L’inverno aiuta il Torino nel campionato italiano alla vittoria in casa della Samp

I giocatori di basket di Dallas nei playoff NBA hanno vinto sul tabellone dello Utah 126:118 e hanno preso un vantaggio di 2:1 nella serie del primo turno. Hanno vinto per la seconda volta consecutiva senza Luka Donči, che soffre ancora di un infortunio al polpaccio. Anche Memphis ha fatto bene, nonostante abbia perso 26 punti contro il Minnesota. Alla fine ha vinto 104:95 grazie alla tripla doppia di Ja Moranta. Golden State ha vinto 118:113 a Denver, conducendo 3-0 nella serie e un passo avanti.

Dallas ha sorpreso Salt Lake City grazie a un’altra grande prestazione del quarterback Jalen Brunson, che ha segnato 31 punti per un infortunio alla schiena. Ha realizzato 12 tiri su 22 e ha aggiunto cinque assist.

“Mi piace molto questa squadra. Siamo combattenti e il fatto che ho fatto bene si basa sul nostro gioco”, ha elogiato Brunson i suoi compagni di squadra. Durante la partita, si è fatto male alla schiena dopo uno scontro con Royce O’Neal e ha ricevuto un errore tecnico per aver protestato. “La lega deve reagire. Subito dopo la partita”, ha detto l’allenatore di Dallas Jason Kidd.

Hanno perso il jazz di 17 punti nel primo tempo, ma dopo la pausa si sono ripresi e hanno persino preso un punto di vantaggio nel quarto quarto. Tuttavia, Brunson ha risposto con sei punti, altri quattro sono stati aggiunti da Spencer Dinwiddie e i Mavericks hanno condotto 113:104, che non hanno lasciato andare. Sono in vantaggio per 2:1 prima della quarta partita, che si giocherà di nuovo nello Utah.

Dinwiddie ha segnato 20 punti nel gioco, Maxi Kleber ha contribuito con 17 punti, di cui quattro da tre. I Jazz non sono bastati per i 32 punti di Donovan Mitchell, i 24 di Bojan Bogdanovic e i 21 di Mike Conley. L’asse di Rudy Gobert rimane a 15 punti e, tra l’altro, a 16 punti meno.

Memphis ha ribaltato il Minnesota dopo aver dominato gli ultimi 13 minuti con un rapporto di 42:12. Ce l’ha fatta anche grazie alla prima tripla doppia dei playoff nella storia del club, che Morant ha raccolto per 16 punti e 10 rimbalzi e assist.

Un’altra guest star è stata Desmond Bane, che ha segnato 26 punti, di cui sette triple, che è stato anche un record del club in una battaglia ad eliminazione. Brandon Clarke ha aggiunto 20 punti, 16 dei quali nel secondo tempo.

“Abbiamo trovato un modo per fermarli in difesa. Grazie a questo siamo riusciti anche ad attaccare”, ha detto Moranta. “Ogni volta che abbiamo raggiunto la vetta, ci siamo innervositi”, ha detto il quarterback del Minnesota D’Angelo Russell, autore di 22 punti. “Sapevamo che non avremmo ottenuto nulla gratuitamente nei playoff. Non volevamo neanche quello”, ha aggiunto il compagno di squadra Patrick Beverley.

Karl Anthony Towns è stato ancora una volta al di sotto delle aspettative, segnando otto punti su quattro tiri. Nelle ultime due partite ha segnato più falli (10) della pallacanestro dal campo (7). Il Minnesota ha perso nella serie 1:2.

L’eroica prestazione di Nikola Jokič con 37 punti, 18 rimbalzi, cinque assist e tre vantaggi non ha aiutato Denver nella loro terza partita contro il Golden State. La squadra di casa non aveva alcun vantaggio legittimo o netto nel rimbalzo del 49:35 ed era sull’orlo dell’eliminazione prima del quarto duello.

I Warriors sono stati sorteggiati da Jordan Poole e Stephen Curry, che hanno segnato 27 punti ciascuno, e Klay Thompson con 26 punti. Thompson ha superato Ray Allen nel gioco ed è terzo nella storica classifica dei playoff con 386 colpi. Il primo è Curry con 480, il secondo è LeBron James con 432.

Playoff NBA – Round 1:

Western Conference – Partita 3: Minnesota – Memphis 95:104, serie di stati 1:2; Utah – Dallas 118:126, serie di stati 1:2; Denver – Golden State 113:118, pareggio 0:3.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.