Merry lo fece sedere sul trono, ma non celebrò. È difficile stare al passo con le notizie, ammette Medvedev

Già prima della partita sapeva che sarebbe diventato il numero uno del mondo e il tennista ceco Jiří Vesel lo ha messo sul trono quando ha sconfitto l’attuale re Novak Djokovic. Dopo che il russo Daniil Medvedev è passato alle semifinali del torneo di Acapulco, non ha nemmeno festeggiato un nuovo gol in carriera. L’invasione del suo connazionale in Ucraina ha preso il suo umore.

Ce l’aveva in mano sin dall’inizio. Dal momento che Djokovic non ha avuto la possibilità di difendere i punti in Australia, è chiaro che se Medvedev vincerà il torneo di Acapulco non dovrà vedere come si esibirà il serbo a Dubai e diventare il nuovo numero uno del mondo.

Già ai quarti di finale, Jiří Vesel, originario di Příbram e giocatore del secondo centinaio, ha realizzato il sogno di Rus. Per la seconda volta nella sua vita, ha calpestato un venti volte campione del Grande Slam e ha messo sul trono Medvedev prematuramente.

Ma i campioni di Mosca non avevano motivo di agitarsi. Il giorno in cui raggiunse la vetta della classifica, ai suoi compatrioti fu ordinato di attaccare l’Ucraina, cosa che disapprovava.

“Sono un sostenitore della pace che voglio sostenere in tutto il mondo. In tempi come questo capirai che il tennis non è più così importante. Giocare oggi non è stato facile e sono felice di averlo fatto e di aver vinto . È stata una giornata come sulle montagne russe. “, ha detto dopo essere passato alle semifinali.

Anche se ha ammesso di essere stato felice di poter finalmente salire al trono mondiale perché lo aveva sognato sin da quando era giovane, non ha sollevato troppo il suo umore. “Quando mi sveglio qui in Messico e vedo le notizie da casa, non è divertente, è molto difficile per me guardarle”, ha aggiunto.

Ammette apertamente che tutto va bene nel mondo del tennis. Il suo connazionale, numero sette del mondo, Andrei Rublyov, ha vinto il doppio a Marsiglia la scorsa settimana con l’ucraino Denys Molchanov. “È incredibile, le persone devono restare unite”, ha detto Medvedev.

Rublyov ha anche condannato fermamente la guerra in Ucraina. “Quello che è successo è orribile. Anche se i miei compatrioti potrebbero volermi lanciare pietre, questo non deve accadere. La cosa più importante al mondo è la pace e il rispetto reciproco”, ha detto il 24enne russo.

Nonostante l’attenzione del mondo sia concentrata sull’Europa orientale, una grande battaglia avrà luogo ad Acapalucus verso le cinque del mattino, ora dell’Europa centrale. Medvedev, come nuovo arrivato, vendicherà la finale degli Australian Open con Rafael Nadal.

“È sempre un onore giocare con qualcuno tra i primi tre o i primi quattro. Avrei potuto battere uno spagnolo in Australia, ma alla fine sono caduto. È stata una sconfitta dura, ma questo è lo sport”, ha ricordato Medvedev.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."