Come assistente allenatore, è stato anche coinvolto nella corsa del bronzo jugoslavo alle Olimpiadi del 1984.

Oltre a Graz, ha anche allenato il Partizan Belgrado, il Panathinaikos Atene e la nazionale giapponese. Ha lavorato anche per la Federcalcio bosniaca. I media in Austria, dove ha vissuto finora, hanno riportato la sua morte.

TN.cz

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.