Mario Draghi: Riforme che fanno luce su 30 anni di storia politica in Italia | Internazionale

La politica italiana ha fatto della giustizia il principale cavallo di battaglia degli ultimi 30 anni. Il dibattito sul potere che contiene, la velocità del processo, la gravità della punizione e il controllo che esercita sulla classe politica e sulla corruzione hanno generato grandi fenomeni emersi negli ultimi decenni. Dalla Liga Norte a Silvio Berlusconi, passando per il Movimento 5 Stelle.Da allora l’Italia è stata divisa in due categorie piuttosto assurde: Justicialisti e Guarantisti. E nessuno è mai riuscito a convincere tutte le parti a mettersi d’accordo su come affrontare questo problema. L’esecutivo Mario Draghi, invece, si prepara a intraprendere grandi riforme che toccheranno criticità come la prescrizione del reato, la riduzione radicale delle pene detentive o gli eccessi del Consiglio superiore della magistratura (Csm).

Le riforme sono state un requisito regolare dell’UE nell’ultimo decennio e ora stanno diventando inevitabili come condizione per l’erogazione dei fondi del piano di ripresa. A Bruxelles i momenti di giustizia sono stati preoccupanti. I ricorsi di secondo livello durano in media 851 giorni (la media europea è 155) e il file arretrato, secondo i dati del 2019, è di 260.946. Per il ricorso di secondo grado, secondo i dati del capo della Suprema Corte italiana (terzo grado), Pietro Curzio, il termine è stato prorogato a 1.038 giorni. Tutto questo è inteso dal ministro della Giustizia, Marta Cartabia, per essere snellito in più modi e un processo più semplice. Ma soprattutto con l’elemento chiave che definisce la politica degli ultimi 30 anni: il dibattito sulle prescrizioni.

Ulteriori informazioni

Le riforme ora prevedono che il tempo durante il quale un imputato sarà “impeachable” è più breve. Questa è la bandiera del cosiddetto garante e ciò che chiedono sempre in modo interessante politici come Berlusconi, che è riuscito a farla franca ritardando il processo. I cosiddetti giudici della giustizia, rappresentati dal M5S, ma anche da un nutrito gruppo di giudici antimafia, sperano che la maggior parte dei crimini non raggiunga mai quella prescrizione e si impegnano a battersi in Parlamento per cambiare quel punto. La battaglia, tuttavia, è iniziata molto prima.

Il 17 febbraio 1992 il giudice Antonio Di Pietro ha chiesto un mandato d’arresto per Mario Chiesa, eminente uomo d’affari e membro del Partito Socialista Italiano. Iniziò così un imponente processo giudiziario contro la corruzione della classe politica che prese il nome di Mani pulite e che smantellò l’intero sistema di potere della vecchia Democrazia Cristiana e aprì il fulmine per tutti i fenomeni politici che sarebbero venuti dopo. Il problema era che la magistratura ne sancì l’immenso potere e indipendenza e divenne il perno su cui si articolarono tutte le battaglie politiche dei decenni successivi. Gherardo Colombo è stato il giudice che ha ordinato il caso. “Le riforme saranno positive se tutto quanto previsto potrà essere attuato. In tal caso, il processo penale sarà più rapido e questo è un aspetto tecnico che ha anche conseguenze politiche”, ha spiegato.

L’Italia è un Paese fondato sulla giustizia. A differenza di altri paesi come la Francia o la Spagna, la politica ha sempre dovuto fare i conti con questo fatto. Questo ha a che fare con l’inerzia di lunga data della Guerra Fredda nel dare meno poteri al parlamento e molto ai partiti e alla pubblica amministrazione. Ma il peso della magistratura è ancora enorme ed è stato preservato anche grazie alla dignità acquisita dopo anni di lotta al terrorismo o alla mafia. Un periodo in cui furono assassinati 21 giudici e la credibilità politica crollò. Sono stati infatti assolti dalle accuse diversi presidenti del Consiglio dei ministri: Prodi, Renzi, Bettino Craxi, Berlusconi o Giulio Andreotti.

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

Colombo ritiene che la parte più importante delle riforme, tuttavia, sia legata alla riduzione dell’uso delle carceri come strumento punitivo. “La punizione dovrebbe essere la rieducazione e non la vendetta. La Riforma ha seguito queste linee. Riduce significativamente il tempo di reclusione. E se sarà davvero fatto, rimarranno altre prigioni”. Un’idea condivisa dall’ex giudice e professor Luciano Violante. “La cosa più importante è cambiare il rapporto tra cittadino e Stato. Finora, lo stato è nel processo penale per determinare per quanto tempo deve languire in prigione ed essere separato dalla società. Qui la visione è cambiata: il carcere è l’ultima risorsa. E le attività dei giudici sono volte a ricostruire il rapporto tra il condannato e la comunità. Questo processo è lo stesso che è stato applicato ai minori e ora sarà svolto nella giustizia penale per gli adulti”, ha spiegato.

Tuttavia, molti giudici ritengono che il ritmo fissato da alcuni reati, in particolare i reati finanziari e la corruzione, fungerà ora da filtro per i criminali. Roberto Scarpinato, il giudice della storia dei tribunali antimafia come Piersanti Mattarella (il presidente della Sicilia fu assassinato da Cosa Nostra nel 1980), quel generale Carlo Alberto Dalla Chiesa (il prefetto di Palermo fu assassinato anche da Cosa Nostra nel 1982 ) o il giudice delle presunte trattative di Stato con la mafia, ha affermato che “La questione della riforma del processo penale in Italia è al centro di un contenzioso politico di 30 anni”. “Questo è un dibattito così acceso che a volte ha quasi portato a una crisi di governo. E non è così in altri paesi. Per capirlo bisogna ricordare che in Italia la Procura non dipende dal potere politico. E ha consentito alla magistratura italiana di avviare procedimenti contro molti degli esponenti di formazione Italia: senatori, capi dei servizi segreti, presidente del Consiglio… Da qui la violenta reazione di alcuni membri della classe dirigente alla magistratura e alle riforme che hanno introdotto e che rendono difficile il processo penale. L’hanno prorogata e, nel contempo, hanno ridotto i termini di prescrizione per il reato. Ed è per questo che in Italia vengono fuori tanti reati, soprattutto quelli legati alla corruzione e all’economia”, ha criticato.

La soluzione? Scarpinato non esitò. Eliminare tutte le riforme che hanno reso più complicato il processo penale, renderlo più veloce, salvare il rito delle accuse per reati gravi. “Senti, questa non è una questione tecnica legale, è una questione politica”. Problemi che spiegano 30 anni di storia.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.