MondialeSBK

Il Campionato del Mondo MOTUL FIM Superbike 2022 è iniziato alla grande, con tre delle prime sei gare decise in meno di mezzo secondo. Inoltre, tutte le battaglie hanno un momento clou, incluso lo “scontro dei giganti” ad Assen. Dallo spettacolare ritorno di lvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) in Ducati, alla nuova (e nascente) rivalità tra Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha con Brixx WorldSBK) e Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK), alle straordinarie prestazioni di diversi esordienti, quali conclusioni traggono le prime due date del 2022?


FUORI SCRIPT: il 2022 è come il 2021, ma anche meglio

Lo sviluppo della campagna 2021 ci fa pensare che sia una campagna che non può essere ripetuta, ma l’inizio della stagione WorldSBK 2022 ci invita a ripensare a questa convinzione. Al MotorLand Aragón si è vissuto un vero weekend classico; L’esordio stagionale, già al culmine con un duello tra Jonathan Rea e lvaro Bautista nella gara di apertura, si è concluso con un interessante scambio di posizioni alle ultime due curve dell’ultimo giro. Rea è partito forte, con una vittoria. Bautista ha reagito domenica e ha raccolto entrambe le vittorie per porre fine a due anni di siccità nel primo cassetto. Ad Assen si è ripetuto il duello tra Rea e Bautista, prima che il Round si fosse acceso in Gara 2 con il vantaggio tra il campione del mondo in carica Toprak Razgatlioglu e il pilota nordirlandese della Kawasaki causando una caduta insieme. Questa è stata la prima volta che il duo è caduto e ha dovuto andarsene, un incidente che ha segnato nuove vette nella loro epica rivalità.


SCOMMESSA CONFERMATA: Lecuona e Honda superano le aspettative

Dopo sei gare, Iker Lecuona (HRC Team) è sempre tra i primi dieci; se non fosse stato respinto nelle fasi finali di Gara 2 ad Aragon, forse questa frase sarebbe finita tra i primi otto. Tuttavia, il 22enne debuttante è stato in ottima forma, mostrando un potenziale impressionante durante le sue prime due settimane al WorldSBK. La top 6 al suo debutto al MotorLand Aragón, in Gara 1, è stata confermata quando ha raggiunto Assen, un circuito che lui o il Team HRC non avevano mai corso prima dell’inizio della stagione. Tuttavia, è arrivato secondo nelle FP1 e rimane comunque in un’ottima posizione per il resto della sessione il lato superiore sofferto nelle FP2. Seria Lecuona ad Assen. Due quinti posti nelle prime due gare del Motul Dutch Round hanno preceduto il suo fantastico primo podio, in Gara 2, quando un incidente di gara gli ha aperto la strada per finire al terzo posto. Il pilota di Valencia ha addirittura preso il comando della gara… in anteprima cosa accadrà nel 2022?


BMW MIXED START: Un passo da trovare e un passo da scoprire

Scott Redding (BMW Motorrad WorldSBK Team) apre il suo tempo in BMW in modo disastroso. Ad Aragon ha ottenuto il 15° posto come unico premio, un punto in Gara 1 che non lo ha aiutato a salvare la faccia. Il terzo posto nel 2021 ha però trovato un passo molto più alto ad Assen, pista dove la Casa tedesca ha sempre fatto bene, e ha ottenuto il suo primo piazzamento tra i primi cinque in Gara 2, lasciando le cinque Case nelle prime cinque gare per la prima volta in cinque anni. Si può quindi dire che la M1000RR è competitiva e il marchio ha fatto un passo avanti, massimizzando le potenzialità del suo motore e migliorando la frenata, ma il problema è che anche tutti gli altri sono migliorati. Insieme al fatto che il compagno di squadra di Redding, Michael van der Mark, si è infortunato in pre-stagione, è chiaro che la vita non sarà facile subito. Tuttavia, se Redding può continuare a fornire la forma di Assen nel prossimo round – il primo round all’Estoril, dove ha vinto l’anno scorso – lo sviluppo del progetto potrebbe richiedere del tempo.


INIZIO TOPRAK: nessun motivo di preoccupazione…per ora

Nel 2022 si svolgono due round e Toprak Razgatlioglu, il campione in carica numero 1, deve ancora vincere una gara. Tuttavia, non c’è bisogno di farsi prendere dal panico se lo mettiamo nel contesto: Aragona è un circuito dove la Yamaha storicamente non è mai stata troppo forte. Dal 2014 Kawasaki e Ducati occupano le prime due posizioni del podio. Senza dubbio, quest’anno Yamaha è andata oltre sul circuito, dove Toprak ha aggiunto tre terzi. Poi c’è Assen, dove il 25enne turco sta lottando per la vittoria negli ultimi due o tre giri, cosa che non potrà fare nel 2021. In sostanza, queste due piste sono arene che Toprak non ha mai conquistato. per registrare una vittoria, e dove anche la Yamaha non è stata in cima alla lista nel WorldSBK per più di un decennio. Dopo uno scontro con Rea terminato con le dimissioni forzate, Razgatlioglu è a 45 punti dai primi, ma ciò non contraddice i passi compiuti dalla Yamaha, ma si inserisce nel contesto della corsa al titolo e del fatto che ora Toprak abbia due rivali da battere, non è vero?


GLI INDIPENDENTI BRILLANO: Spiccano Bassani, Baz e Oettl

Come in altre stagioni del WorldSBK, non mancano i piloti indipendenti a cui prestare attenzione e alcune delle scoperte dell’anno scorso hanno reso la mossa stabile, nel frattempo principiante quest’anno ha registrato una performance migliore di quanto alcuni si aspettassero. Axel Bassani (Motocorsa Racing) ha impressionato ancora una volta mentre l’italiano libero e sorridente ha continuato a trovare il comando in vista della gara. Con pochi test pre-stagionali alle spalle e poco da mettere in evidenza durante le prove libere di quest’anno, Bassani è riuscito a sfondare due volte tra i primi sei ed è in lizza per il podio in Gara 2 ad Assen. Poi c’è Loris Baz (Bonovo Action BMW), che è il miglior pilota BMW nelle qualifiche e finora è stato il punto di riferimento per i suoi compagni di marca durante l’azione. I francesi hanno regalato al team Bonovo di Michael Galinski il primo posto tra i primi 6, il loro miglior risultato nel WorldSBK, e ancora una volta hanno dimostrato di cosa è capace in questo campionato. Poi c’è il debuttante Philipp Oettl (Team Goeleven), che si è comportato bene ad Assen, anche se si sta ancora adattando alla sua nuova categoria. Settimo in Gara 1 prima che problemi meccanici gli impedissero di fare meglio in Gara 2, il tedesco è stato finora una delle sorprese del percorso.

Goditi l’ultimo Highlight Show di Assen e segui l’intera stagione 2022 con WorldSBK VideoPass!

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.