Macron avvia il dibattito sulla riforma dell’Ue

  • Il presidente francese sostiene la revisione dell’accordo al termine della Conferenza sul futuro dell’Europa

  • La Commissione europea afferma che il processo decisionale unanime non ha senso “se vogliamo muoverci rapidamente”

Durante l’anno, 800 cittadini e politici di Unione europea (UE) discute e discute il futuro del continente in un esercizio paneuropeo di democrazia partecipativa in arrivo lunedì 9 maggio, giornata dell’europaal punto finale con la cerimonia di chiusura in plenaria Parlamento europeo a Strasburgo. Un atto che hanno presentato ai rappresentanti delle istituzioni europee –Ursula von der Leyen (Commissione europea), Roberta Metzola (Parlamento europeo) e Emanuele Macron (Consiglio) – da una relazione finale che include 49 raccomandazioni chiave e 300 proposte specifiche per realizzare un’UE più equa, più forte, più verde, più solidale e flessibile, con procedure decisionali più efficienti che eliminano anche l’unanimità nel processo decisionale Riforma del Trattato UE. Il messaggio più ripetuto dei partecipanti: “Non possiamo perdere altro tempo”.

“Il voto all’unanimità è una sfida enorme per il processo decisionale nell’UE. Il gran numero di Stati membri rende molto difficile raggiungere un accordo. Se necessario, gli accordi europei dovrebbero cambiare per affrontare la questione dell’unanimità”, conferma il documento inviato alle istituzioni europee dove raccomandano una rivalutazione del sistema decisionale e in particolare l’unanimità perché costituisce “sfide per il processo decisionale nell’UE”. Raccomandiamo che tutte le questioni decise all’unanimità siano decise a maggioranza qualificata. Le uniche eccezioni sono l’ammissione di nuovi membri nell’UE e le modifiche ai principi di base dell’UE”, afferma il rapporto.

“Quello che vi diciamo è il frutto di mesi di duro lavoro e sacrificio. Vi invitiamo a leggere tutte le nostre proposte e a metterle in pratica, senza stravolgerle, senza scegliere tra di esse in base a interessi e agende politiche differenti. Senza limitarti. a coloro che non considerano una modifica dell’accordo. Le proposte che presentiamo definiscono una nuova Europa. Una nuova Europa in cui crediamo e per la quale continueremo a lottare. L’Europa ci serve adesso, non sprecate questa occasione”, li ha esortati l’italiano Laura Maria Cinquini, membro della giuria dei cittadini europei. “Se noi cittadini siamo stati in grado di lavorare insieme e raggiungere un consenso, anche tu puoi e dovresti”, ha aggiunto l’avvocato delle Canarie. Jorge Pazosuno dei residenti che ha deciso di iniziare questa “incredibile esperienza”.

fine dell’unanimità

“Ho sempre difeso che l’unanimità non ha più senso se vogliamo andare avanti rapidamente”, ha risposto Von der Leyen, che ha assicurato di essere dalla parte di tutti coloro che vogliono riformare l’UE per avere successo. meglio. “L’importante è che ci abbiano detto dove vogliono che questa Europa vada e sta a noi tracciare la strada più diretta. Possiamo farlo entro i limiti consentiti dall’accordo o cambiarlo se necessario”, ha assicurato. . , ha annunciato che avrebbe dettagliato la sua prima proposta per rispondere alle proposte dei cittadini nel suo discorso sullo stato dell’Unione a settembre.

Come la Germania, Macron sostiene le riforme dei trattati per mantenere l’efficacia dell’UE. “Appoggio la riforma istituzionale e voglio che sia discussa con coraggio dal Consiglio d’Europa a giugno”, ha difeso, serrando i ranghi con il preambolo alla Convenzione richiesto da Metsola e impegnandosi affinché i cambiamenti non siano “solo stile e metodologia” ma sviluppi concreti. In una dichiarazione pubblicata Questo lunedì in occasione della conferenza, 13 Stati membri, dai paesi nordici o baltici a PoloniaCroazia o Bulgaria, hanno affermato di considerare i cambiamenti “prematuri” e che non c’è tempo per discussioni istituzionali.

Aggressione russa

Notizie correlate

Molti riferimenti durante i discorsi ad “atti di aggressione medievali”, come descrive Metsola la guerra a partire dal Russia opporsi Ucraina e la parata militare in Mosca. “Un’immagine che ci ricorda che non dobbiamo dare per scontato cosa sia l’Europa e cosa significhi”, ricorda Von der Leyen. Anche un messaggio di solidarietà con l’Ucraina e la realtà. “Anche se domani gli diamo lo status di candidato, siamo tutti consapevoli che il processo richiederà diversi anni, forse decenni, per dirlo onestamente”, ricorda Emmanuel Macron ricordando che “l’Unione Europea, tenendo conto del grado di integrazione, non può essere uno.” l’unico modo per strutturare il continente europeo nel breve termine”.

Di fronte a questa realtà, ha lanciato l’idea di costituire una “comunità politica europea” in cui possano aderire paesi come l’Ucraina o altri Stati dei Balcani occidentali, che condividono i valori europei, ma non hanno ancora iniziato l’adesione. processi e che potrebbero richiedere anni per integrarsi nell’UE, così come in altri che non hanno una chiamata ad aderire come il Regno Unito. Sebbene abbia aggirato le restrizioni su quali paesi possono formare questo tipo di alleanza, ha competenze limitate come la cooperazione politica, la sicurezza, la cooperazione nell’energia, i trasporti, gli investimenti nelle infrastrutture o il movimento delle persone.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.