Mondiale SBK

Il Campionato del Mondo MOTUL FIM Superbike 2022 ha subito due primi round ad alta intensità per dare il via alla stagione. All’ultimo Motul Dutch Round si apre un nuovo capitolo della rivalità tra Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha con Brixx WorldSBK) e Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) con il loro scontro in Gara 2, mentre lvaro Bautista (Aruba it. Racing-Ducati ) entrerà nel round terzo come leader del campionato. Tuttavia, c’è stato un traguardo storico in Gara 2, dove per la prima volta in cinque anni, cinque diverse case costruttrici hanno condiviso le prime cinque in una gara.

lvaro Bautista ha ottenuto la sua terza vittoria stagionale nell’ultima gara disputata domenica sull’iconico TT Circuit Assen. Era la diciannovesima vittoria in carriera nella categoria #19, tutte con Ducati. Il pilota di Talavera de la Reina ha battuto Andrea Locatelli (Pata Yamaha con Brixx WorldSBK) che ha ottenuto il miglior risultato della sua carriera finendo secondo sullo stesso circuito dove ha conquistato il suo primo podio nel 2021. Dietro ai piloti Yamaha, Honda ha conquistato il 340° podio .grazie alla brillante prestazione di Iker Lecuona (Team HRC). Il 22enne esordiente ha preso il comando della gara dopo l’incidente tra Razgatlioglu e Rea. Quarto posto per Alex Lowes (Kawasaki Racing Team WorldSBK), il suo miglior risultato del 2022 finora, mentre Scott Redding (BMW Motorrad WorldSBK Team) ha ereditato il quinto posto dopo che Axel Bassani (Motocorsa Racing) è stato punito per molteplici violazioni del confine di pista, dando alla BMW un 5° posto finale, il suo primo major della stagione.

Questo non è uno scenario completamente nuovo, poiché questa è la 37a volta che accade nel WorldSBK. La prima volta che accadde a Sugo nel 1989, con Michael Dowson su Yamaha che vinse Kenichiro Iwahashi su Honda, Giancarlo Falappa con una Bimota motorizzata Yamaha, Doug Polen su una Suzuki e Takahiro Sohwa con una Kawasaki. In gara c’era un’altra Casa, la Ducati, ma è stata una giornata disastrosa per il marchio italiano: Raymond Roche è riuscito a finire solo al 18° posto, mentre Baldassarre Monti non ha concluso.

Tuttavia, per sapere la prima volta che si svolge il repoker ufficiale, tutti con i propri motori – da quando Bimota ne utilizzò uno Yamaha nel 1989 – bisogna andare alla fatidica gara del 1996, con Phillip Island come tappa. Anthony Gobert ha vinto con la Kawasaki davanti a Colin Edwards (Yamaha), mentre Troy Corser si è assicurato il titolo per la Ducati finendo terzo. Nel suo ultimo round con Castrol Honda, Carl Fogarty ha tagliato il traguardo al quarto posto, mentre l’idolo locale Peter Goddard è arrivato quinto.

Le statistiche rivelano che l’anno in cui cinque produttori sono stati tra i primi cinque più volte è stato il 2010, così come otto volte. Tuttavia, cinque non sono il limite: ci sono volte in cui sei costruttori occupano i primi sei posti e due volte sette costruttori riescono ad assicurarsi un posto tra i primi sette. L’ultima volta è stata nel 2011 in Gara 2 a Donington Park. L’anno migliore successivo è stato il 2000, quando in sette gare, i primi cinque sono stati occupati da marchi diversi, dimostrando che l’equilibrio è sempre stato al centro dell’etica del WorldSBK.

L’ultima volta che le cinque Case sono state tra le prime cinque al termine di una gara è stato nel 2017 a Portimao, in Gara 2, con Jonathan Rea vincitore con Kawasaki, Michael van der Mark secondo su Yamaha, Marco Melandri terzo su Ducati e davanti . . di Eugene Laverty, con Aprilia, e Jordi Torres su BMW. Altri produttori in questa categoria sono Honda e MV Agusta. Il miglior pilota della Casa giapponese è stato Takumi Takahashi che ha concluso 10°, mentre Leon Camier non ha chiuso al di sopra della MV Agusta.

Segui la stagione 2022 nel miglior modo possibile con VideoPass WorldSBK!

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.