Missione impossibile? Silvio Berlusconi lancia la candidatura alla Presidenza italiana nel 2022

Imperterrito da problemi di salute, scandali sessuali e vecchiaia, l’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi ha perseguito fermamente una promessa che una volta aveva fatto a sua madre: che un giorno sarebbe diventato presidente.

Il Parlamento eleggerà un nuovo Capo di Stato all’inizio del prossimo anno e l’85enne è il primo a correre per una corsa che potrebbe cambiare il panorama politico italiano ma non ha un candidato ufficiale.

C’erano grandi ostacoli sulla sua strada, ma si è promosso con entusiasmo che lo ha aiutato a vincere tre elezioni parlamentari e diventare il primo ministro italiano più longevo del dopoguerra.

“L’ho visto due volte nelle ultime due settimane ed è davvero emozionato”, ha detto un deputato di Forza Italia di Berlusconiche ha chiesto di non essere nominato.

Tuttavia, il magnate dei media miliardario è una figura molto controversa.

È stato temporaneamente escluso da cariche pubbliche a seguito di una condanna per frode fiscale nel 2013, ed è ancora sotto processo nell’ultima serie di casi per corruzione di testimoni in casi di prostituzione minorile legati alla famigerata orgia del “Bunga Bunga”. dieci anni fa.

Gli analisti ritengono che una personalità così divisiva troverà difficile raccogliere l’ampio sostegno necessario per eleggere un presidente, che funge da fissatore nella politica italiana ed è regolarmente chiamato, come ha fatto Sergio Mattarella, per risolvere l’impasse del governo.

Il consenso tra i partiti è fondamentale in questo momento, poiché quasi tutti i principali partiti hanno messo da parte le loro divergenze per unirsi alla coalizione di unità nazionale di Mario Draghi, creata per aiutare l’Italia a superare la crisi del coronavirus.

‘POSSO ESSERE UTILE’

Enrico Letta, leader del Pd di centrosinistra, ha escluso di sostenere Berlusconi.

Ha detto che le elezioni presidenziali “dovrebbero essere basate su un’ampia maggioranza … altrimenti il ​​governo crollerà presto”.

Nonostante gli ostacoli politici, Berlusconi ha portato avanti la sua campagna non ufficiale, presentandosi come uno statista di alto livello con esperienza nella politica europea.

I candidati alla presidenza di solito non si dichiarano prima delle elezioni parlamentari. Tuttavia, il nome di Berlusconi è apparso più volte sui media e non ha fatto alcun tentativo di reprimere la speculazione sul fatto che volesse il lavoro.

Interrogato sulle sue prospettive presidenziali in una conferenza di ottobre, ha detto: “Penso che Silvio Berlusconi possa essere utile al Paese… Non ho intenzione di dimettermi e fare ciò di cui il mio Paese ha bisogno”.

A novembre, ha inviato un’antologia dei suoi discorsi e delle sue priorità politiche a quasi tutti i quasi 1.000 legislatori che eleggeranno il presidente, impegnandosi in una lista di valori liberali nel tentativo di ampliare il suo appello.

Con una brusca inversione di marcia, ha anche elogiato il principale programma di welfare per il reddito di cittadinanza del suo nemico politico, il Movimento 5 stelle, che in precedenza aveva paragonato al Partito Comunista.

Il candidato vincitore ha bisogno dei due terzi dei voti, ma se nessuno dei due raggiunge quell’obiettivo nei primi tre turni, il limite scende al 50% dei voti più uno.

Se tutti i legislatori del blocco di centrodestra lo votano – ed è un grande “se” – Berlusconi avrà ancora bisogno di almeno 50 voti in più per farlo capo di stato, che dovrà ottenere da 113 legislatori non affiliati. .

Poiché la matematica sembra difficile, alcuni analisti ritengono che Berlusconi stesse solo sperando di guadagnare influenza per mettersi nella posizione di agire come un re.

Come dice Lorenzo De Sio, direttore del Centro Studi Elettorali Italiani dell’Università LUISS di Roma, «non ha potere contrattuale se non si ritiene ragionevole».

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.