L’Italia entra nelle elezioni presidenziali repubblicane più complicate | Internazionale

L’Italia è entrata oggi nella cerimonia istituzionale più importante della Repubblica per eleggere la persona che sostituirà l’attuale Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Eletto, con mandato settennale e che uscirà da una votazione quotidiana che si concluderà solo al raggiungimento del quorum necessario, dovrebbe pilotare dal Quirinale un periodo cruciale della storia italiana: il consolidamento delle grandi riforme varate dall’attuale presidente del Consiglio , Mario Draghi, e a promuovere con un fondo europeo per la ripresa — più di 200.000 milioni di euro — la modernizzazione di un Paese i cui orologi si sono fermati più di tre decenni fa.

La battaglia per nominare un nuovo presidente – nessun candidato ufficiale, tutto cucinato su richiesta – è la più complicata degli ultimi decenni. Il candidato principale, Mario Draghi, sarà chiaramente una figura chiave per il lavoro. Ma la sua elezione lascerà vacante il seggio di primo ministro. Un vuoto quasi impossibile viene sostituito da un nome capace di sostenere l’attuale governo di unità. Se Draghi andasse al Quirinale, le elezioni anticipate si sarebbero avvicinate. Ma per il resto, la turbolenza e il malumore in alcuni gruppi di potere che può causare ci invita a pensare alla stessa situazione. Finora nessuno dei nomi che i partiti hanno messo sul tavolo ha convinto o fatto pensare a una via d’uscita dal pasticcio. Per questo motivo, ci sono state voci che hanno sostenuto che l’attuale capo dello stato dovrebbe temporaneamente estendere il suo mandato affinché Draghi possa completare il suo mandato ed essere eletto alla carica dopo le prossime elezioni legislative.

Un conclave politico. Al via oggi alle tre del pomeriggio le votazioni per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica. Questa cerimonia è una delle istituzioni più spettacolari d’Italia, in quanto riunisce tutti i membri del parlamento, senatori a vita e rappresentanti regionali alla Camera dei Deputati. Il tutto secondo le regole che consentono la proroga Infinito voti per raggiungere un accordo e laddove il quorum richiesto sia ridotto a causa della mancata selezione dei candidati. Nei primi tre ci vogliono due terzi: cioè 673 dei 1.008 parlamentari. Del quarto servirne solo la metà più uno. Di solito, questo è quando iniziano a emergere candidati da prendere in considerazione. In precedenza venivano solitamente lanciati i cosiddetti candidati bandiera, che servivano per guadagnare tempo mentre le trattative si svolgevano parallelamente in spazi privati.

Il nome scelto di solito non viene ascoltato al primo scrutinio. Francesco Cossiga, ministro dell’Interno durante il sequestro di Aldo Moro e presidente del Consiglio del 1979-1980, è uno dei due casi contrari alla regola non scritta (752 voti su 977 elettori). L’altro è Carlo Azeglio Ciampi (1999-2006), il modello ormai utilizzato per promuovere Draghi: è banchiere ed è presidente del Consiglio e presidente quasi ininterrottamente. Gli altri, come Mattarella, Giorgio Napolitano o Oscar Luigi Scalfaro (16° voto), si sono arenati dopo tanti tentativi. Questa circostanza ha portato i partiti a prendere la prima votazione come un gioco di poker ea proporre un nome stravagante.

Papa italiano. Mario Draghi è il profilo ideale per la presidenza repubblicana. Il suo prestigio internazionale, l’apparente neutralità politica e l’età (74 anni) lo rendono una scommessa sicura. Nessuno dubitava che sarebbe stato il miglior candidato: non si è candidato, ma quando gli è stato chiesto dai giornalisti non ha negato il suo interesse. Un’altra cosa è che fa comodo a certi partiti o che la sua elezione potrebbe innescare una situazione troppo esplosiva per l’Italia. Il problema principale di Draghi è lo stesso Draghi. Mai nella storia d’Italia un Presidente del Consiglio è stato consegnato direttamente alla Presidenza della Repubblica. E il sistema non sembra ancora pronto per farlo.

Se verrà eletto l’ex presidente della Banca centrale europea, cosa che è il suo più profondo augurio, la presidenza del Consiglio dei ministri rimarrà vacante in un momento critico per il Paese. Draghi ha dovuto creare una convincente successione di tutti coloro che ora compongono l’Esecutivo dell’Unità (tutti tranne i Fratelli d’Italia). E non è una cosa facile. Il presidente del Consiglio vuole un profilo come Daniele Franco (attuale ministro dell’Economia) o Vittorio Colao (ministro dell’Innovazione tecnologica). Ma nei partiti pensano di poter essere l’uomo di paglia di Draghi nel Governo.

Unisciti a EL PAÍS per tenerti aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

Se Draghi diventa Presidente della Repubblica, le ombre di un’elezione anticipata inizieranno a diventare un fatto abbastanza reale. Tuttavia, si sta diffondendo l’idea che se non ci riesce, nemmeno il legislatore sarà garantito. I prossimi mesi saranno difficili. È possibile che alcuni partiti decidano di lasciare la maggioranza dei Dirigenti per marcare il proprio profilo e iniziare una guerra di trincea. In questo scenario nessuno credeva che Draghi fosse interessato a proseguire nel castello di Chigi. Quindi il dilemma è facile: mantenere il valore che Draghi ha portato all’istituto portandolo al Quirinale o scommettere su un prematuro licenziamento da presidente del Consiglio.

Berlusconi, fatti da parte per dettare la linea. Silvio Berlusconi, tre volte Primo Ministro italiano, titolare di Mediaset e uno degli uomini più ricchi d’Europa, prima di morire ha promesso alla madre che un giorno sarebbe diventato Presidente della Repubblica. E si può dire così Cavaliere Ci ha provato per terra, per mare e per campagne elettorali insolite e surreali. Il problema è che nemmeno la sua gente crede che un uomo con un processo pendente, pesantemente condannato per frode fiscale e con una storia di scandali e cattiva gestione politica sia quello che occuperà la posizione di guida morale dell’Italia. Sabato pomeriggio si è dimesso. Ma muore assassinato e annuncia che non supporterà Draghi. Qualcosa che rende il gioco ancora più complicato.

Berlusconi ora vuole esserlo re creatore partito e non accetterà alcun nome avanzato dai suoi partner di coalizione di destra. Cavaliere presumeva – giustamente – che la maggior parte degli esponenti dell’orbita fossero esseri politici stessi o, più direttamente, suoi associati. Quindi un proprietario Mediaset potrebbe semplicemente forzare un nome sconosciuto solo per far sì che il suo orgoglio subisca il minor danno possibile da questo concorso.

Mattarella o tutto resta uguale. Il presidente Mattarella ha mostrato alcune foto sabato pomeriggio nel suo ufficio pieno di scatole delle sue cose. Il suo mandato scade il 3 febbraio – se entro tale data non ci saranno deroghe, ricoprirà la carica di presidente ad interim del Senato – e sta già iniziando ad agire. Non voleva ripetere. Tuttavia, il suo ambiente ha detto all’inizio che se la situazione è critica il premio per il rischio salirà alle stelle – negli ultimi giorni ha iniziato a salire – può pensarci.

Questa è una mossa accaduta al suo predecessore, Giorgio Napolitano. Ed è quello che iniziano a chiedere a gran voce molti legislatori per far sì che la legislatura prosegua almeno fino a settembre, quando assicureranno la riscossione delle pensioni. Mattarella, nello scenario caos ultimamente il trading è in aumento.

Una partita dove Salvini può essere decisivo

Il gioco per scegliere il prossimo Presidente della Repubblica è più aperto che mai. Soprattutto dopo le dimissioni di Silvio Berlusconi, che cercherà di condizionare il più possibile i voti della coalizione di destra (Forza Italia, Fratelli d’Italia e Liga). Tuttavia, un allenatore può essere determinante per la scelta di Mario Draghi, a patto che i benefici siano immediati. Matteo Salvini si è aperto nelle scorse ore per eleggere l’attuale presidente del Consiglio in sostituzione di Sergio Mattarella alla carica di Capo dello Stato. Tuttavia, almeno alla Liga deve essere garantita la proprietà dal Ministero dell’Interno. La carica che lo stesso Salvini ha occupato nel primo governo guidato da Giuseppe Conte e che, in un anno elettorale, gli garantirà una visibilità formidabile.

Se però l’opzione di Draghi andrà a buon fine, Salvini dovrà rompere la linea dettata da Berlusconi nel suo ritiro, quando ha chiarito che l’attuale presidente del Consiglio dovrà restare in carica fino alla fine della legislatura.

Altri nomi usati dalla destra sono il nome della presidente del Senato, Maria Elisabetta Caselati, o dell’ex presidente della Camera, Pier Ferdinando Casini. Tutto è difficile da accettare per Berlusconi.

In questa parte del match potrebbe essere decisivo il leader italiano di Viva, Matteo Renzi. L’ex primo ministro conserva ancora un folto gruppo di deputati e senatori che potrebbe utilizzare in quella che sarebbe stata la sua ultima grande mossa politica. Nelle ultime ore c’è stato un riavvicinamento con la destra e Renzi potrebbe cercare di trovare una via d’uscita alla sua complicata situazione politica in cambio del sostegno a uno dei candidati conservatori.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook Voi Indonesiao dentro la nostra newsletter settimanale.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.