Muore l’attrice italiana Monica Vitti

L’attrice italiana Monica Vitti è morta all’età di 90 anni. Sulla sua morte, secondo l’agenzia ANSA Lo ha detto su Twitter l’ex sindaco di Roma e critico cinematografico Walter Veltroni. Lo ha confermato anche il ministro della Cultura Dario Franceschini.

“Addio, Monika Vitti, arrivederci Regina del cinema italiano. Oggi è un giorno molto triste, il grande artista e grande persona d’Italia è partito”, ha detto il ministro Franchescini in una nota all’agenzia di stampa Afp.

Vitti divenne un’icona del cinema italiano e mondiale, fu l’ispirazione del regista e sceneggiatore italiano Michelangelo Antonioni e poi partner del comico Albert Sordi. Vive in isolamento dal 2002 perché ha il morbo di Alzheimer.

Vitti interpreta un’ampia varietà di personaggi sullo schermo, dai ritratti psicologici di eroine moderne a personaggi comici femminili capricciosi. Successivamente si è affermato anche nel campo della sceneggiatura e della regia.

Ha incontrato Antonioon come regista per la prima volta durante le riprese di The Adventure – e per il suo ruolo ha ricevuto il premio come migliore attrice alla Berlinale. Ha anche recitato in tre delle altre opere degne di nota di Antonioni della prima metà degli anni ’60: Night, Eclipse e Red Desert. Grazie a questa “tetralogia dei sentimenti”, l’attrice, splendida con una bellezza insolita e misteriosa, ha raggiunto la fama internazionale.

E quando ha rotto con Antonio poco dopo il suo 35esimo compleanno, ha subito dimostrato che il suo record di recitazione è più ampio. Ha formato un grande duo comico con l’attore e regista Albert Sordi. Nel 1974, ha anche interpretato un piccolo ruolo nel film Il fantasma della libertà, solo per lavorare con l’acclamato regista Luis Buňuel.

Negli anni ’80 inizia anche a lavorare come sceneggiatore e regista. Con il suo nuovo compagno di vita, regista e fotografo Robert Russ, ha scritto la sceneggiatura e recitato nella commedia Flirt (1983). Un anno dopo, è diventato un ospite ufficiale del Karlovy Vary Film Festival.

Il suo ultimo lungometraggio è Scandalo segreto del 1989, che ha anche diretto e co-sceneggiato. Durante la sua carriera, si è esibito al fianco di grandi attori come Marcello Mastroianni, Alain Delon, Terence Stamp e Michael Caine.

Per la sua interpretazione, l’attrice ha vinto, ad esempio, cinque premi italiani dal David di Donatello, un premio alla Mostra del Cinema di Venezia e l’Ordine al merito per la Repubblica Italiana.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.