Mondiali 2022: Joao Pedro, il brasiliano che ha lasciato Balotelli dalla rosa dell’Italia

Amauri, Osvaldo, a destra… e Joo Pedro Geraldino dos Santos Galvo (Ipatinga, 3-9-1992). Il capitano del Cagliari, che ha omesso Balotelli dalla decisione dell’Italia per i playoff dei Mondiali, si è aggiunto alla sua formazione. l’originale attaccante che negli ultimi anni ha indossato la maglia ‘Azzurra’. Ma… Chi è Joao Pedro?

Debutto con Vanderlei Lussemburgo

Joao Pedro si è diplomato all’accademia giovanile dell’Atltico Mineiro e ha debuttato con il Brasileirao il 23 maggio 2010. L’ex giocatore del Real Madrid Vanderlei Luxemburg gli ha dato un’alternativa all’età di 18 anni, due mesi e 14 giorni nella vittoria contro l’Atletico Paranaense (3-1).

Può giocare come trequartista o come attaccante perché è molto veloce

Vanderlei Lussemburgo

“Non puoi giudicarlo dai 5′ che gioca, ma sta a noi vedere di cosa è capace. Può giocare come trequartista o come attaccante perché è molto veloce”. ha lanciato “Luxa” dopo la sua prima.

L’amico d’infanzia di Neymar

L’attaccante cagliaritano si prepara all’esordio in Italia… ma prima passare inferiore al Brasile. Non è mai entrato nella squadra maggiore, ma questo non gli ha impedito di sviluppare una bella amicizia con Neymar.

Dalle 14 alle 17 abbiamo giocato insieme e creato una vera amicizia. Coutinho, Neymar e io siamo sempre insieme

Joao Pedro

“Abbiamo creato una vera amicizia. Dalle 14 alle 17 abbiamo suonato insieme. Poi non sono più tornato con le giovanili. Siamo sempre insieme, lui, Coutinho e io: in movimento, in concentrazione, ovunque…”, ammette.

Doveva pagare per trovare il suo posto nel mondo

Una novità nel roster di Mancini diretto al Palermo nel 2010… ma non è riuscito a completare. Questo è di più, È stato ceduto in prestito a Vitria Guimaraes e Pearl prima di tornare in Brasile per unirsi ai ranghi di Santos.

Nel 2013-14 è tornato in Europa e, dopo aver segnato otto gol in 25 partite, ha firmato per il Cagliari in cambio di un milione di euro e il trasferimento di Matas Cabrera.

Sei mesi di sanzione antidoping

Joao Pedro ha vissuto anche episodi extra-sportivi che hanno segnato la sua carriera. Nel maggio 2018 è stato sospeso per sei mesi dopo essere risultato positivo. Hanno trovato tracce di un diuretico del diuretico vietato (idroclorotiazide) nei loro campioni. Apparentemente è stato a causa degli integratori contaminati somministratigli dal suo medico. Sono rientrato dalla ‘porta grande’: 3′ al rientro ha segnato contro il Milan.

Questo non è l’unico episodio che vuole cancellare dalla sua carriera. Il suo prestito a Vitria Guimaraes è stato interrotto Dopo il volo arrabbiati e affronta l’allenatore e il vicepresidente dopo il cambio. Inoltre, nel 2017, Gli è stato vietato di giocare quattro partite per aver calpestato Chiesa.

“Il miglior capitano della squadra del mondo”

L’italo-brasiliano è sbarcato a Cagliari nel 2014. Non poteva evitare la retrocessione alla sua prima stagione… tornare subito in Serie A segnando 13 gol in 38 partite nel 2015-16.

Infatti, se la squadra sarda non è ancora calata, è soprattutto per il gol di Joao Pedro. Il suo totale di 83 gol in 263 partite lo ha reso il quarto capocannoniere di tutti i tempi del club. Molto lontano, sì, dal mitico 205 Luigi Riva.

C’è un record di Riva che so che Joao Pedro ha eguagliato. Sono gli unici due calciatori nella storia del Cagliari ad aver segnato 10 o più gol in tre stagioni consecutive.

Il suo record in Serie A è di 18 gol segnati nella stagione 2019-20. Da tanto tempo, Solo Immobile (77), Cristiano Ronaldo (60), Lukaku (77), Lautaro (45) e Berardi (45) hanno battuto i 44 gol di Joao Pedro.

Vivo in una bellissima città affacciata sul mare. La gente viene qui e non vuole più andarsene

Joao Pedro

L’ex Atltico Mineiro, Palermo e Santos sono felici a Cagliari e si vede: “Sono il capitano di quella che, secondo me, è la migliore squadra del mondo. Vivo in una bellissima città affacciata sul mare. La gente viene qui e non vuole più andarsene”.

È italiano dal 2017!

La prima chiamata per “Azzurra” sarebbe potuta arrivare prima, Bene, ha la cittadinanza dal 2017. Era stato, per molto tempo, semplicemente italiano. Ho conosciuto sua moglie, Alessandra Chiariello, a Palermo nel 2010 e hanno due figli, Andr ed Elisabetta.

Non mi aspettavo la chiamata e non credo nemmeno di meritarmela… ma vuol dire comunque che ho fatto la cosa giusta

Joao Pedro

Mentirei se dicessi che giocare con l’Italia non mi rende felice. Stiamo parlando di una delle squadre più forti della storia. E poi questo è un Paese che mi accoglie e mi dà tutto quello che ho. Non mi aspettavo la chiamata e non credo nemmeno di meritarmela… ma significa comunque che ho fatto la cosa giusta”.ha rassicurato.

“E’ tra i ‘top 5’ più forti attaccanti”

“Ho fatto un po’ di tutto. Nel calcio moderno non puoi giocare solo un ruolo”, ha detto Joao Pedro, che Ha un ottimo dribbling, un’ottima visione del gioco e un tiro preciso: Ha segnato 21 dei 26 rigori subiti in Serie A. Ha anche lasciato un bel gol con il suo tiro acrobatico.

Quando è arrivato era meno efficiente, ma aveva già delle buone mosse. Attualmente è tra i primi cinque attaccanti della Serie A. È un grande capitano e leader”, ha detto il collega Leonardo Pavoletti.

Questo è un ‘9’ completo. Potrebbe avere spazio nella migliore squadra del mondo. È perfetto per la partita dell’Italia

Walter Mazzari

Anche il suo allenatore, Walter Mazzarri, lo ha ‘piegato’. “È un completo ‘9’. Può avere spazio nella migliore squadra del mondo. Ti meriti questa chiamata. Ha la tecnica e la capacità di fare sacrifici. Perfetto per il gioco italiano”.

Lo conosco bene. Gioca in Italia da molti anni e sappiamo che ha qualità tecniche molto elevate

Roberto Mancini

Anche Mancini, finalmente, gli ha dato un ‘braccio da torcere’: “Lo conosco bene. Ha giocato in Italia per tanti anni e sappiamo che ha una qualità tecnica molto alta”.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.