Muore la fotografa mafiosa Letizia Battaglia

Letizia Battaglia, la fotografa italiana che ha documentato la cattura di boss mafiosi e i corpi delle loro vittime, è morta nella sua città natale siciliana, Palermo. Ha 87 anni.

Tra le autorità ad annunciarne la morte c’era il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che ha custodito la sua bara al funerale giovedì in municipio, il giorno dopo la sua morte. La causa della morte non è stata rivelata, ma Battaglia aveva da tempo problemi di salute.

La maggior parte del suo lavoro, soprattutto in bianco e nero, esplora la vita quotidiana di chi vive nel quartiere povero di Palermo, controllato da Cosa Nostra. Battaglia ha anche fotografato i siciliani comuni in tempi di tristezza e gioia.

Tra le sue fotografie c’è uno dei cadaveri di un governatore siciliano assassinato e sostenuto dal fratello, che 35 anni dopo sarebbe diventato presidente d’Italia.

Battaglia ricorda come il 6 gennaio 1980 corse sul luogo della sparatoria mortale di un uomo a bordo di un’auto e iniziò a fotografarlo prima che sapesse chi fosse la vittima.

Non passò molto tempo prima che apprese che il morto era il governatore, Piersanti Mattarella, e che una delle persone che corse a trattenerlo quando fu scaricato dalla sua auto era suo fratello, Sergio.

Battaglia è stato interrogato sulla foto e ha detto che, sebbene abbia catturato la scena della morte, per lui ha rappresentato un momento di speranza perché Sergio Mattarella avrebbe avuto la determinazione e il coraggio per intraprendere una carriera politica e raggiungere gli incarichi più importanti. in Italia.

Oltre ai morti per le strade di Palermo, Battaglia racconta anche la sua vita. La foto sulla copertina del suo libro fotografico, “Palermo amore amaro” (Amore amaro di Palermo) ha una ragazza molto magra, quasi un’adolescente, che tiene un pallone da calcio in una mano e fissa intensamente la telecamera mentre si appoggia allo schienale. su un muro di graffiti nell’aspro quartiere di Kalsa nel 1982.

Un’altra foto ritrae una ragazza che lava i piatti in una casa così povera che c’è un gabinetto in cucina. Altre foto mostrano la coppia che si abbraccia sulla spiaggia o si bacia nei campi.

Le foto di Battaglia presentano anche scene familiari ai palermitani, soprattutto negli anni ’80, quando le guerre tra clan mafiosi invasero la città. Una fotografia del 1983 mostra tre corpi, uno su un pavimento piastrellato, un altro su un divano e un terzo su una poltrona, in un appartamento dove sono avvenuti i tre omicidi.

C’è anche una vecchia madre con la foto del figlio, giornalista radiofonico che ha osato denunciare per nome la mafia locale ed è stato ucciso legato a un binario e fatto saltare in aria con la dinamite nei vestiti.

“Con le sue foto Letizia Battaglia cattura l’anima del Palermo”, ha scritto su Facebook il senatore Pietro Grasso, già procuratore capo contro la mafia, porgendo le sue condoglianze. “Le donne e le ragazze che ha fotografato per tutta la vita, e le foto del crimine, della mafia, andava sulle scene del crimine davanti alla polizia”.

Battaglia coglie “Il dolore delle vittime, l’arroganza dei boss mafiosi, il sangue nelle strade, il protagonista della guerra contro Cosa Nostra”, ha aggiunto Grasso.

È nato a Palermo il 5 marzo 1935, si è sposato all’età di 16 anni e ha tre figlie. A trent’anni ha iniziato a fotografare, ha lavorato a Milano, poi è stato assunto da un giornale siciliano per lavorare a Palermo. Il lavoro di Battaglia è stato pubblicato anche da importanti settimanali italiani come L’Espresso e Panorama.

Battaglia fu vicino alla politica, ricoprendo il ruolo di assessore alla cultura di Palermo durante una delle prime amministrazioni del sindaco di Orlando e di rappresentante nella legislatura regionale siciliana.

Con una personalità esplosiva, sempre giovane nell’aspetto, Battaglia, il cui cognome in italiano significa battaglia, lavorò fino agli ultimi mesi della sua vita. Uno dei suoi ultimi incarichi è stata la copertina di 7, il settimanale Corriere della Sera. La foto mostra la cantautrice italiana di 19 anni Ariete.

In un’intervista per il libro “Palermo amore amaro”, l’intervistatrice ha fatto notare che alla fine non si è mai parlato di mafia.

“Beh, meglio,” rispose Battaglia. “Perché ne parli sempre? Superiamoli”.

I parenti di Battaglia dissero che il suo corpo sarebbe stato cremato e le sue ceneri disperse in mare vicino a Palermo secondo il suo ultimo desiderio.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.