L’Italia ha completato il suo secondo finanziamento nel settore dell’istruzione in 8 anni

(Agenzia Ecofin) – Dopo il primo finanziamento nel 2014 destinato ad aumentare l’accesso delle donne all’istruzione tecnica, l’Italia ha appena concesso alla Tanzania il suo secondo sostegno finanziario nel campo dell’istruzione. Questo fondo contribuirà a rafforzare l’imprenditorialità e la formazione tecnologica.

La Tanzania ha ricevuto dall’Italia quasi 20 milioni di euro (21 milioni di dollari) per finanziare diversi progetti nel settore dell’istruzione. Il finanziamento, di cui 19,79 milioni di euro concessi in agevolazioni e 200.000 euro in contributi, è stato ottenuto da Cassa Depositi ePrestiti SpA, banca d’affari italiana.

I funzionari dei due paesi hanno firmato un accordo di finanziamento venerdì 17 giugno. Il documento è stato siglato dal Segretario Permanente del Ministero delle Finanze e della Pianificazione, Emmanuel Tutuba, e dall’Ambasciatore d’Italia in Tanzania, Marco Lombardi.

Questo finanziamento arriva dopo essere stato erogato per la prima volta dall’Italia nel 2014. I fondi sono stati stanziati per migliorare la qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento nell’istruzione scientifica e tecnologica, con particolare attenzione alla promozione dell’accesso delle donne a questo tipo di istruzione.

Il nuovo finanziamento mira a rafforzare la formazione all’imprenditorialità e alla tecnologia. Saranno così istituiti centri di imprenditorialità, innovazione e trasferimento tecnologico nei quattro istituti tecnici. Questi sono Arusha Technical College, Dar es Salaam Institute of Technology (DIT), Karume Institute of Science and Technology, Zanzibar e Mbeya University of Science and Technology.

“Questi centri incoraggeranno le capacità imprenditoriali per migliorare l’innovazione e il trasferimento di tecnologia, ridurre la disoccupazione giovanile e fornire ai laureati di queste istituzioni competenze imprenditoriali”, ha affermato Tutuba che in seguito ha affermato che i centri svilupperanno un nuovo programma di formazione e ospiteranno un incubatore e un laboratorio di innovazione.

Inoltre, i fondi saranno utilizzati per la creazione di un centro di eccellenza nella tecnologia di lavorazione della pelle, la creazione di nuovi programmi di studio nel campo della tecnologia delle energie rinnovabili e della protezione ambientale, nonché lo sviluppo di nuove tecnologie. programmi di formazione nei settori dell’energia, dell’ingegneria civile, del turismo e dell’agricoltura presso il DIT.

Vanessa Ngono Atangana

Fedele Golino

"Giocatore. Baconaholic. Secchione di viaggio. Specialista della cultura pop. Imprenditore. Sottilmente affascinante sostenitore di Internet. Esperto di birra."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.