L’ultimo minuto della guerra in Ucraina, in diretta | Putin assicura di annullare gli ordini di attacco alle acciaierie Mariupol, ma mantiene il blocco | Internazionale

Podoliak e Arajamia si sono offerti di recarsi personalmente a Mariupol per negoziare il futuro dei difensori della città.

Il capo negoziatore dell’Ucraina nei colloqui di pace con la Russia, Mikhailo Podoliak, si è offerto personalmente di partecipare a un “ciclo speciale di negoziati” per discutere del futuro dell’Ucraina assediata a Mariupol. Come annunciato mercoledì sul suo account Twitter, Podoliak è disposto a partecipare “senza alcuna condizione”, “uno per uno o due dopo l’altro” nella città portuale, “per salvare i nostri bambini, Azov, militari, civili, vivi e altri feriti, tutti loro, perché sono nostri». Un altro negoziatore, David Arajamia, ha manifestato la sua intenzione di accompagnarlo, avendo indicato che la proposta è stata inviata a Mosca e che si attende una risposta.

Nel frattempo, il vice comandante del battaglione Azov, Svyatoslav Palamar, ha fatto appello in un video affinché si raggiunga un accordo che assicuri l’uscita sicura dei civili dall’acciaieria. “Solo con l’aiuto di terzi i civili possono lasciare la fabbrica”, ha detto dopo aver sottolineato che le garanzie “devono essere mantenute”. Palamar ha ricordato che i continui bombardamenti da parte delle truppe russe e le violazioni del cessate il fuoco finora avevano impedito ai civili di lasciare lo stabilimento metallurgico. Riguardo ai due ultimatum dalla Russia agli ucraini trincerati nelle acciaierie per deporre le armi, Palamar ha affermato che non accettano le condizioni poste dalla Russia per deporre le armi e “consegnare i loro combattenti in modo che diventino prigionieri”.

Questo mercoledì, gli sforzi per salvare 6.000 civili da Mariupol sono stati falliti, secondo l’Ucraina, dalla mancanza di autobus e dalla mancanza di controllo della Russia sul cessate il fuoco. Il risultato è stato che il numero di rifugiati è stato “molto inferiore al previsto”. Secondo il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ci sono circa un migliaio di rifugiati civili nelle acciaierie Azovstal, che stanno combattendo le ultime unità ucraine della città. Mosca aveva dichiarato mercoledì che nessuno stava usando il corridoio per permettere ai ribelli di arrendersi o, se c’erano dei civili, per cercare riparo. (Agente)

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.