L’Eurogruppo rilancia per fasi i piani per finalizzare l’unione bancaria | Economia

Il presidente della Bce, Christine Lagarde, il commissario economico, Paolo Gentiloni (al centro), e il presidente dell’Eurogruppo, Pascal Donohoe.JULIEN WARNAND (EFE)

L’Eurogruppo ha deciso di far decollare l’unione bancaria e risolverla una volta per tutte. Il suo presidente, Paschal Donohoe, è stato a lungo coinvolto in un compito che, in teoria, si tradurrebbe in una qualche forma di assicurazione dei depositi per clienti ed entità nell’eurozona che equivale al rischio in caso di fallimento della banca. Il percorso non sarà facile, come ammette lo stesso Donohoe, motivo per cui il piano che ha presentato martedì ai suoi colleghi, ministri delle finanze dell’eurozona e altri Stati membri dell’UE, ci ha riflettuto a lungo ed è sempre stato oggetto di consenso non solo sul finale progetto, ma ad ogni passo compiuto. “Questo continua a essere un progetto molto complesso dal punto di vista tecnico e politico”, ha anche riconosciuto martedì il ministro delle finanze irlandese.

Delle tre gambe imperdibili per le unioni bancarie, avviate nel 2012, due sono già in corso: il controllo delle entità bancarie che rientrano in un organismo comune, il meccanismo unico di sorveglianza, guidato dalla BCE, e uno strumento di risoluzione e/o liquidazione delle entità , denominato Meccanismo di risoluzione unico. Ma questa struttura manca di un terzo ramo: il sistema del backlog. “Ci proviamo da un decennio e non abbiamo mai ottenuto un accordo”, ricorda Donohoe.

Senza quest’ultimo, c’è una chiara asimmetria nell’eurozona: ci sono ispezioni congiunte con criteri comuni ma i rischi non sono condivisi, così che se la crisi finanziaria è grave come quella dell’ultimo decennio, la minaccia monetaria regionale è recisa. O visto dall’altra parte della moneta, come ha dimostrato il presidente del meccanismo europeo di stabilità, Klaus Regling, che aiuterà a “evitare la frammentazione finanziaria”. In precedenza, ha spiegato che chiudere il cerchio delle unioni bancarie aiuterebbe “a valorizzare il potenziale dell’economia europea”.

riluttanza tedesca

Ma questi vantaggi finora non sono stati una motivazione sufficiente per i paesi dell’area dell’euro a raggiungere un accordo. Ci sono due fronti chiari. Uno di questi è guidato dalla Germania che, in linea con la sua tradizionale avversione all’accumulazione del rischio, è riluttante a creare questo arretrato generale ea stabilire le condizioni. Uno è che il numero di obbligazioni sovrane che le banche possono acquistare dal proprio paese è limitato e calcolato meno per misurare il loro capitale o che il contributo degli enti all’assicurazione dei depositi è maggiore se la qualità dei titoli del debito pubblico è inferiore. . E l’Italia non si è qualificata lì, né la Spagna ha sostenuto, anche se è qui che la Roma ha combattuto di più. Qui il progetto si è arenato da anni e qui ricompare l’inciampo: “Loro [en referencia a los ministros de Finanzas de Alemania, Christian Lindner, e Italia, Daniele Franco] Sono stati chiari e hanno chiesto più lavoro e più impegno su questi due punti, che è esattamente quello che mi aspettavo”.

E proprio mentre indovinava cosa sarebbe successo, visto che aveva sofferto l’anno scorso, questa volta Donohoe aveva cambiato strategia. In primo luogo, gli ha dato un profilo mediatico più alto rispetto al 2021, quando ha scoperto che non c’era stoppino per raggiungere lo stesso punto. Né è stato raggiunto nel 2019, anche se allora il fallimento è stato per mano del suo predecessore, Mario Centeno del Portogallo. Lo scorso dicembre il Consiglio d’Europa lo ha rimesso all’ordine del giorno e l’irlandese ha continuato il suo lavoro visitando i ministri delle finanze dell’eurozona nei rispettivi paesi – a febbraio era a Madrid con Nadia Calviño – per studiare in prima persona la loro posizione.

Conosce profondamente tutte le facce della medaglia.

cliente

Piano di lavoro

Con questo ha redatto un piano di lavoro, presentato per la prima volta questo martedì, in cui propone di andare avanti in due fasi e quattro linee d’azione. Questo progresso in due fasi ea lungo termine garantisce la partecipazione politica dei paesi in ogni momento e che possono frenare se non sono sicuri di ciò che stanno vedendo. “Ci sarà posto di blocco tra le due fasi e questo posto di blocco è stato un momento importante. In primo luogo, fornirà agli Stati membri la garanzia di valutare se le condizioni sono pronte per passare alla fase successiva e di valutare come verranno attuate misure aggiuntive basate sui principi già inclusi nel piano di lavoro”.

All’interno delle quattro linee di lavoro ne spiccano due: quelle già citate nell’assicurazione dei depositi e nei titoli di Stato. Per la prima, la proposta di Donohoe consisteva nell’attivare una linea di liquidità per il fondo nazionale di garanzia qualora dovessero intervenire in soccorso dei depositanti (che nell’eurozona garantivano 100mila euro in caso di fallimento) dall’esaurimento delle banche. risorsa. Quindi, nella seconda fase, verrà effettuata una riassicurazione che consente ai rischi di essere reciprocamente vantaggiosi. “Non tutti, alcuni”, ha spiegato una fonte della community.

L’omogeneizzazione dei criteri di regolamento o di liquidazione degli enti è una delle linee sollevate nel piano di lavoro. In teoria, questo avrebbe dovuto essere risolto quando è stato creato il meccanismo di risoluzione unico, ma come si è visto nel corso degli anni, ciò necessita di un chiarimento. Il caso del Banco Popular, l’unica volta che questo strumento è intervenuto finora fino alla guerra in Ucraina, e quanto accaduto a una banca di medie dimensioni in Italia, salvata da Roma, sono esempi del perché è necessaria una maggiore omogeneità. . Quest’ultima linea d’azione prevede la definizione di regole chiare per garantire che le banche controllate siano trattate allo stesso modo della capogruppo quando entrambe le entità si trovano nella zona euro.

I paesi dell’Eurogruppo dovranno concordare questa mappa d’azione, che ormai da settimane si discuterà ai livelli inferiori dei ministri (segretario di Stato e segretario generale), per vedere se è possibile definire un piano d’azione definitivo a giugno. Se raggiunto, inizierà il lavoro della Commissione europea, che attende con ansia di essere affidata al compito di redigere le regole che regolano l’unione bancaria, come ha spiegato il commissario all’Economia Paolo Gentiloni: “La Commissione sarà pronta a redigere la legge requisiti della proposta”.

Zita Russo

"Comunicatore esasperante umile. Creatore hardcore. Fanatico dell'alcol in generale. Tipico sostenitore degli zombi."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.