Lo spartano Lukáš Haraslín si oppone al razzismo e prende in giro i suoi nemici

Tomáš Rosický è la persona più chiacchierata dello Sparta Praga. Indubbiamente, è una delle più grandi icone del club, ma non ha avuto risultati come direttore sportivo. Secondo l’allenatore Josef Csaplár, non può fare questo lavoro.

Nel dicembre 2018, Tomáš Rosický è entrato a far parte come direttore sportivo dello Sparta. I fan hanno promesso che con l’arrivo del “piccolo Mozart”, la fama e i titoli europei sarebbero tornati a Letná. Tuttavia, questo non è stato soddisfatto, lo Sparta non ha vinto lo scudetto, festeggiando solo una Mole Cup. Anche alla Coppa dei Campioni, non rende orgogliosi i tifosi.

Inoltre, Rosický viene spesso criticato per aver scelto rinforzi di cui è direttamente responsabile. Mentre all’inizio la persona era intoccabile, ultimamente è stato praticamente il primo a colpire.

“Penso che Tomáš Rosický appartenga al calcio e allo Sparta. Ma dico che non merita di sedersi sulla sedia in cui si trova. Per sbarazzarsi di Tomas, penso che sarebbe un peccato. Ma nella posizione in cui si trova, non ce l’ha. Non ha competenza umana. e chiaramente non competenza professionale. Oltre a ciò, è limitata dalla direzione sopra di essa, “ presentato da Josef Csaplár nel programma Přímák.

“Non è contro Rosicky o qualsiasi altro direttore sportivo. Tu appartieni al calcio, ma che funzione hai ti fa male, fa male allo Sparta, fa male al calcio. Quando ricordo quanto tempo ci è voluto per diventare vicepresidente della Juventus Pavel Nedvěd, Oliver Kahn , da quanto tempo è amministratore delegato del Bayern. E lo ricevi gratis per una funzione che non riesci nemmeno a gestire”. ha detto l’ex allenatore Příbram o Zlín.

E come ha reagito Csaplár all’offerta di diventare direttore sportivo dello Sparta? “Possiamo parlarne, direi, ‘fermati, possiamo parlarne, dì quello che vuoi.’ Tornerò al calcio, ma deve essere una sfida”. ha aggiunto Csaplár.

Rosický ha recentemente sentito che se lo Sparta non avesse vinto lo scudetto, avrebbe avviato discussioni su se stesso con la dirigenza. Tuttavia, allo stesso tempo, è dietro al fatto che, oltre al titolo, ha raggiunto tutti gli obiettivi che lo Sparta si era prefissato tre anni fa: tornare in Europa, vincere trofei e allenare i suoi figli in A-team.

Quest’anno, sembra che non vincerà più il titolo. Prima della sovrastruttura, lo Sparta ha perso sette punti contro il leader slavo, inoltre all’esterno si svolgerà il duello con Pilsen e gli slavi. Cercherà di vincere il titolo la prossima stagione, sarà di nuovo con Rosick o senza di lui?

Fonte: Sport

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.