L’ex difensore del Deportivo Municipal si fa strada nel campionato italiano

L’ex difensore del Deportivo Municipal si fa strada nel campionato italiano

Il comune italiano di Biancavilla nella metropoli di Catania, in Sicilia, testimonia gli sforzi compiuti dal peruviano Gianluca Di Laura per allontanarsi dal suo paese.

L’ex difensore del Deportivo Municipal, con il quale è stato promosso in Prima Divisione nel 2014, ora difende la maglia dell’ASD Calcio Biancavilla Serie D e come difensore cerca di migliorarsi ogni giorno a beneficio della sua squadra.

Di Laura, 31 anni, ha vestito i colori di Deportivo Llacuabamba, Atlético Minero e Deportivo Municipal in Perù, dove ha vinto il titolo di Seconda Divisione.

Infobae ha contattato Gianluca Di Laura, giocatore dell’ASD Calcio Biancavilla, per fornire dettagli sulle sue esperienze nel calcio italiano.

“Mi hanno contattato l’anno scorso, uomo d’affari, per referenze anche di giocatori che ora sono miei compagni di squadra, ma poi ho affrontato l’Italia in Repubblica Dominicana ed è così che è arrivato qui”, ha detto Di Laura in esclusiva a Infobae.

Successivamente ha fornito dettagli sul lavoro tattico svolto nella sua squadra dell’ASD Calcio Biancavilla. “Ho imparato, infatti, so che la parte tattica funziona molto. della palla che viene fermata. Ho lavorato con il secondo allenatore, visto che una settimana fa hanno cambiato allenatore che avevamo e ognuno aveva una proposta nuova, dal pallone che si era fermato. Per come ha giocato, da difensore con l’allenatore precedente, volevo che coprisse l’esterno e portasse dentro gli attaccanti. La pressione è molto alta. Con il nuovo allenatore invece vuole essere forte in area, i terzini contro gli esterni vanno sempre a braccetto e il centro è in porta”, ha detto Gianluca Di Laura.

Ovviamente l’obiettivo è salire in una categoria come la C perché i budget sono diversi, la concorrenza è diversa e questo è fare piccoli salti di qualità. C’è un canale televisivo che manda in onda la serie C, è un mondo diverso. Infatti, nella serie D ci sono giocatori che sono passati attraverso la serie A, B e C. Ci sono molte rotazioni di squadra, perché la squadra va su e giù”, ha aggiunto.

A nostra volta gli abbiamo chiesto se avesse visto in televisione qualche notizia sull’apparizione di Gianluca Lapadula con la maglia del Perù. Non ho visto niente, ovviamente sanno chi è Lapadula perché qui è un giocatore famoso. È arrivato al Milan e tutti conoscono l’importanza di quella squadra e ha giocato con la nazionale italiana. Si parla di più su cosa significhi per loro non andare alla Coppa del Mondo”, ha detto.

Gli abbiamo però chiesto delle infrastrutture della serie D. “C’è molto erba artificiale, perché il clima aiuta. Gli inverni sono abbastanza rigidi e mantenere i campi in buone condizioni è difficile. Ho giocato su erba naturale e il campo è in buone condizioni. In effetti, il posto dove ho suonato era molto bello perché si vedeva il vulcano Etna che aveva perso la neve a causa del cambiamento climatico”, ha detto.

A Gianluca Di Laura, infine, è stato chiesto come va la partita nella sua divisione in Italia: “In termini di gioco, la Serie D è ben combattuta, c’è molta pressione, il calcio è molto fisico, ma soprattutto molto tattico. Qui prestano molta attenzione alla tattica, perché in due giorni abbiamo visto l’analisi video e abbiamo visto l’attacco dell’avversario e come potevamo fargli male. Ecco come è organizzata la settimana del gioco. Il mio contratto con l’ASD Calcio Biancavilla dura due settimane di maggio e come esperienza, vista la mia età, la vedo non solo come parte del calcio, ma come parte della vita, dell’apprendimento delle lingue e del networking. Tutto il lavoro nel mondo è dovuto ai contatti e qui l’ho capito”, ha detto l’ex difensore del Deportivo Municipal.

CONTINUA A LEGGERE

Perù ai playoff: l’allenatore della Francia pensa che il bicolore si qualificherà per i Mondiali del Qatar 2022
Giornalista L’Equipe: “È sempre bello vedere il Perù ai Mondiali”
Giornalista danese: “L’ultima volta che il Perù meritava di meglio che tornare a casa prima degli ottavi”

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.